La cura delle unghie

Lunghe, corte, vere, finte, resistenti, fragili... Per noi chitarristi sono importantissime.
Nello Ieva
Messaggi: 542
Iscritto il: dom 19 mar 2006, 21:26
Località: Casoria (NA)

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Nello Ieva » gio 13 nov 2014, 07:58

Ne prendo atto e vi ringrazio comunque per il vostro impegno. Sarò fatto male io, ma, per l'amore di Dio, senza voler essere polemico, credo che il confronto serva a migliorarsi. Con affetto, Nello.

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4580
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Massimo Di Coste » gio 13 nov 2014, 08:15

Nello Ieva ha scritto:Ne prendo atto e vi ringrazio comunque per il vostro impegno. Sarò fatto male io, ma, per l'amore di Dio, senza voler essere polemico, credo che il confronto serva a migliorarsi. Con affetto, Nello.
Assolutamete caro Nello, senza confronto non c'è crescita! non vorrei però essere stato frainteso, il mio non è stato un intervento di natura polemica, hai manifestato il tuo pensiero con grande cortesia ed educazione, e ti ringrazio di questo. Ci tenevo solo a mattere in evidenza che i nostri video non hanno chissà quale regia dietro le spalle, è tutto molto libero e spontaneo e questo può comportare anche degli errori o delle sbavature, ci sta! Diciamo che il tuo intervento mi è servito come assist per mettere in evidenza questo aspetto. :wink:
con simpatia ed affetto!!! :) :okok:

:bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Nello Ieva
Messaggi: 542
Iscritto il: dom 19 mar 2006, 21:26
Località: Casoria (NA)

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Nello Ieva » gio 13 nov 2014, 12:50

Sono fermamente convinto che Tu e Gabriele siete delle valide persone/chitarristi, capaci e competenti. Quindi, a proposito dell'assist, siccome mettete del grande impegno e passione in quello che fate, volevo semplicemente esortarvi nel rendere i vostri video all'altezza della vostra professionalità. Nel senso che, si mettono a disposizione due Ferrari e le si guida come due piccole utilitarie. Tutto qui e ribadisco il mio sentito ringraziamento per il tempo che dedicate a tutti noi. Nello.

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4580
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Massimo Di Coste » gio 13 nov 2014, 16:01

Nello Ieva ha scritto:Sono fermamente convinto che Tu e Gabriele siete delle valide persone/chitarristi, capaci e competenti. Quindi, a proposito dell'assist, siccome mettete del grande impegno e passione in quello che fate, volevo semplicemente esortarvi nel rendere i vostri video all'altezza della vostra professionalità. Nel senso che, si mettono a disposizione due Ferrari e le si guida come due piccole utilitarie. Tutto qui e ribadisco il mio sentito ringraziamento per il tempo che dedicate a tutti noi. Nello.
Troppo gentile Nello, grazie! :merci:
Diciamo che proveremo a fare di meglio nonostante tutto. :okok:

un caro saluto!!!! :bye:

Massimo
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Nello Ieva
Messaggi: 542
Iscritto il: dom 19 mar 2006, 21:26
Località: Casoria (NA)

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Nello Ieva » mar 18 nov 2014, 22:10

Ciao Massimo e Gabriele, perché non realizzate un video che parli di come poter sviluppare la velocità negli arpeggi o in una parte melodica. Consigliando degli esercizi ed illustrandoli con la chitarra. Ho sentito che ci sono varie tecniche, come quella a scatto, cioè portarsi oltre la propria velocità e poi ripartire da una po' più lenta, che prima dava delle noie. Insomma un vademecum su come poter aumentare la velocità di esecuzione. Vi ho dato un input. Grazie ragazzi, Nello

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4580
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Massimo Di Coste » mer 19 nov 2014, 09:46

Nello Ieva ha scritto:Ciao Massimo e Gabriele, perché non realizzate un video che parli di come poter sviluppare la velocità negli arpeggi o in una parte melodica. Consigliando degli esercizi ed illustrandoli con la chitarra. Ho sentito che ci sono varie tecniche, come quella a scatto, cioè portarsi oltre la propria velocità e poi ripartire da una po' più lenta, che prima dava delle noie. Insomma un vademecum su come poter aumentare la velocità di esecuzione. Vi ho dato un input. Grazie ragazzi, Nello
Ciao Nello, ma certo perchè no? anzi ti ringrazio per l'input, in fondo è sempre quello che chiediamo! :okok: ne parlerò con Gabriele, anzi lo inviterò a leggere il tuo post. :)

:bye:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Amedeoprofeta

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Amedeoprofeta » sab 02 mag 2015, 08:21

Moloto utile!!! GRAZIe :D :D

Francesco
Messaggi: 51
Iscritto il: mar 06 mag 2014, 14:09

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Francesco » ven 14 ago 2015, 16:37

Grazie per questi video che postate e che trovo sempre molto utili. :okok:

Francesco

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1094
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Gabriele Curciotti » lun 17 ago 2015, 14:57

bene ottimo siamo felici che li troviate utili! :okok: :bye:

Avatar utente
lucamix
Messaggi: 48
Iscritto il: mer 11 nov 2015, 09:44

Re: La cura delle unghie

Messaggio da lucamix » sab 05 dic 2015, 00:39

Ottimi consigli!
Io mi son sempre trovato benissimo con la carta 1000..

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1094
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Gabriele Curciotti » mer 09 dic 2015, 08:10

lucamix ha scritto:Ottimi consigli!
Io mi son sempre trovato benissimo con la carta 1000..
Beh a volte dipende dalla pasta dell'unghia però fidati... la 2000 ti lascia prorpio un velluto soprattutto se già un pò usata... provare per credere! :-)

guest

Re: La cura delle unghie

Messaggio da guest » lun 08 feb 2016, 00:24

Guardando il video, in cui ho ascoltato per la prima volta che le unghie vanno scartavetrate anche sul dorso mi è venuto un dubbio che giro a Gabriele e Massimo: ma non è che in questo modo si possono anche raddrizzare le unghie?

All'anulare io ho un profilo irregolare con la parte centrale piatta invece che incurvata: ho notato che il segmento piatto corrisponde, sul dorso, a righe longitudinali di cheratina meno spesse di quelle che si trovano ai lati dell'unghia. Scartavetrando gli spessori laterali ed uniformando in questo modo il dorso mi sembra di ottenere un miglioramento del profilo terminale, meno piatto, dell'unghia. Magari è solo un'impressione, comunque la giro. :bye:

P.S.
Una volta scartavetrate, le strie di cheratina non si vedono più: provate a guardarvi la mano sinistra.

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1094
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La cura delle unghie

Messaggio da Gabriele Curciotti » gio 18 feb 2016, 12:53

guest ha scritto:Guardando il video, in cui ho ascoltato per la prima volta che le unghie vanno scartavetrate anche sul dorso mi è venuto un dubbio che giro a Gabriele e Massimo: ma non è che in questo modo si possono anche raddrizzare le unghie?

All'anulare io ho un profilo irregolare con la parte centrale piatta invece che incurvata: ho notato che il segmento piatto corrisponde, sul dorso, a righe longitudinali di cheratina meno spesse di quelle che si trovano ai lati dell'unghia. Scartavetrando gli spessori laterali ed uniformando in questo modo il dorso mi sembra di ottenere un miglioramento del profilo terminale, meno piatto, dell'unghia. Magari è solo un'impressione, comunque la giro. :bye:

P.S.
Una volta scartavetrate, le strie di cheratina non si vedono più: provate a guardarvi la mano sinistra.
Caro Guest, purtroppo le unghie non si possono raddrizzare... ognuno ha la forma che la natura gli ha dato.
è vero però che si può intervenire con la limatura e la forma come fai tu ed è giustissimo ed eventualmente anche con degli integratori locali che possono aiutare a regolarizzare lo spessore e/o la densità.
In privato ti mando il nome di uno smalto curativo e non indurente che può essere messo anche più volte al giorno (assolutamente non lucido e che si assorbe rapidamente) e della relativa crema da mettere la sera o quando vuoi tu ma che ha bisogno di essere massaggiata alla base dell'unghia e che si assorbe più lentamente.
In diversi casi ha funzionato molto bene, altre volte meno o per niente dipende da caso a caso.
A volte può anche dipendere dall'alimentazione e quindi da eventuali carenze di minerali.
Insomma le variabili sono molte ma provandole tutte piano piano dei miglioramenti sicuramente li avrai.
Ti chiedo solo una cosa... non dire "scartavetrare" è terribile :-) la carta che si usa è carta abrasiva e non carta vetrata e cmq dalla 1500 in su si utilizza per rifinire il profilo.
In bocca al lupo e fammi sapere eh

ninoram
Messaggi: 810
Iscritto il: ven 11 ago 2006, 14:17
Località: Bolzano

Re: La cura delle unghie

Messaggio da ninoram » gio 18 feb 2016, 14:46

ciao Gabriele, ho pensato anch'io che le unghie che hai te li tieni. Invece ho risolto i miei problemi delle unghie curve quasi per caso. Ho le unghie fragili, ho una certa età e cominciavo a capire Tarrega che a un certo punto ha suonato senza unghie. Ero già arrivato alla stessa decisione ma ho pensato di fare un ultimo tentativo. Da quasi due anni mi faccio mettere il gel (non le unghie finte!) su i m a per la lunghezza dell'unghia mia. Così evito che questa si sfalda e miracolo! sparische la curvatura. Poi con la crescita dell'unghia limo contemporaneamente unghia e gel, ho un'unghia quasi perfetta (dura 4 - 5 settimane) e poi vado a rifarmi il gel. Importante che il gel sia sottile. Unico svantaggio: spendo sui 20€ ogni 4 - 6 settimane.
Saluti!!

guest

Re: La cura delle unghie

Messaggio da guest » ven 19 feb 2016, 02:33

Gabriele Curciotti ha scritto: Caro Guest, purtroppo le unghie non si possono raddrizzare... ognuno ha la forma che la natura gli ha dato.
Anche Segovia, in un video che devo aver visto su youtube, asseriva che senza buone unghie non ci può essere un buon chitarrista. Eppure sia la forma che la consistenza, la elasticità, dell'unghia dipendono dal tipo di fibre di cheratina che si producono.

Almeno nelle mie unghie i flessi (le ondulazioni) del profilo corrispondono a disomogeneità nella deposizione delle fibre di cheratina. Ad occhio nudo si vedono sul dorso dell'unghia fibre più spesse ai lati e più sottili al centro del dorso: nel passaggio dalla regione a fibre grandi a quella a fibre sottili si determina un flesso nel profilo dell'unghia: invece di curvare dolcemente, nella perfetta forma a cupola, si determina uno spigolo, una angolosità: ne risulta una regione con profilo piatto al centro dell'unghia delimitata da 2 spigoli ai lati.

Non so se sono riuscito a spiegarmi. Comunque lavorando con la carta abrasiva le regioni laterali più forti, le angolosità si riducono ed il profilo assume la forma a cupola quasi perfetta. In più cambia anche la elasticità dell'unghia: da dure e rigide le unghie diventano più elastiche, il suono ne guadagna. Bisogna comunque stare attenti a non lavorare troppo, non lo si può fare tutti i giorni, si rischia di rendere l'unghia debole.

Il profilo delle unghie della mia mano destra è ora pressoché perfetto contrariamente a quanto accade nella mano sinistra in cui i flessi (le ondulazioni) del profilo si vedono chiaramente persino con l'unghia tagliata.

Provare per credere. :bye:

Torna a “Le unghie dei chitarristi”