Ciao Sir Neville Marriner

Luogo pubblico dei chitarristi classici.
Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3492
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Ciao Sir Neville Marriner

Messaggio da Gabriele Gobbo » lun 03 ott 2016, 08:47

Un saluto ad un gigante. Un Artista vero, che se ne è andato, lasciando un vuoto immenso
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Weresis
Messaggi: 55
Iscritto il: mar 09 ago 2016, 19:13

Re: Ciao Sir Neville Marriner

Messaggio da Weresis » lun 03 ott 2016, 13:15

Ho appreso la notizia ascoltando la radio; un grande che se ne va, ma ha lasciatao un'ampia testimonianza della sua arte.

PinGiov
Messaggi: 724
Iscritto il: sab 26 giu 2010, 11:14

Re: Ciao Sir Neville Marriner

Messaggio da PinGiov » sab 08 ott 2016, 21:15

Che notizia! Riprenderò ad ascoltare incisioni delle orchestre dirette da un Sig. Maestro.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1261
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Ciao Sir Neville Marriner

Messaggio da Pietro » dom 09 ott 2016, 19:53

Mi ricollego a quanto sopra detto proponendo alla Vostra cortese attenzione un doppio CD della Philips con l'Academy of St Martin in the Fields diretta dal compianto Sir Neville Mariner. Si tratta di Bach e di due suoi capolavori immortali come l'arte della fuga e l'offerta musicale; non sono musiche di primo impatto ma l'arte di Mariner le rende accessibili anche a chi non ne ha dimestichezza.
Non è da tutti ed anche per questo sarà rimpianto, le sue opere comunque restano ai contemporanei ed ai posteri come valore immortale.

Cordialità - Pietro -

P.S. Non per fare la solita polemica ma ho appreso qui della scomparsa del maestro e ringrazio Gabriele Gobbo, ma i cosiddetti mezzi di informazione dove sono? Perché la musica e la cultura non hanno posto? meglio forse il grande fratello vip? Sembra di sì! Quanto è amaro tutto questo.

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3492
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Ciao Sir Neville Marriner

Messaggio da Gabriele Gobbo » dom 09 ott 2016, 21:07

L'academy ha un suono del tutto particolare e proprio, come solo i grandi ensamble possono avere. Il merito è certamente in larga misura del loro storico direttore e fondatore. E' davvero una perdita enorme, mitigata solo dalla grande quantità di incisioni realizzate e dalla considerazione della veneranda età del Maestro, che fino all'ultimo ha continuato generosamente a dirigere.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Torna a “Luogo pubblico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 2 ospiti