Note a margine di un concerto di Ana Vidović a RJ

Notizie e commenti su concerti, convegni, master class.
Regole del forum
In questa sezione potete pubblicare notizie e commenti sui concerti, convegni, master class.
Gli annunci su pubblicazioni, prodotti o eventi professionali personali devono essere pubblicati nella sezione Autopromozione.
Avatar utente
Gaetano Previtera
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 171
Iscritto il: mar 18 set 2012, 14:54

Re: Note a margine di un concerto di Ana Vidović a RJ

Messaggioda Gaetano Previtera » gio 14 nov 2013, 10:01

Certo che dire che la sua fortuna dipende dalla sua bellezza ...
Ana è un talento straordinario, una musicista di prim'ordine. Poi si possono discutere le scelte interpretative, niente di più

mito3D
Messaggi: 319
Iscritto il: mer 08 ago 2012, 17:13

Re: Note a margine di un concerto di Ana Vidović a RJ

Messaggioda mito3D » gio 14 nov 2013, 11:45

Tutti sanno che una componente visiva nei recital di musica classica esiste eccome, è anche una cosa positiva e come tale viene vissuta dal pubblico. Non é per niente che si curano restauri e rifacimenti di sale e splendidi teatri, fortunatamente anche al di là del puro lato acustico (e come spiegava in un bel video Julian Bream le due cose possono anche andare a braccetto), e che in genere gli artisti in estate evitano di presentarsi sul palco in bermuda, cannottiera e ciabatte infradito.
Fanno parte del contesto della cosa più importante, che è la musica. Ma non si capisce proprio perchè si dovrebbe viverli all'insegna dei complessi di colpa, anche se è noto che il solleticatore di complessi di colpa si rivolge immancabilmente a quelli degli altri, mai ai propri.

Quanto alla Vidović dopo averla ascoltata credo ci siano parecchie cose interessanti che volendo si possono considerare:
- di fatto è un'artista di livello internazionale vera, cioè esibisce sul palco una padronanza strumentale che molti concertisti, non avendola, le invidiano
- ha una propria cifra interpretativa, che magari può non essere pensata come la migliore possibile (ad es. in molti casi la vedo così) ma che è genuina, e la caratterizza come artista
- condivide con altri famosi l'inclinazione per le chitarre "tecnologiche" (nomex, fibra di carbonio) e il perchè di questa scelta non è affatto banale e meriterebbe di essere discussa in modo più approfondito sia per altri chitarristi che per la Vidović. Fra l'altro la cosa chiama l'attenzione di quelli che periodicamente le sottopongono chitarre tradizionali, ad es. l'ultima che le hanno sottoposto in Brasile è stata una Jeff Elliot in Cedro, e rimangono stupiti dalla maggiore espressività che riesce immediatamente a ricavare. Riusciranno a convincerla e cambierà tipo di chitarra o rimarrà sempre "australiana" e perchè?

Ecco soprattutto questi sono punti che mi sembrano più interessanti, molto più delle presunte colpe annidate nell'inconscio (sempre degli altri, of course)

:bye:

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: R: Note a margine di un concerto di Ana Vidović a RJ

Messaggioda pippowitz » gio 14 nov 2013, 12:17

Non dico che la Vidovic non sappia suonare, sottolineavo solo un lapsus divertente che ci racconta qualcosa a proposito di come siamo diventati (e mi ci metto dentro anch'io, naturalmente).

mito3D
Messaggi: 319
Iscritto il: mer 08 ago 2012, 17:13

Re: R: Note a margine di un concerto di Ana Vidović a RJ

Messaggioda mito3D » gio 14 nov 2013, 12:33

pippowitz ha scritto:Non dico che la Vidovic non sappia suonare, sottolineavo solo un lapsus divertente che ci racconta qualcosa a proposito di come siamo diventati (e mi ci metto dentro anch'io, naturalmente).


lapsus divertente? Pensa un po' che recentemente volevo andare a vedere un concerto di Paco de Lucia, ma sfortunatamente era giá tutto esaurito!


Torna a “Rassegna di eventi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 2 ospiti