Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Manutenzione e corde della chitarra.
Costantino Proietti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 29
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Costantino Proietti » lun 24 lug 2017, 22:10

Normalmente la sostituzione delle corde avviene quando sono usurate le vecchie corde.
Nel caso che, dopo una settimana di prova delle nuove corde, ci si rende conto che le queste proprio non vadano bene, non resta che sostituirle. Mi chiedevo se queste possono essere riutilizzate, magari provandole su un'altra chitarra. Inoltre: quanto si deteriorano in termini di suono e di durata?
La chitarra ti riporta alla dura realtà quando la suoni male e ti fa sentire felice quando la suoni bene. In ambedue i casi ti rende migliore.

giannini awn71
Messaggi: 493
Iscritto il: lun 16 mar 2015, 12:45
Località: catania

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da giannini awn71 » lun 24 lug 2017, 22:33

In genere non è buona norma allentare una corda ..o toglierla e montarla su altro strumento....una volta che l'hai tolta. .non ti rimane che il cestino dei rifiuti.....ma nulla ti impedisce di rimontarla su un altro strumento....Per quanto riguarda la durata della corda, dipende dall'uso che ne fai......in questo periodo di caldo...personalmente suono molto poco...ma nelle serate invernali e primaverili, quando la temperatura è a livelli accettabili, mi è capitato anche di suonare tre ore di fila.....in genere una muta di corde usata ogni giorno...in quattro mesi è già da cambiare...
stesso discorso vale per le corde montate sullo strumento e riposto in custodia per mesi....la corda perde di tono
ciao

alessandro lienzo
Messaggi: 1277
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da alessandro lienzo » lun 24 lug 2017, 22:43

A me piace la corda assestata nel periodo che va dai 5 giorni al mesetto di utilizza, poi i bassi spompano.
Metterle su un altro strumento non causa poi tanti problemi, almeno che non è già usarata.
Il problema è che con 5 o 6 chitarre a casa cambiare le corde spesso costa e mi scoccia, allora cerco di farle durare quanto più è possibile.
alessandro C.

Costantino Proietti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 29
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Costantino Proietti » lun 24 lug 2017, 22:52

Per comprendere meglio: quindi se sostituisco, un set di corde dopo appena una settimana, non posso fare altro che buttarlo! Questo è dovuto ad un mero indebolimento meccanico delle corde che ne impedisce il riutilizzo e/o anche ad un impoverimento delle sue caratteristiche sonore? In effetti quando chiedevo del deterioramento mi riferivo al set di corde nuovo, non al vecchio.
La chitarra ti riporta alla dura realtà quando la suoni male e ti fa sentire felice quando la suoni bene. In ambedue i casi ti rende migliore.

alessandro lienzo
Messaggi: 1277
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da alessandro lienzo » mar 25 lug 2017, 07:43

Non lo butterei mai, ho fatto cambi di corde e si, forse si perde qualcosina, ma non diventa una corda afona solo perché hai cambiato strumento!
Segovia usava tirare i cantini su uno strumento meno importante per poi passarli sulla chitarra da concerto
alessandro C.

Avatar utente
Paolo Romanello
Allievi tutor
Messaggi: 982
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Paolo Romanello » mar 25 lug 2017, 08:06

Io ho una chitarra principale che suono tutti i giorni. Da molti anni per risparmiare sostituisco le corde con regolarità senza attendere che siano esaurite, diciamo ogni 3, massimo 6 mesi, e le riciclo su una chitarra che suono meno gettando quelle precedenti. Ti posso dire che in genere le corde trasferite da uno strumento all'altro non perdono in qualità, anzi talvolta i cantini tendono a suonare meglio, forse perchè viene compensata la inevitabile ovalizzazione del diametro con l'uso (ma non sono un esperto, è solo una mia ipotesi). Inoltre in occasione dello spostamento provvedo a sgrassare leggermente le corde rivestite, e questo ridona un certo smalto al loro suono.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

luigib952
Messaggi: 970
Iscritto il: dom 17 mag 2009, 15:34
Località: Tenerife (Spagna)

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da luigib952 » mar 25 lug 2017, 09:04

Concordo assolutamente con quanto scritto da Paolo. Ho anch'io una chitarra principale ed un "muletto" e sistematicamente, quando cambio muta sulla chitarra principale, le rimonto poi sul muletto. Ed in generale la sensazione che provo è che le corde già utilizzate, rimontate sul muletto sembrano rinascere a nuova vita.
Caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
(Antonio Machado)

Avatar utente
Carlo Di Casola
Messaggi: 183
Iscritto il: lun 21 lug 2014, 06:01
Località: Roma

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Carlo Di Casola » mar 25 lug 2017, 09:52

Salve, oltre allo "scalettamento" delle corde dallo strumento principale agli altri (cosa che faccio regolarmente), talvolta (e solo con le corde preferite...) ho provato a riutilizzarle ribaltandone il verso. il risultato è che sono andato avanti ancora per qualche settimana con buoni risultati. :bye:

Avatar utente
Paolo Romanello
Allievi tutor
Messaggi: 982
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Paolo Romanello » mar 25 lug 2017, 14:30

In effetti il mio primo maestro nel lontano 1971 mi faceva capovolgere le corde ogni 3 mesi circa per mantenere la qualità del suono e devo dire che funzionava, nonostante le corde di allora non avessero la qualità di quelle di oggi.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Costantino Proietti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 29
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Costantino Proietti » mar 25 lug 2017, 17:58

Ottima cosa. Mi ricorda quando tanti anni addietro mio zio rigirava i polsini delle camice!!! :D
La cosa mi conforta, perché non piacendomi il suono delle corde ( non tutte) che ho appena sostituito, volevo provarne delle altre e non volevo attendere 3 mesi. Le riciclo sulla seconda chitarra.
Grazie a tutti per i chiarimenti. :merci:
La chitarra ti riporta alla dura realtà quando la suoni male e ti fa sentire felice quando la suoni bene. In ambedue i casi ti rende migliore.

Alfio
Messaggi: 192
Iscritto il: dom 12 mar 2017, 17:36
Località: Alessandria

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Alfio » mar 25 lug 2017, 19:33

Io faccio così' e funziona alla grande soprattutto per i bassi quando non cantano più, smollo completamente le corde senza toglierle dal ponticello e neanche dalle meccaniche, prendo un pezzo di panno di cotone lo inumidisco nell' alcol e poi lo passo sulle corde una per una fino a farle fischiare, l'alcol sgrassa completamente la corda la pulisce da ogni impurità, poi riaccordo lo strumento e le corde tornano quasi nuove.
Il problema principale delle corde è il sudore e la sporcizia che si crea sulla corda quando la si suona per parecchio tempo, se si sgrassa bene la corda la si può ancora usare per qualche tempo.

Costantino Proietti
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 29
Iscritto il: lun 19 giu 2017, 12:40
Località: Roma

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Costantino Proietti » mer 26 lug 2017, 14:14

Avendo da poco acquistato (a scatola chiusa, senza provarla) una Aria A558 ho montato una muta D'Addario EJ45. Ma i cantini non mi piacevano ed avendo su un'altra chitarra le Savarez 520R li ho scambiati. Ecco perché avevo chiesto se era possibile utilizzare le corde quasi nuove, senza andare incontro a particolari problemi. Con le indicazioni ricevute posso provare anche altre mute di corde (seguendo i consigli del M° Barricelli ) tra le quali sempre Savarez Corum Alliance, così da trovare quanto prima il giusto accoppiamento con la chitarra...magari spendendo un pò ma lasciando le corde sostituite per un utilizzo successivo.
Ancora un ringraziamento a tutti.
La chitarra ti riporta alla dura realtà quando la suoni male e ti fa sentire felice quando la suoni bene. In ambedue i casi ti rende migliore.

Petta Paolo
Messaggi: 20
Iscritto il: mer 26 lug 2017, 12:20

Re: Sostutuzione corde nuove. Quanto si deteriorano?

Messaggio da Petta Paolo » mer 09 ago 2017, 12:08

suono da qualche mese ci sono delle corde più o meno adatte allo studio che si fa?

Torna a “Corde della chitarra”