Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4478
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Massimo Di Coste » lun 30 set 2013, 10:22

Salve amici, posto con piacere un'altra video intervista riguardante la tecnica. In questo filmato si parlerà del tremolo!!!!

:bye:


Youtube
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Avatar utente
Gerardo50
Messaggi: 4868
Iscritto il: ven 22 set 2006, 10:50
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gerardo50 » lun 30 set 2013, 11:16

Ottimi spunti e validi consigli come ad esempio quello di non distanziare le dita ecc. ecc. Bravo Gabriele.
Gerardo

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1058
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gabriele Curciotti » lun 30 set 2013, 12:04

Gerardo50 ha scritto:Ottimi spunti e validi consigli come ad esempio quello di non distanziare le dita ecc. ecc. Bravo Gabriele.


Grazie Gerardo! :okok: :bye:

Avatar utente
Carlo Botti
Messaggi: 301
Iscritto il: lun 01 ott 2007, 16:32
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Carlo Botti » lun 30 set 2013, 13:56

Grazie Gabriele per quest'ennesimo e prezioso contributo.

:bravo:

Carlo

oiram91
Messaggi: 242
Iscritto il: lun 11 lug 2011, 10:07

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda oiram91 » lun 30 set 2013, 14:18

grazie :merci: :merci: per aver condiviso queste nozioni con tutti noi, grazie a Gabriele e grazie a Massimo :discussion:

Avatar utente
Bernardino Sciarretta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1265
Iscritto il: mar 15 gen 2013, 13:25
Località: Ariccia Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Bernardino Sciarretta » lun 30 set 2013, 14:31

..Ecco..un'altra perla.."densa" di spunti tecnici e fisiologici.
Grazie infinite a Massimo e Gabriele
:merci: :okok:
:bye:

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1058
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gabriele Curciotti » lun 30 set 2013, 14:51

Grazie a voi per gli apprezzamenti calorosi! :okok: :bye:

Avatar utente
Gaetano Previtera
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 171
Iscritto il: mar 18 set 2012, 14:54

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gaetano Previtera » lun 30 set 2013, 17:06

Grazie ragazzi, fantastico come sempre!!! Proverò a studiare qualcosa di facile mettendo in pratica questi preziosi insegnamenti. C'è qualche brano facile che possa essere usato a questo scopo? :merci:

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda pippowitz » lun 30 set 2013, 18:59

Come sempre faccio i complimenti a Gabriele e Massimo: il video contiene le indicazioni principali per lo sviluppo di questa tecnica e fornisce un buon metodo di approccio. Apprezzo in particolare l'idea che una sequenza di movimenti abbastanza complessa come quella del tremolo debba essere affrontata col massimo rilassamento e senza cercare subito l'intensità. Per me è un concetto basilare: se devi imparare un movimento nuovo lo devi fare in modo lento, leggero e rilassato. La forza va messa solo dopo che il movimento sarà stato assimilato.
Mi sento solo di aggiungere solo un paio di cose, che probabilmente non sono state dette perchè abbastanza scontate: una è che prima di affrontare il tremolo è meglio essere a posto nella tecnica di base degli arpeggi: in fondo si tratta di un tipo particolare di arpeggio veloce: se hai problemi con gli arpeggi forse è meglio rimandare lo studio del tremolo. Un'altra cosa da verificare prima di iniziare lo studio del tremolo è di avere una buona padronanza nell'uso del pollice. Questo dito deve essere in grado di andare a suonare tutte le corde spostandosi da una all'altra senza modificare la posizione della mano, perchè dovrà poi eseguire l'accompagnamento in arpeggio della melodia fatta da anulare medo e indice: se non siamo capaci di portare il pollice dalla seconda corda alla sesta e viceversa senza spostare la mano è evidente che poi il movimento del pollice farà disallineare indice medio e anulare rispetto alle corde, e addio tremolo. Studiando il tremolo ci si fissa sul movimento di anulare medio ed indice ma in realtà queste dita hanno un compito abbastanza semplice, come dice giustamente Gabriele è una semplice caduta. Ma bisogna "cadere" partendo dalla giusta posizione, e per questo è importante che i movimenti del pollice non vadano a spostare la mano.

Massimo Banchio

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Massimo Banchio » lun 30 set 2013, 19:45

Per equilibrare il tremolo uso queste sequenze. pami,,,,pima,,,,,pmia,,,,paim.,,,,e quello di tipo flamenco a cinquine piami. poi chiaramente uso quello classico pami. :bye: Trilly

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1058
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gabriele Curciotti » mar 01 ott 2013, 08:55

Gaetano Previtera ha scritto:Grazie ragazzi, fantastico come sempre!!! Proverò a studiare qualcosa di facile mettendo in pratica questi preziosi insegnamenti. C'è qualche brano facile che possa essere usato a questo scopo? :merci:


Ciao Gaetano,
credo che prima ti convenga lavorarci un pò sopra a parte perchè se inserisci subito anche l'attenzione verso i passaggi di un brano rischi di mischiare le cose.
All'interno dei vari metodi di Giuliani o Aguado puoi trovare diversi piccoli brani con il tremulo.
Buono studio! :bye:

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1058
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gabriele Curciotti » mar 01 ott 2013, 09:00

pippowitz ha scritto:Come sempre faccio i complimenti a Gabriele e Massimo: il video contiene le indicazioni principali per lo sviluppo di questa tecnica e fornisce un buon metodo di approccio. Apprezzo in particolare l'idea che una sequenza di movimenti abbastanza complessa come quella del tremolo debba essere affrontata col massimo rilassamento e senza cercare subito l'intensità. Per me è un concetto basilare: se devi imparare un movimento nuovo lo devi fare in modo lento, leggero e rilassato. La forza va messa solo dopo che il movimento sarà stato assimilato.
Mi sento solo di aggiungere solo un paio di cose, che probabilmente non sono state dette perchè abbastanza scontate: una è che prima di affrontare il tremolo è meglio essere a posto nella tecnica di base degli arpeggi: in fondo si tratta di un tipo particolare di arpeggio veloce: se hai problemi con gli arpeggi forse è meglio rimandare lo studio del tremolo. Un'altra cosa da verificare prima di iniziare lo studio del tremolo è di avere una buona padronanza nell'uso del pollice. Questo dito deve essere in grado di andare a suonare tutte le corde spostandosi da una all'altra senza modificare la posizione della mano, perchè dovrà poi eseguire l'accompagnamento in arpeggio della melodia fatta da anulare medo e indice: se non siamo capaci di portare il pollice dalla seconda corda alla sesta e viceversa senza spostare la mano è evidente che poi il movimento del pollice farà disallineare indice medio e anulare rispetto alle corde, e addio tremolo. Studiando il tremolo ci si fissa sul movimento di anulare medio ed indice ma in realtà queste dita hanno un compito abbastanza semplice, come dice giustamente Gabriele è una semplice caduta. Ma bisogna "cadere" partendo dalla giusta posizione, e per questo è importante che i movimenti del pollice non vadano a spostare la mano.


Trovo molto corretta la tua precisazione sul pollice, sicuramente poggiare le tre dita sulla prima, seconda o terza corda ed allenarsi a spostare il pollice saltando da una corda all'altra senza guardare per codificare a livello propriocettivo le distanze è un ottimo esercizio.
Sul fatto che il tremulo sia legato all'arpeggio sinceramente non riesco a trovare un legame diretto... è vero che un arpeggio discendente deve avere la stessa rilassatezza del tremulo ma non èproprio la stessa cosa. Ci muoviamo in spazi molto ridotti e con velocità notevoli perciò ogni minima variazione comporta un assetto e una coordinazione particolare. Direi che esercitare antrambe le cose aiuta sicuramente ad ottenere un risultato migliore sui due fronti.
Grazie per il tuo intervento! :bye:

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1058
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gabriele Curciotti » mar 01 ott 2013, 09:05

Trilly ha scritto:Per equilibrare il tremolo uso queste sequenze. pami,,,,pima,,,,,pmia,,,,paim.,,,,e quello di tipo flamenco a cinquine piami. poi chiaramente uso quello classico pami. :bye: Trilly


Ciao Trilly,
si direi che utilizzare diteggiature diverse per il tremulo sia un buon esercizio di coordinazione e sincronia che sviluppa il controllo del movimento, però poi la vera fluidità funzionale all'aspetto musicale va cercata nella formula che si utilizzerà per suonare :bye:

Avatar utente
Gaetano Previtera
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 171
Iscritto il: mar 18 set 2012, 14:54

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda Gaetano Previtera » mar 01 ott 2013, 09:12

Gabriele Curciotti ha scritto:
Gaetano Previtera ha scritto:Grazie ragazzi, fantastico come sempre!!! Proverò a studiare qualcosa di facile mettendo in pratica questi preziosi insegnamenti. C'è qualche brano facile che possa essere usato a questo scopo? :merci:


Ciao Gaetano,
credo che prima ti convenga lavorarci un pò sopra a parte perchè se inserisci subito anche l'attenzione verso i passaggi di un brano rischi di mischiare le cose.
All'interno dei vari metodi di Giuliani o Aguado puoi trovare diversi piccoli brani con il tremulo.
Buono studio! :bye:

Grazie Gabriele, seguirò i tuoi preziosi consigli ;-)

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Incontro con G. Curciotti: " -il tremolo" -.

Messaggioda pippowitz » mar 01 ott 2013, 10:16

Gabriele Curciotti ha scritto:
Sul fatto che il tremulo sia legato all'arpeggio sinceramente non riesco a trovare un legame diretto...

Beh, per entrambe le tecniche si presuppone una buona scioltezza nel movimento, se questa ancora latita meglio aspettare. Il nesso tra le due tecniche è che in fondo anche un arpeggio molto veloce pima o pami è un movimento unico e fluido, come dici tu una specie di caduta, proprio come il tremolo.


Torna a “Tecnica e interpretazione”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 3 ospiti