1917 Andrés Segovia

Notizie e commenti su libri, manuali, saggi, film, pubblicazioni digitali sulla chitarra classica.
Regole del forum
In questa sezione potete pubblicare notizie e commenti su libri, manuali, saggi, film, pubblicazioni digitali sulla chitarra classica.
Gli annunci su pubblicazioni, prodotti o eventi professionali personali devono essere pubblicati nella sezione Autopromozione.
tancredi

1917 Andrés Segovia

Messaggio da tancredi » lun 04 apr 2011, 14:42

Guardate questa bella immagine giovanile di Andrés Segovia (scattata a Pollença-Mallorca nel 1917) con la sua Manuel Ramírez 1912. Proviene dal bel libro “La guitarra, su historia y su industria” di Vidal Benito Revuelta, Publicaciones Españolas, Madrid 1962.
tancredi
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Marco

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Marco » lun 04 apr 2011, 20:14

Ogni immagine di Segovia ha un'aura particolare. Grazie per la condivisione.

P.S.: ero convinto che egli, negli anni giovanili, non adoperasse ancora la Ramirez

Avatar utente
foveon
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 15 gen 2011, 16:36

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da foveon » lun 04 apr 2011, 20:24

Marco ha scritto:P.S.: ero convinto che egli, negli anni giovanili, non adoperasse ancora la Ramirez
Questa infatti è una Manuel Ramirez (costruita nell'atelier Ramirez da Santos Hernandez).
Negli anni Sessanta Segovia suona con chitarre Josè Ramirez III. Ciao! f

Avatar utente
Gerardo50
Messaggi: 4922
Iscritto il: ven 22 set 2006, 10:50
Località: Roma

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Gerardo50 » lun 04 apr 2011, 23:12

Se memoria mi sssiste mi pare di ricordare di ver letto da qualche parte, che Segovia entrò nella bottega di Ramirez per acquistare una chitarra, dopo aver suonato qualcosa, ( presumo per provare la chitarra ) rimase colpito e gli regalò la chitarra in quanto vedeva in lui un bel futuro liquidandolo con una frase che ora non risordo. Penso che azzeccò le previsioni. Ora piaccia o non piaccia qualunque amatore della chitarra gli deve molto. Provate ad immaginare se Segovia non fosse esistito :( o non fosse esistito Tarrega :( Gli dobbiamo molto :) a questi personaggi. Chiaramente come tutte le cose che apprezziamo, poi magari portiamo ad esagerarle alzandoli oltre......Comunque resta il fatto che nel criticare Segovia ci andrei con i piedi di piombo. Era un'uomo di famiglia povera che dava concerti spesso per sfamare i familiari. Motlo bella la foto. Certo che anche a quei tempi non è che tutti andassero con i capelli alla militare :lol:
Gerardo

giankj

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da giankj » mer 06 apr 2011, 01:06

Potrebbe essere proprio una Manuel Ramirez, che Segovia suonò dal 1912 sino al 1933, anno in cui rimase folgorato dalle chitarre di Hermann Hauser.Prima della Manuel Ramirez, esattamente dal 1910 al 1912, suonava su di una chitarra fatta da Benito Ferrer,poi in età matura alternava le hauser con le Fleta e le Josè Ramirez jr. Beato lui!! :roll:

tancredi

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da tancredi » gio 07 apr 2011, 18:57

Questa è la 1912 Manuel Ramírez/Santos Hernández che Segovia suonò - salvo estemporanei eccezionali tradimenti - fino alla commissione e definitiva adozione della 1937 Hermann Hauser I che abbandonerà solo negli anni '60 a favore di José Ramírez III e, innamorato del suono, di Ignacio Fleta (ma non in concerti che implicassero lunghe trasferte). La si può ammirate - accanto alla Hauser '37 - al Metropolitan Museum di New York.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di tancredi il gio 07 apr 2011, 23:17, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4564
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Massimo Di Coste » gio 07 apr 2011, 19:40

caro Tancredi, sei un vero e proprio cultore di immagini storiche!!! :okok: bellissime le foto, e poi la ramirez 1912 nella forma dell'otto è davvero identica alla mia Emanuele Marconi che infatti è una copia Manuel Ramirez ma del 1914.
Grazie per questa ennesima condivisione!!! :)
:bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

tancredi

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da tancredi » gio 07 apr 2011, 23:33

Figurati Massimo, è un piacere condividere con gli appassionati!
A questo punto: ecco la 1937 Hauser I conservata anch'essa al Metropolitan. Vidi queste 2 chitarre tre o quattro anni fa, con una certa emozione, dopo averle cercate per tutto il museo. Sia la Manuel Ramírez che la Hermann Hauser I apparivano molto più scure di come avevo visto nelle copertine dei dischi o nelle foto, l'abete delle tavole era marrone scuro, completamente ossidato. Pensare che da quegli strumenti fosse uscita tutta quella musica, così influente per generazioni di chitarristi, così nuova per il suo tempo, così documentata in centinaia di incisioni, mi ha fatto molto pensare. Non sono un feticista, ma avevo la sensazione che quei legni parlassero ancora...(Emilia Segovia le ha donate al Metropolitan con la clausola che non siano mai più suonate da alcuno!)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4564
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Massimo Di Coste » ven 08 apr 2011, 06:47

mi sono sempre chiesto perchè questi strumenti debbano stare al Metropolitan di New York e non presso la Fondazione Segovia...non credo sia neppure giusto che nessuno possa più suonarli, toccarli, farli tornare in "vita"! ma è stata la volontà di Segovia a determinare questa scelta oppure altri hanno deciso per lui (la moglie)??? non condivido comunque... :roll:
ciao e grazie ancora! :bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Avatar utente
Magic Guitar
Messaggi: 2895
Iscritto il: lun 24 dic 2007, 07:21
Località: Bologna

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Magic Guitar » ven 08 apr 2011, 09:16

Massimo Di Coste ha scritto:mi sono sempre chiesto perchè questi strumenti debbano stare al Metropolitan di New York e non presso la Fondazione Segovia...non credo sia neppure giusto che nessuno possa più suonarli, toccarli, farli tornare in "vita"! ma è stata la volontà di Segovia a determinare questa scelta oppure altri hanno deciso per lui (la moglie)??? non condivido comunque... :roll:
ciao e grazie ancora! :bye:
Perchè la Gioconda sta al Louvre?
:bye:
Ferdinando Bonapace

tancredi

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da tancredi » ven 08 apr 2011, 10:58

Forse la Marquesa Emilia Ségovia de Salobrena ha preferito questa soluzione proprio per sottolineare il valore storico piuttosto che ancora militante dei due strumenti. D'altra parte - progressivo deficit sonoro a parte (è noto che Ségovia abbandonò la Hauser I per un guaio al cantino che nemmeno Hauser II riuscì a risolvere) - il loro inestimabile significato sta nell'esser stati gli strumenti "di Ségovia" più che di Manuel Ramírez o Hermann Hauser, e credo che uno dei più prestigiosi musei d'arte del mondo sia per loro una degna custodia.
E' anche difficile immaginarsi qualcuno che le prenda in braccio e le suoni. Anche se sono in seguito arrivati chitarristi anche meravigliosi (eccone qui tre benedetti dal Maestro!) nessuno potrebbe mai più ridarci "quel" suono.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
foveon
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 15 gen 2011, 16:36

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da foveon » dom 10 apr 2011, 11:56

tancredi ha scritto:E' anche difficile immaginarsi qualcuno che le prenda in braccio e le suoni. Anche se sono in seguito arrivati chitarristi anche meravigliosi (eccone qui tre benedetti dal Maestro!) nessuno potrebbe mai più ridarci "quel" suono.
Ciao tancredi. Il motivo per suonare ancora questi strumenti non sarebbe certo quello di "ridarci quel suono" ma quello di continuare a utilizzare strumenti che hanno ancora qualcosa da dire, proprio perché fatti da illustri liutai. Con questo stesso ragionamento tutti i violini "famosi" dovrebbero stare nelle teche museali; "la Leona", attualmente suonata da Lieske, solo perché appartenuta ad Arcas non dovrebbe più far sentire la sua voce.Fortunatamente non è così. La Simplicio appartenuta ad Abel Fleury viene regolarmente suonata da Catemario, e via discorrendo. Ci sono diverse chitarre di Torres chiuse nei musei che potrebbero tranquillamnete essere suonate, e potrebbero ancora insegnare tanto sulla qualità del suono.
Quello è stato il volere di Segovia, punto. Io non sono per niente daccordo ma è la mia idea.
tancredi ha scritto:il loro inestimabile significato sta nell'esser stati gli strumenti "di Ségovia" più che di Manuel Ramírez o Hermann Hauser, e credo che uno dei più prestigiosi musei d'arte del mondo sia per loro una degna custodia.
no, non sono per niente daccordo. Le cose vanno sempre a "braccetto", un grande personaggio ha avuto uno strumento di un altrettanto grande personaggio. Creare una gerarchia di valore per me non ha molto senso. Perché la storia della chitarra è stata fatta dagli strumentisti e dagli strumenti, insieme. Segovia è morto, gli strumenti possono (e secondo me, dovrebbero!) continuare a vivere.
Ciao! f

tancredi

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da tancredi » dom 10 apr 2011, 13:59

Sì, la penso anch'io come te. Spiegavo il punto di vista di Emilia e Carlos Ségovia, i legittimi eredi, la cui volontà fa testo e legge.

Salvatore Agnello
Messaggi: 503
Iscritto il: mer 29 dic 2004, 14:50
Località: civitavecchia

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da Salvatore Agnello » lun 11 apr 2011, 19:39

Mi piacerebbe scaricare la foto per metterla sul desktop. Come fare?
Qualche anno fa sono stato a Madrid e sono andato al negozio della Ramirez, ma l'ho guardato da fuori,
non ho avuto il coraggio di entrare. Mi sembrava un luogo sacro.
ciao ch 357
"La bellezza io no so cosa sia". Albrecht Durer -

Avatar utente
foveon
Messaggi: 306
Iscritto il: sab 15 gen 2011, 16:36

Re: 1917 Andrés Segovia

Messaggio da foveon » mar 12 apr 2011, 07:31

ch357salva ha scritto:Mi piacerebbe scaricare la foto per metterla sul desktop. Come fare?
Ciao. Basta portare il puntatore sulla foto, clikkare sul tasto sinistro del mouse e, sempre pigiando sul mouse, trascinarla sul desktop. Più facile a farsi che a scrivere... Ciao! f

Torna a “Pubblicazioni sulla chitarra classica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite