chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Presentazione / autopromozione degli strumenti realizzati dai liutai del forum.
Regole del forum
In questa sezione i liutai professionisti e amatori iscritti al forum e che vi partecipano attivamente, possono presentare i loro prodotti con l'ausilio di foto delle fasi di lavorazione, schemi progettuali e ogni altro elemento utile per illustrare la realizzazione degli strumenti.
Gli annunci di vendita devono essere pubblicati nella sezione di Compravendita, secondo le regole della stessa.
Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » sab 07 gen 2017, 14:28

JuriRisso ha scritto:veramente questa la regalo..... comunque non ne ho idea dato che non ne ho mai vendute... .se sei interessato fammi una proposta.....!!


Sinceramente non so quanto possa valere, ma se l'hai costruita per fare un regalo è giusto che tu la regali.
Lo strumento mi sembra bellissimo con tutte le giuste caratteristiche per il repertorio.
Le prossime che costruirai decidi un prezzo e vendile, il tuo lavoro vale molto.

Balaju
Messaggi: 559
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Balaju » sab 07 gen 2017, 14:45

Se vuoi che la chitarra (bellissima) suoni, ti consiglierei di togliere via tutto quel ghirigoro...
Balaju

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 317
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda JuriRisso » sab 07 gen 2017, 14:49

concordo pienamente. Direi che in questo caso l'aspetto sonoro passa in secondo piano.. d'altro canto se sono state rimpiazzate dalla chitarra classica moderna uan ragione forse c'era. Comunque spero sia divertente suonarla... Fra qualche ora monto le corde....

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » sab 07 gen 2017, 15:50

Non sono state rimpiazzate dalla chitarra moderna.
Esistono tanti chitarristi che preferiscono suonare il repertorio dell' 800 su strumenti originali o copie dell'epoca e ti garantisco che il risultato è qualitativamente superiore a quello della chitarra moderna.
Ti consiglio l'ascolto del terzo concerto di M.Giuliani per chit. terzina, se guardi su Yutube c'è quello eseguito su di una chitarra terzina originale.
Le decorazioni io le lascerei, in questo caso la potenza sonora non ha molto importanza qui si dovrebbe parlare di musica e repertorio intimistico.
La tua terzina è bellissima.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1149
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Pietro » sab 07 gen 2017, 17:12

Balaju ha scritto:Se vuoi che la chitarra (bellissima) suoni, ti consiglierei di togliere via tutto quel ghirigoro...
Balaju


Pensavo pure io che il "ghirigoro" penalizzasse il suono tanto è vero che sulla mia romantica lo avevo drasticamente ridotto rispetto al disegno originale ma ho capito che se è leggero e ben fatto non influisce per niente (test fatti con lo strumento in bianco con e senza ghirigoro)
viewtopic.php?f=117&t=33089
Teniamo conto che il mio decoro è pure tridimensionale.

Cordialità - Pietro -

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » sab 07 gen 2017, 17:38

Chitarra romantica e chitarra moderna non possono essere paragonate tra di loro.
Cambia la tecnica di esecuzione cambia il modo di pensare la musica e hanno due timbri completamente differenti.
Condivido quello che dice Pietro, se il decoro è leggero non influisce sul suono.
Faccio i complimenti anche a Pietro per la sua chitarra.

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 317
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda JuriRisso » sab 07 gen 2017, 18:47

ho appena montato le corde... il suono è molto più potente di quello che mi aspettavo e i cantini brillano! Il fatto che abbia la tastiera allo stesso livello della tavola armonica sembra la rendi più maneggevole. La nota dolente sono i bischeri..... accordare non è per niente facile! ancora qualche giorno e procedo alla verniciatura..... dopo le vacanze....

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » sab 07 gen 2017, 20:39

L'hai accordata correttamente una terza minore sopra? Non si è mosso nulla?
Per i bischeri non ti preoccupare dopo un poco di tempo trovano la loro sede ideale si inchiodano e l'accordatura non muove più.
Per accordare conviene costruire un piccolo attrezzo a leva, accordare la corda con il bischero non è come accordare con l'ingranaggio, ci vuole più forza ma devi girare molto meno.

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 317
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda JuriRisso » sab 07 gen 2017, 20:45

al momento l'ho accordata normalmente. Per i bischeri ho sentito parlare di una crema speciale... Comunque l'attrezzo a leva mi sa che me lo costruisco... ci vuole una forza! fra poco compro le corde per la terzina e vai con il tiraggio!

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » sab 07 gen 2017, 22:01

ok ma vacci piano con il tiraggio, se vuoi un consiglio inizia a mettere i due mi, poi il si il la e poi il sol ed il re.
All'accordatura originale dovresti arrivarci molto lentamente non forzarla troppo.
Ti conviene il primo giorno accordarla normalmente poi il secondo giorno un tono sopra e poi finalmente un tono e mezzo sopra.
Sono sicuro che andrà tutto bene, sono curioso di ascoltare il suono.
Ciao

alexios
Messaggi: 1096
Iscritto il: gio 31 gen 2008, 20:02

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda alexios » dom 08 gen 2017, 08:00

I miei complimenti piu' sinceri.
Veramente bella
La qualita' non ha fretta...

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 317
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda JuriRisso » dom 08 gen 2017, 09:21

grazie.. .speriamo che regga...

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » dom 08 gen 2017, 11:35

Potresti tenere in conto di accordare il tuo strumento non ha 440hz ma ha 432hz o addirittura a 415hz in questi casi il tiraggio sarebbe meno forte.
Non penso che nel 1800 intonassero lo strumento a 440 hz.
Ultima modifica di Luth il dom 08 gen 2017, 16:36, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1149
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Pietro » dom 08 gen 2017, 15:56

Per iniziare è prudente accordare a 415 HZ come le chitarre barocche, poi al limite si può andare sul verdiano 432 HZ dipende dalla risposta dello strumento. Il problema sorge quando si suona con altri che sono intonati sul 440 HZ. Per le corde senza svenarsi con il budello (che si può sempre adottare in seguito) si può partire con corde extra soft come la serie Diamante della Dogal che hanno tutte le gradazioni fino alle extra strong.
Da considerare che le chitarre romantiche avevano un carico di tensione inferiore agli strumenti moderni anche su quelle non terzine, sulla mia romantica tratta da Rovetta 1824 con diapason 640 mm ho oramai stabilmente le Aquila Alabastro a tensione dolce accordate a 440 HZ; mi piacerebbe di più il 415 HZ ma vedo che gli amici stentano a comprenderlo :oops:
Per i bischeri nei negozi di musica c'è la pasta per bischeri che usano anche i violinisti, ma io non ne ho avuto mai bisogno neppure per i liuti che di bischeri ne hanno a iosa... men che meno di leve o altro.
Una soluzione casalinga è il sapone di Marsiglia in polvere mischiato con un po' di polvere di gesso.
La soluzione migliore è come sempre il farci l'abitudine e non forzare mai per nessun motivo.

Cordialità - Pietro -

Luth
Messaggi: 32
Iscritto il: mar 27 dic 2016, 15:43

Re: chitarra terzina di Gennaro Fabricatore 1833

Messaggioda Luth » dom 08 gen 2017, 16:28

Non capisco quando dici < gli amici faticano a comprenderlo>
Il 415 Hz e il 432 HZ si avvicinano molto al diapason naturale della natura, il suono è molto più morbido più rilassato è sicuramente più godibile del 440HZ.


Torna a “Gli strumenti realizzati dai liutai del forum”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 9 ospiti