Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra, il d

Notizie e commenti su libri, manuali, saggi, film, pubblicazioni digitali sulla chitarra classica.
Regole del forum
In questa sezione potete pubblicare notizie e commenti su libri, manuali, saggi, film, pubblicazioni digitali sulla chitarra classica.
Gli annunci su pubblicazioni, prodotti o eventi professionali personali devono essere pubblicati nella sezione Autopromozione.
Trelkovsky

Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra, il d

Messaggioda Trelkovsky » mer 29 mag 2013, 18:06

(Repost di una cosa scritta tempo fa, e postata altrove. Spero interessi qualcuno)


Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra, il dito, la luna (ma nessuna notizia dei due liocorni).

Il problema dei metronomi beethoveniani è un problema annoso e anche letterale. Per anni studiosi eminenti e meno si sono chiesti non solo i motivi di quelle indicazioni di tempo così veloci, ma sono arrivati a chiedersi se il metronomo ad uso di Beethoven non fosse rotto.
Risolta la seconda e banale questione, anch'essa abbastanza recentemente, ci si è concentrati soltanto e finalmente sulle ipotetiche ragioni che hanno portato un compositore con un orecchio interno così evoluto alla scelta di tempi tanto sconcertanti.

Non nuove sono state, nel corso degli anni, le registrazioni di interpreti più o meno legati alla filologia che si sono provati nell'avvicinarsi o attenersi alla lettera, e in maniera pedante o meno a quello che Beethoven scrisse. I risultati sono, a mio avviso migliorati nel tempo per tutta una serie di motivi, e tutti questi motivi conseguenti ai quesiti che si sono via via posti gli interpreti: come mai qui metronomi? Non sarà che gli strumenti, pianoforte compreso, erano così completamente diversi da condizionare l'andamento melodico di un tema, un soggetto o anche di un andamento armonico?
Se è vero che (parlo di alcune sonate per pianoforte, ma per attinenza anche di alcune sinfonie, tra cui la sesta per intero, l'adagio della nona, ecc) attenersi alla lettera all'indicazione di tempo ci porta a mettere meno in evidenza alcuni episodi musicali, ad appannare quella chiarezza tanto cara a molti interpreti passati (e agguerriti spesso più nel palesare la loro personalità che la pagina scritta) non potrebbe essere che il compositore ne fosse cosciente, e fosse, la chiarezza, una cosa secondaria rispetto ad altre caratteristiche? E quindi di conseguenza: quali potrebbe essere le caratteristiche peculiari che Beethoven si aspettava da un interprete?
Nel momento in cui si vuole operare una operazione di estrema fedeltà come quella di cui sopra non potrebbe essere che, ad un certo punto, subentri la necessità di rivedere il fraseggio che ormai consideriamo per assodato e che ci è tanto caro memori di alcune strepitose incisioni del passato?
Naturalmente queste domande non pretendono una risposta, e non la avranno in maniera definitiva ed inequivocabile da nessuna persona di cui si possa garantire la ragionevolezza, ma il porsele o meno genera una serie di riflessioni che portano inevitabilmente a scelte stilistiche ed estetiche completamente differenti.

L'incisione di Riccardo Chailly in particolare, a mio avviso, si pone con insistenza l'ultima domanda che ho posto. E in questo senso è da intendersi nuova, non perché ripropone i metronomi originali, non è di certo il primo, ma perché riesce a farlo con coerenza.
Può non piacere il risultato, (ma forse potrebbe essere il punto di partenza per una ricerca su di un nuovo modo di intendere questa musica che porterà a risultati ugualmente coerenti ma magari un po' più disinvolti) e in alcuni momenti lasciarci perplessi, ma difficilmente si può dire irragionevole, pedante, noioso, sterile e incoerente la combinazione di tempo, dinamiche, e fraseggi che caratterizzano questa incisione discografica.

Ne scrivo in questo forum però non per elogiare, o palesare il mio apprezzamento per un prodotto, un interprete e un'orchestra che non hanno certo bisogno di sostenitori; è invece una riflessione ulteriore, nata in me ad alcuni giorni dal primo ascolto di alcuni cd dell'integrale che mi ha portato alla condivisione di questi pensieri.

La chitarra, anzi i chitarristi, anzi alcuni chitarristi si sono sempre lamentati, prima della carenza di repertorio, e poi del fatto che il repertorio scritto nel novecento lasciasse una serie di problemi, non ultimi quelli tecnici, irrisolti; questo perché a scrivere per chitarra, in un determinato periodo storico, sono stati compositori che della chitarra non conoscevano quasi il funzionamento, o che non erano sicuramente padroni della scrittura, e non parlo solo della notazione, ma anche e soprattutto dell'agogica: problema quest'ultimo generato probabilmente dal fatto che un compositore che scrive per chitarra e non conosce la chitarra spesso non ha in mente il suono della chitarra.

Ho citato l'esempio dei chitarristi e della musica per chitarra però perché spesso, monchi di una certa cultura musicale, siamo stati legati al segno più che ogni altro strumento: e allora per anni ci siamo scervellati, dopo aver studiato esclusivamente su musiche filtrate da altri, su quale fosse il manoscritto (quando finalmente il manoscritto è stato possibile confrontarlo) più manoscritto di altri di questa o quella composizione, schiavi del segno, sudditi del Forte anziché del Fortissimo e via discorrendo.
Come se la chitarra fosse l'unico strumento, complice come dicevo il fatto di aver avuto compositori che non conoscevano lo strumento, ad avere questo tipo di problemi e peggio, come se lo sviluppo culturale di questo strumento fosse legato (soltanto) alla corretta visualizzazione di un microscopico segno di diteggiatura - ma quello era un 4 o un 1?

Mentre forse una volta venuti in possesso (e ripeto - finalmente!) di questi preziosi documenti, non più schiavi della lettura altrui, del filtro (per un certo periodo prevalentemente segoviano) di una data composizione avremmo potuto iniziare ad interrogarci non soltanto su questioni grafiche ma finalmente su scelte estetiche, su decisioni derivanti da quali e quante domande porsi e non dalla pretesa di avere sempre delle risposte.
Il metronomo di Beethoven forse ce lo insegna: alcuni strumenti hanno deciso, almeno per un periodo non breve, che quel problema sarebbe rimasto un problema: un grave problema, ma stimolante.
Questi hanno smesso di cercare risposte all'esterno (non tutti) e si sono dedicati alla riflessione interna e profonda: la sintesi tra le ipotesi che potrebbero essere plausibili nel rappresentare la volontà del compositore e il proprio sentire, frutto di un vissuto non solo musicale. Ognuno decide così quali ulteriori domande porsi partendo da un interrogativo iniziale - perché quel tempo? - e palesa la propria ricerca con l'interpretazione.
Sembra che in alcuni momenti la chitarra si sia illusa (perché poi?) che la carta scritta direttamente dal compositore avrebbe potuto non lasciare spazio ad interrogativi profondi, e per fortuna così non è stato. Anche nell'assoluta chiarezza della semiografia ci sono questioni che dovremo affrontare, e se così non fosse ci troveremo di fronte alla pretesa di trasformare l'interpretazione musicale in dottrina anziché in arte.
A questo proposito potrebbe essere utile riscoprire l'etimo della parola “interprete”... (e interrogarsi, anche su questo).

Forse la questione dei tempi in Beethoven ci insegna (a me piace che le cose insegnino altre cose, che abbiano una morale. Mi ha rovinato Fedro) che per la chitarra i manoscritti - finalmente! - significano nuove domande. Non risposte certe, ma l'inizio delle domande giuste.
Non vorrei esagerare, né peccare di presunzione, ma chi cerca risposte chiare e definitive in una pagina musicale e si scoccia di fronte ai possibili interrogativi che una pagina musicale ci offre mi sembra che guardi troppo (o solo) il dito (e in questo caso lo si può dire forte!) anziché la luna.

Salvatorinho
Messaggi: 122
Iscritto il: lun 16 lug 2007, 22:25
Località: Basilea

Re: Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra,

Messaggioda Salvatorinho » gio 30 mag 2013, 08:10

Ciao,
ho letto con interesse il tuo post e mi hai fatto venire una grossa curiosità di ascoltare le registrazioni di Beethoven di Chailly, che tra l'altro non conoscevo. Però ad un primo "affrettato" ascolto anche dei passi da te indicati non riscontro enormi differenze agogiche con altre interpretazioni, chiamiamole così "classiche". Premesso cho al giorno d'oggi esiste una tendenza generale nell'eseguire molta musica, specialmente barocca, ma anche quella classico-romantica, in maniera più spedita e meno "affettuosa", sarebbe interessante capire quali sono i tempi a cui ti riferisci esattamente...
Saluti :bye:

Salvatore

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra,

Messaggioda pippowitz » gio 30 mag 2013, 10:00

Vorrei fare una considerazione a proposito dell'interpretazione musicale. La ricerca filologica è utilissima perchè ci fornisce molte informazioni che ci permettono di mettere meglio a fuoco aspetti importanti delle opere che si vogliono eseguire, e perciò che ci aiuti a suonare meglio è fuori discussione.
Ciò premesso anche se, per assurdo, noi riuscissimo a preparare un'esecuzione esattamente identica a quelle che avvenivano all'epoca del compositore non potremmo affatto dire di aver fatto quanto di meglio si poteva nè di aver saputo restituire il vero senso originale dell'opera.
Questo perchè la musica è un processo di comunicazione tra musicisti e ascoltatori. Anche se i musicisti e gli strumenti fossero identici a quelli d'epoca e suonassero allo stesso modo si rivolgerebbeo ad ascoltatori che sono comunque cambiati. Dopo che aver sentito Mahler, Debussy, Schoemberg ecc. ecc (ma anche dopo aver ascoltato Bach, Vivaldi o Josquin Des Prez, che i contemporanei di Beethoven non conoscevano) Beethoven lo si ascolta con altre orecchie, e con orecchie diversissime lo ascolta chi non è mai stato a un concerto di musica classica, vive in un modo dove la musica è diventata una specie di rumore di fondo onnipresente e il suo ideale di bravo cantante è Al Bano. Anche l'ascoltatore preparato vive comunque in questo mondo e sarebbe pura presunzione se pensasse di non esserne influenzato.
Perciò il discorso sull'interpretazione è un bel po' complicato, ma proprio un bel po'...

Trelkovsky

Re: Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra,

Messaggioda Trelkovsky » gio 30 mag 2013, 13:59

pippowitz ha scritto:Perciò il discorso sull'interpretazione è un bel po' complicato, ma proprio un bel po'...


Posto che è evidentemente vero ciò che scrivi, il mio discorso su Beethoven/Chailly era un pretesto per addentrarsi in un campo che per ovvi motivi è relativamente nuovo ai chitarristi: la disponibilità delle fonti attendibili: dove attendibili, per me, assume questo significato: "ove il segno, e sovente anche la notazione stessa - non dipendano dalla lettura di un altro interprete, ma arrivino a noi direttamente dal compositore".
E il punto era proprio questo: il compositore non risolve, ad ogni modo, nessun problema di interpretazione - mentre molti esecutori sperano di ritrovare lì, nei manoscritti, "la verità", la luce. Invece il compositore ci offre i problemi giusti, autentici, che noi, a nostra volta risolveremo in maniera più o meno autentica quanto più personale e intellettualmente onesto sarà il nostro lavoro su quelle pagine.
I chitarristi sono stati abituati, per ragioni storiche che non discuto - né rinnego, lo sottolineo per evitare inutili schieramenti preconcetti - a lavorare sulle idee di seconda mano di un compositore, dove il tramite è stato spesso e volentieri un grande interprete, e nei casi peggiori un mediocre e modesto revisore. Questo fatto è da ascriversi, a mio avviso, alle tante cause che hanno relegato la chitarra fuori dal mondo musicale tout court: gli interpreti non sono stati e non sono tutt'ora spesso (fatte salve alcune eccezioni passate e contemporanee) in grado di porsi con autorevolezza nei confronti del testo musicale, e quindi agli occhi degli altri strumentisti/interpreti.

notarius
Messaggi: 156
Iscritto il: gio 09 set 2010, 11:26
Località: Treviso

Re: Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra,

Messaggioda notarius » gio 30 mag 2013, 21:26

L'argomento è difficilissimo.
Quando si parla di interpretazione filologica e "storicamente corretta" mi viene in mente una affermazione di Julian Bream intervistato molti anni fa da Ruggero Chiesa. Non ricordo le parole esatte di Bream ma in sostanza diceva " ... non mi interessa come era in antico il suono, ma come avrebbe dovuto essere".
Era presunzione oppure era la consapevolezza che il grande artista trascende tutte queste considerazioni ?
Maurizio Viani

Trelkovsky

Re: Riccardo Chailly, Beethoven, il metronomo, la chitarra,

Messaggioda Trelkovsky » gio 30 mag 2013, 23:17

notarius ha scritto:L'argomento è difficilissimo.
Quando si parla di interpretazione filologica e "storicamente corretta" mi viene in mente una affermazione di Julian Bream intervistato molti anni fa da Ruggero Chiesa. Non ricordo le parole esatte di Bream ma in sostanza diceva " ... non mi interessa come era in antico il suono, ma come avrebbe dovuto essere".
Era presunzione oppure era la consapevolezza che il grande artista trascende tutte queste considerazioni ?


Il fatto è che Julian Bream non trascende niente, solo si pone con la giusta intelligenza di fronte all'impossibilità di stabilire con certezza quale possa essere "il suono", o in che modo debba "per forza" essere trattato.
Julian Bream è stato interprete di intelligenza rara, si è emancipato da Segovia - pur ammirandolo grandemente - quando il mondo chitarristico correva appresso a quello che suonava Segovia, cercando di imitare come lo suonava lui.
Julian Bream - al pari di Segovia, ma rivolgendosi ad un mondo musicale forse ancora più profondo: mi riferisco a Britten e Henze, per esempio - ha contribuito all'ampliamento e alla diffusione del repertorio chitarristico del '900.
Quindi Julian Bream, nei riguardi del discorso sul repertorio chitarristico, sulle fonti manoscritte, e via discorrendo, credo sia l'esempio da seguire con più interesse. Solo che pure nei suoi confronti, come pure per Segovia, invece di seguirne l'esempio imitando i principi, i ragionamenti che hanno mosso le loro idee, si è finiti per imitare le loro scelte estetiche. Scelte estetiche che, inopinabilmente giuste per loro, perché mosse da un'esigenza interiore e logica, diventano invece dei ridicoli vezzi antimusicali quando vengono adottate tout court da chitarristi che non ne comprendono il significato profondo (ovvero l'esperienza umana e il sapere filosofico che le muovono), né la logica musicale che le determina (ovvero i chitarristi spesso ignorano persino l'armonia. E anche se spesso ignorano pure di ignorarla, altrettanto spesso riescono a dimostrare benissimo la propria ignoranza).


Torna a “Pubblicazioni sulla chitarra classica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 0 ospiti