una domanda precisa (chi usa o ha usato il metodo Anzaghi?)

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
drago

una domanda precisa (chi usa o ha usato il metodo Anzaghi?)

Messaggio da drago » ven 01 apr 2011, 22:41

Scusate se ritorno su un argomento che avevo posto più di un anno fa e che riguardava un libro di tecnica di L.O. Anzaghi "50 ESERCIZI DI TECNICA per chitarra" (edito da Ricordi).
Alle mie domande di un anno fa ho avuto diverse risposte che però hanno trattato prevalentemente il metodo Anzaghi in generale più che il libro di tecnica in questione (nella sostanza, tutti gli amici del forum, che hanno avuto la pazienza di rispondermi, hanno espresso opinioni NON "molto generose" per l'Anzaghi chitarrista anche se hanno dimostrato rispetto per l'Anzaghi musicista).

Pongo ora una domanda precisa sul libro di tecnica di L.O. Anzaghi "50 ESERCIZI DI TECNICA per chitarra": esiste qualcuno che sta utilizzando o ha utilizzato questo libro????

In particolare, chiedo ai maestri del forum se conoscono il libro in questione e, qualora lo conoscano ma non lo utilizzino, quali sono le principali motivazioni in base alle quali preferiscono altri libri di tecnica?

Cari amici del forum, le vostre risposte sono per me particolarmente importanti per decidere se continuare o meno la mia partecipazione, come allievo, ad una scuola di chitarra.

Mille grazie ed un caro saluto
Drago

kiki

Re: una domanda precisa ....

Messaggio da kiki » dom 17 apr 2011, 15:42

ciao Drago,
mi sembra di capire che non sei molto contento della scuola di chitarra in questione...
io non ho mai usato il testo che dici, ed in genere trovo i testi di Anzaghi piuttosto pesanti (spero con questo di non offendere nessuno... probabilmente è un limite mio!), però mi sembra strano che tu basi la scelta della scuola di chitarra sulla validità di un metodo specifico; vi fanno usare solo questo? perchè se è così, secondo me, è comunque limitante: per buono che sia un metodo non si può limitarsi a suonare un solo autore e pensare di ottenere una preparazione completa.
spero di esserti stata di aiuto, buona fortuna

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6935
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: una domanda precisa ....

Messaggio da Giorgio Signorile » dom 17 apr 2011, 16:48

se una scuola di chitarra si basa su un metodo simile direi che è meglio valutare altro in giro, ma dubito che esista una didattica costruita su un testo, in genere si prende qua e là. In ogni caso le motivazioni che spingono verso un testo o un altro sono l'esperienza dell'insegnante che sa cosa trarre da un certo libro, il suo carattere didattico, semplice, chiaro e comunicativo e la bellezza degli eventuali brani contenuti. Ma non ho mai conosciuto un collega che fa usare un metodo dall'inizio alla fine, tipo un libro di storia o grammatica, semplicemente non si può fare, ogni alunno è un mondo diverso dagli altri e ha esigenze diverse, bisogna personalizzare lo studio, anche nella scelta dei testi (prescindendo da quelli importanti per la letteratura classica "obbligata)

Avatar utente
Gerardo50
Messaggi: 4933
Iscritto il: ven 22 set 2006, 10:50
Località: Roma

Re: una domanda precisa ....

Messaggio da Gerardo50 » lun 18 apr 2011, 08:07

Ciao Drago mi permetto di dire ( senza voler dare consigli ) che gia 40 anni fa per quel poco che studiai, il mio insegnante spaziava molto qua e la come dice Giorgio. Quindi trovo strano che ora 40 anni dopo si faccia uso di un solo libro. Ricordo che addirittuira all'interno dello stesso Sagreras l'insegnante faceva delle cernite selezionando i studi che lui riteneva utili passando poi in qualcosa di altri autori ecc. ecc. Ciao :)
Gerardo

mussolin silvano
Messaggi: 15
Iscritto il: ven 01 gen 2016, 17:14

Re: una domanda precisa (chi usa o ha usato il metodo Anzaghi?)

Messaggio da mussolin silvano » ven 08 set 2017, 13:43

navigando .... ho trovato questo bel quesito.
personalmente anche le cose prodotte da anzaghi possono essere utili

a parte la tecnica delle scale nelle varie tonalità ( utilissime nei momenti di stanca ) ritengo molto utili certe melodie

proprio per lo sviluppo delle stesse col canto nei bassi e nella forma accompagnamento arpeggiato della melodia.

di solito riterrei utile avvicendarlo una volta terminato il sagreras comunque qualsiasi composizione è utile per crescere

stravinski diceva che vivaldi ha composto 500 volte lo stesso concerto .......... ma nessuno si stanca di ascoltarlo auguri a tutti prof silvano

Torna a “Tecnica e interpretazione”