Ricominciare a studiare....

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Umberto Nostro
Messaggi: 25
Iscritto il: mar 20 dic 2016, 11:31

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Umberto Nostro » dom 25 dic 2016, 09:48

Farò anch'io tesoro dei consigli che sono stati dati su questo argomento. Ho ripreso lo studio della chitarra dopo molti anni e, ovviamente, incontro difficoltà nella esecuzione dei pezzi che più mi piace suonare. In particolare mi dà un po' di sofferenza lo scarto, a volte piuttosto marcato, tra la musica che viene fuori dalla mia chitarra e quella che sento nel mio cuore. Buon Natale a tutti.

PinGiov
Messaggi: 714
Iscritto il: sab 26 giu 2010, 11:14

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda PinGiov » lun 02 gen 2017, 23:20

Complimenti per la ripresa. La musica non ci abbandona mai!

lcassiano
Messaggi: 25
Iscritto il: mar 23 feb 2016, 10:48

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda lcassiano » mar 10 gen 2017, 14:43

Ho smesso e ripreso poi a suonare più volte, per contingenze varie: è una passione che rimane comunque sempre dentro!
La musica è una rivelazione, più alta di qualsiasi saggezza e di qualsiasi filosofia.
(Ludwig van Beethoven)

Chitarra Bernabe M-5

Edoardo Giuffria
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 10 gen 2017, 13:40

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Edoardo Giuffria » gio 12 gen 2017, 19:39

Ciao a tutti; non apro un altra thread poiché vorrei fare una domanda che ha attinenza con quella che ha inaugurato questo thread: spero di non infrangere la policy del forum.
Dai 18 ai 21 ho studiato chitarra classica; l'ultimo anno suonavo pezzi di livello di vecchio V anno, anche se la mia preparazione fin lì è stata lacunosa e poco coerente, complici cambi ripetuti di insegnante e forse un po' di preassapochismo dei maestro che ho avuto.
Ho ripreso due anni fa dopo 15 anni, dapprima da solo, con gli arpeggi di Giuliani, poi mi sono iscritto alla civica della mia città al corso amatoriale.
Il Maestro, molto bravo, mi ha fatto partire dal III volume di Sor (opere 44 e 60) oltre agli studi di Giuliani selezionati da Ruggero Chiesa.
In un anno ho fatto un'ottantina di studi.
Adesso sono a metà delle opere 31 e 35 di Sor (livello V anno e alcuni VIII anno vecchio ordinamento) e inizio a fare un po' fatica: il livello degli studi sale gradualmente ma costantemente e ho l'impressione che una settimana non mi basti più per preparare tre studi alla volta (2 Sor e 1 Giuliani).

In base all'esperienza di quelli di voi che suonano da tanto tempo, tutto ciò è normale oppure è da imputare alla mia preparazione a cui mancano dei tasselli?

Grazie a chi mi risponderà.

Edoardo

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 721
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Paolo Previato » gio 12 gen 2017, 22:04

Edoardo Giuffria ha scritto:Ciao a tutti; non apro un altra thread poiché vorrei fare una domanda che ha attinenza con quella che ha inaugurato questo thread: spero di non infrangere la policy del forum.......


Intervengo volentieri in merito al tuo intervento.
Studio chitarra classica da tre anni grazie a questo sito e ai corsi che offre. Ho frequentato i primi 4 corsi con grande soddisfazione e con risultati per me soddisfacenti. Ora continuo da solo con l'obbiettivo di crescere poco alla volta e nel tentativo di crearmi un piccolo repertorio personale per dimostrare a me stesso che qualcosa di quello che studio alla fine rimane nelle dita.
Fatta questa premessa vengo al tuo quesito. Sto studiando Il secondo volume con gli studi op 31 e 35 di Sor revisione Ruggero Chiesa. In totale sono 48 studi 8 dei quali sono presenti anche nella famosa raccolta di 20 studi revisionati da Segovia. Questo per dire che si tratta di studi della massima importanza per quanto riguarda la formazione del chitarrista classico. Come giustamente hai detto alcuni sono anche parecchio difficili. Se tu riuscissi a studiarne anche 2 a settimana come hai fatto fino ad ora vorrebbe dire che in sei mesi avresti studiato l'intero volume. Non conosco il tuo livello e posso pensare che tu ce la possa anche fare ma alla fine bisognerebbe vedere cosa ti è rimasto nelle dita. Al mio livello che è sicuramente inferiore al tuo impiego a volte dei mesi per arrivare ad essere soddisfatto di come eseguo uno studio. Dopo aver letto lo spartito inizio a mettere insieme il brano cercando di fare meno errori possibili. Poi inizia la fase in cui devo interpretare il brano e qui sono dolori perché magari mi registro e quello che ascolto non corrisponde all'idea che avevo del mio suono. Faccio una ricerca per sentire più versioni possibili nel tentativo di assimilare veramente la musica e nella speranza di poter dare alla fine anche un idea personale all'interpretazione. Questo periodo dura settimane anche per gli studi più semplici. Il 35 nr 1 ho iniziato a suonarlo pensando che fosse quasi banale ma a distanza di mesi sento che non è banale per niente e richiede un grande impegno per essere suonato al meglio. Il 35 nr. 3 richiede uno sforzo di interpretazione notevole pur essendo semplice. E via dicendo, cosa dire del 35 nr. 17 magnifico studio che penso richieda mesi di impegno. Il famosissimo 35 nr. 22 inizio a pensare di saperlo suonare dopo che lo studio da circa un anno. L'opera 31 credo che sia mediamente più difficile, finora ho visto il 31 nr. 16 che penso studierò nei prossimi 2 o 3 mesi. Penso che alcuni studi non si finisce mai di impararli. Ritengo anche che sia impossibile studiare tutti gli studi di Sor al meglio e in questo senso il tuo Maestro potrebbe aiutarti nella scelta di quelli che ritiene i più utili alla tua crescita. Vorrei dunque tranquillizarti dicendoti che secondo me le difficoltà che stai incontrando sono del tutto normali visto che non siamo professionisti. Dobbiamo accontentarci dei piccoli progressi e quando uno studio finalmente ci riesce dobbiamo gioire di questa splendida musica.
Ti auguro tanta buona musica.
Paolo
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Edoardo Giuffria
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 10 gen 2017, 13:40

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Edoardo Giuffria » gio 12 gen 2017, 23:11

Beh grazie mille per la risposta. Anch'io son dell'idea che sia meglio imparare lentamente. Le corse non fanno bene a nessuno.

P.s. Il mio non é un livello alto tutt'altro

Avatar utente
Umberto Quintarelli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 15
Iscritto il: lun 09 gen 2017, 13:25

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Umberto Quintarelli » ven 13 gen 2017, 08:49

Dai consigli mi pare di capire che Giuliani e Carulli siano i più consigliati per una "ripresa graduale". Non vorrei andare off topic ma vorrei capire il motivo preciso. Gradualità e bellezza degli studi o c'è qualche altro motivo?

Avatar utente
Hobbit_74
Messaggi: 16
Iscritto il: sab 10 dic 2016, 21:46
Località: Roma

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Hobbit_74 » ven 13 gen 2017, 10:07

Secondo me gli Studi di Sor sono particolarmente ostici, da ragazzo li odiavo proprio perchè con il massimo sforzo si otteneva il minimo sindacale. Giuliani e Carcassi (Carulli non lo ho mai affrontato) suonano da subito meglio e ritengo siano "più semplici" da interpretare.
Oggi che a distanza di 20 anni ho ripreso lo strumento in mano mi sto accorgendo della grandezza di Sor ma permangono le difficoltà esecutive, sopratutto a livello di interpretazione.

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 721
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Paolo Previato » ven 13 gen 2017, 11:12

Hobbit_74 ha scritto:Secondo me gli Studi di Sor sono particolarmente ostici, da ragazzo li odiavo proprio perchè con il massimo sforzo si otteneva il minimo sindacale. Giuliani e Carcassi (Carulli non lo ho mai affrontato) suonano da subito meglio e ritengo siano "più semplici" da interpretare.
Oggi che a distanza di 20 anni ho ripreso lo strumento in mano mi sto accorgendo della grandezza di Sor ma permangono le difficoltà esecutive, sopratutto a livello di interpretazione.


Concordo in pieno. Come ho detto dopo aver imparato uno studio di Sor bisogna interpretarlo cosa non facile soprattutto per un autodidatta. Ma la grandezza di Sor sta nel fatto che anche studi semplicissimi se ben interpretati sono piccoli capolavori da tenere per sempre nel proprio repertorio. Faccio qualche esempio: Op. 60 nr. 5 - Op 35 nr. 1 - Op. 35 nr. 3 - Op. 35 nr. 4 - Op. 35 nr. 9.
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Giorgio Signorile » ven 13 gen 2017, 11:58

Ho dato una lettura veloce, mi interessava da insegnante vedere cosa c'era dietro al titolo del post. Tutto giusto, ma la vostra disanima sembra escludere tutto qual mondo didattico che viene dopo i classici del primo 800...e c'è davvero un mondo di studi e composizioni "easy" che oltre a far bene alle dita aiutano ad aprire la mente e ad abituarsi a posizioni e suoni non così scontati come in quelli tradizionali. Per cui vi invito a dare un'occhiata ai lavori didattici (ma che sovente sono qualcosa oltre) di autori a me cari e che adopero nelle lezioni, da Gammanossi a Torresan, da Bratus a Tortora (sono studi di autori pubblicati da Sinfonica e molto utili) tanto per dire i primi che mi vengono in mente e che ho nella borsa. Ma poi andate sugli Estudios sencillos di Brouwer, su quelli di Gangi, cercate nei cataloghi di case come Ut Orpheus (le raccolte curate da Adriana Tessier..).Ma davvero c'è tantissima musica che permette ai chitarristi curiosi anche all'inizio di esplorare nuovi territori e non semplicemente andare nel solco, pur nobile, di una tradizione da conoscere ma da utilizzare per andare oltre

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Giorgio Signorile » ven 13 gen 2017, 12:02

e nel campo della tradizione ottocentesca...conoscete Francesco Molino? date un'occhiata agli studi che propone qui http://www2.kb.dk/elib/noder/rischel/RIBS0556.pdf
bellissimo e...moderno!

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 721
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Paolo Previato » ven 13 gen 2017, 12:33

Grazie Maestro Signorile.
In effetti gli ultimi post erano focalizzati sugli studi di Sor e concordo sul fatto che c'è tanta altra musica interessante.
Ci sono bellissimi studi anche semplici di Marco Gammanossi (12 studi), Renato Grandin (12 studi), Hirokazu Sato (vedi i bellissimi Karen e Simple song), Maria Linnemann, Giorgio Signorile (10 composizioni in forma di metodo, provare con Tramonto per scoprire quanto sia bello un brano semplice se ben interpretato), Leo Brouwer e i suoi studi semplici. Non conoscevo Francesco Molino , Torresan, Bratus a Tortora e la ringrazio per la segnalazione.
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Giorgio Signorile » ven 13 gen 2017, 14:25

Grazie per la "segnalazione" personale...Grandin non lo conosco..andrò a vedere,ciao!

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 721
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda Paolo Previato » ven 13 gen 2017, 16:55

Hobbit_74 ha scritto:Secondo me gli Studi di Sor sono particolarmente ostici, da ragazzo li odiavo proprio perchè con il massimo sforzo si otteneva il minimo sindacale. Giuliani e Carcassi (Carulli non lo ho mai affrontato) suonano da subito meglio e ritengo siano "più semplici" da interpretare.

La differenza che ho notato studiando Sor rispetto agli altri compositori sta nella diteggiatura. Intendo dire che la diteggiatura di un suo studio non è mai banale o scontata come in molti studi di Carulli e Giuliani specia quelli arpeggiati. La fatica maggiore per quanto mi riguarda consiste nell'imparare alla perfezione la diteggiatura altrimenti le frasi musicali non escono, non c'è verso. Naturalmente è necessario avere una buona revisione come quella che abbiamo menzionato cioè Ruggero Chiesa edizioni Suvini Zerboni. Io l'ho presa dopo aver letto pareri favorevoli su questo forum e devo dire che sono veramente contento della scelta.
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

carlo malfetta
Messaggi: 389
Iscritto il: mar 27 apr 2010, 15:21

Re: Ricominciare a studiare....

Messaggioda carlo malfetta » ven 13 gen 2017, 19:08

Le composizioni del Maestro Giorgio Signorile hanno la caratteristica,unica, di arrivare da subito e con una limpidezza straordinaria !!!!!!!!!!


Torna a “Tecnica e interpretazione”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite