La precisione nella mano sinistra - consigli

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » mar 11 ott 2016, 07:59

Carissimo Gabriele,

si il tuo video l’avevo già visto (avevi qualche dubbio eheheheh) e mi è stato utilissimo in tutto; per ripassare la corretta postura, per la mobilità del polso, della “basculanza” del gomito etc.
Soprattutto per il punto di attacco della corda delle dita della mano sinistra.
Il fatto di attaccare la corda con più superficie possibile (tu parli nel video, in certi casi, anche di posizione quasi piatta del dito) mi ha semplificato di molto la vita.

Sostanzialmente molti brani del V anno gli ho tecnicamente risolti (parlo, p.e., di buona parte dei 10 studi di Sor/Segovia) andando mooooooooolto lentamente. Diciamo alla metà del tempo corretto.

I problemi nascono quando velocizzo. Le dita probabilmente non hanno ancora “memorizzato muscolarmente” bene le posizioni.

Non mi resta che, almento credo, provare, provare, provare, studiare studiare studiare etc.

Senza sacrifici, credo che non si risolva nulla.

Io per velocizzare utilizzo il metronomo, aumentando di poco, volta per volta…. Ma se hai altri consigli….

Grazie comunque per l’interesse. Mi fa molto piacere…
:merci: :merci:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1085
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Gabriele Curciotti » mer 12 ott 2016, 11:27

Danilo Fornasari ha scritto:Carissimo Gabriele,

si il tuo video l’avevo già visto (avevi qualche dubbio eheheheh) e mi è stato utilissimo in tutto; per ripassare la corretta postura, per la mobilità del polso, della “basculanza” del gomito etc.
Soprattutto per il punto di attacco della corda delle dita della mano sinistra.
Il fatto di attaccare la corda con più superficie possibile (tu parli nel video, in certi casi, anche di posizione quasi piatta del dito) mi ha semplificato di molto la vita.

Sostanzialmente molti brani del V anno gli ho tecnicamente risolti (parlo, p.e., di buona parte dei 10 studi di Sor/Segovia) andando mooooooooolto lentamente. Diciamo alla metà del tempo corretto.

I problemi nascono quando velocizzo. Le dita probabilmente non hanno ancora “memorizzato muscolarmente” bene le posizioni.

Non mi resta che, almento credo, provare, provare, provare, studiare studiare studiare etc.

Senza sacrifici, credo che non si risolva nulla.

Io per velocizzare utilizzo il metronomo, aumentando di poco, volta per volta…. Ma se hai altri consigli….

Grazie comunque per l’interesse. Mi fa molto piacere…
:merci: :merci:
Caro Danilo,

già un video è qualcosa di molto limitante ma almeno tenta di spiegare meglio concetti spesso complessi, ma per iscritto è davvero difficle.

Cmq mi vengono in mente un paio di cose: Quando devi prendere posizioni con più dita (da 2 a 4) contemporaneamente prova a studiare il passaggio cercandoti un ordine di posizionamento delle dita stesse così da creare una sequenza che poi andrai a velocizzare sempre di più fino a portarla alla simultaneità.

Altra cosa: quando devi spostarti di più tasti tu cosa guardi, il dito o le dita che si spostano o miri il punto di arrivo?

Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » mer 12 ott 2016, 13:33

Grazie come sempre Gabriele,

Allora, per la prima domanda sto già seguendo (ma sei un mago?????????) il tuo consiglio. In effetti tendevo sempre a posizionare le dita nello stesso ordine perché, per esempio, l’indice lo spostavo più facilmente dell’anulare ma questo mi faceva perdere quella frazione di tempo necessaria per posizionare meglio l’accordo e la cosa diventava delle volte un po’ troppo …. Sforzata.
Già da qualche tempo, studio varie possibilità di posizionamento dell’accordo cercando l’ordine più comodo e più sicuro e mi permette un po’ più di velocità. Interessantissimo comunque il consiglio per simultaneizzare lo spostamento.

Per la seconda, sai che sto riflettendo molto su cosa guardo? Secondo me guardo, più che altro, il punto di arrivo. Per tanti esercizi, tipo il Dominio delle Corde, guardo praticamente solo il punto di arrivo quando raggiungo velocità elevate. Stasera provo a stare attento a cosa osservo quando suono.

Ma, adesso mi hai reso curiosissimo, quale sarebbe la tecnica ideale? Guardare le dita o il punto di arrivo?
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 295
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Jesús Morote » mer 12 ott 2016, 15:23

Grazie a tutti i partecipanti in questo argomento. Sono veramente utili tutti i consigli che donatevi.
Grazie speziale a Gabriele Curciotti e il suo video. Molto bene spiegato e molto bene argomentato e ragionato.
Allievo D05

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1085
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Gabriele Curciotti » gio 13 ott 2016, 08:31

Jesús Morote ha scritto:Grazie a tutti i partecipanti in questo argomento. Sono veramente utili tutti i consigli che donatevi.
Grazie speziale a Gabriele Curciotti e il suo video. Molto bene spiegato e molto bene argomentato e ragionato.
Grazie a lei e buona musica! :-)

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1085
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Gabriele Curciotti » gio 13 ott 2016, 08:44

Danilo Fornasari ha scritto:Grazie come sempre Gabriele,

Allora, per la prima domanda sto già seguendo (ma sei un mago?????????) il tuo consiglio. In effetti tendevo sempre a posizionare le dita nello stesso ordine perché, per esempio, l’indice lo spostavo più facilmente dell’anulare ma questo mi faceva perdere quella frazione di tempo necessaria per posizionare meglio l’accordo e la cosa diventava delle volte un po’ troppo …. Sforzata.
Già da qualche tempo, studio varie possibilità di posizionamento dell’accordo cercando l’ordine più comodo e più sicuro e mi permette un po’ più di velocità. Interessantissimo comunque il consiglio per simultaneizzare lo spostamento.

Per la seconda, sai che sto riflettendo molto su cosa guardo? Secondo me guardo, più che altro, il punto di arrivo. Per tanti esercizi, tipo il Dominio delle Corde, guardo praticamente solo il punto di arrivo quando raggiungo velocità elevate. Stasera provo a stare attento a cosa osservo quando suono.

Ma, adesso mi hai reso curiosissimo, quale sarebbe la tecnica ideale? Guardare le dita o il punto di arrivo?

Devi guardare al punto di arrivo! :-)
è un pò come in macchina quando fai una curva, non guardi mica per terra mentre sterzi ma miri al punto di fuga più lontano.

Quello che mi piacerebbe farti vedere e capire è come muovere il gruppo mano-polso,avambraccio.braccio-spalla tra una posizione e l'altra per non avere problemi di precisione... ma così per iscritto è impossibile, dovremmo davvero vederci di persona.

Però rifletti su questo: prendere una posizione (mettiamo sia l'accordo iniziale di un brano) è di per se una cavolata, magari ci metti pure 30 sec a posizionarla bene ma poi il gioco è fatto; a questo punto devi andare da un altra parte con un altro accordo (semplifichiamo eh...), sicuramente posizionare le dita in un ordine di sequenza è utile ma ti sei mai chiesto cosa succede fra una posizione e l'altra?
Come devi modificare il tuo assetto posturale di mano-polso ecc... affinche tu possa arrivare alla posizione successiva senza il rischio di trovarti per esempio avanti di 4 tasti dove devi mettere l'accordo successivo ma con una "postura" non ideonea per quella posizione?
In poche parole, cosa fa e come si modifica il tuo corpo fra una posizione e l'altra?
come legare le due posizioni con un movimento armonico che ti eviti di trovarti dita nel posto sbagliato e doverti forzare a piegarle o a stenderle per arrivare sulla nota che lisci sempre?

Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » gio 13 ott 2016, 12:36

Si sei stato molto chiaro e tante cose le dici e ripeti anche nei tuoi video.
Capisco anche io che dal vivo si riuscirebbe a metter a punto alcune cose ma penso ad ogni modo di avere capito il senso di quello che dici e in un certo senso sto già applicando (o cerco di applicare) i tuoi suggerimenti. Fra l'altro molto logici e naturali.
In effetti guardando un musicista, si vede che non fa alcuno sforzo e che il suo movimento è naturalissimo ed armonioso.
Tutto questo, credo, sia figlio di grande, paziente, e meticoloso studio del corretto movimento fra un accordo e un altro.
A tal fine, ti chiedo... un movimento e/o una posizione comoda nel suonare che non crea fastidio, scomodità etc, è sinonimo di correttezza?

Abuso della tua (enorme) pazienza e quanto prima posterò dei video su alcuni brani dove, se potrai e se avrai voglia, mi dirai cosa ne pensi.
Se posso vorrei ricambiare in qualche cosa e ne sarei felice. :merci: :merci: :merci:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1085
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Gabriele Curciotti » ven 14 ott 2016, 15:39

Danilo Fornasari ha scritto:Si sei stato molto chiaro e tante cose le dici e ripeti anche nei tuoi video.
Capisco anche io che dal vivo si riuscirebbe a metter a punto alcune cose ma penso ad ogni modo di avere capito il senso di quello che dici e in un certo senso sto già applicando (o cerco di applicare) i tuoi suggerimenti. Fra l'altro molto logici e naturali.
In effetti guardando un musicista, si vede che non fa alcuno sforzo e che il suo movimento è naturalissimo ed armonioso.
Tutto questo, credo, sia figlio di grande, paziente, e meticoloso studio del corretto movimento fra un accordo e un altro.
A tal fine, ti chiedo... un movimento e/o una posizione comoda nel suonare che non crea fastidio, scomodità etc, è sinonimo di correttezza?

Abuso della tua (enorme) pazienza e quanto prima posterò dei video su alcuni brani dove, se potrai e se avrai voglia, mi dirai cosa ne pensi.
Se posso vorrei ricambiare in qualche cosa e ne sarei felice. :merci: :merci: :merci:
Beh indubbiamente una posizione che non crea fastidi, problemi, tensioni ecc è indubbiamente una buona posizione così come lo è per un movimento... solo che poi bisogna vedere se la finalità è congrua al risultato musicale che si vuole ottenere.
Se scegli una diteggiatura per "comodità" sicuramente non ti darà problemi a livello muscolo tendineo ma non è detto sia valida per ottenere un determinato effetto o risultato sonoro.
Avere a monte un controllo strutturato e profondo del movimento ti permette di scegliere da una tavvolozza di colori molto più ampia.

Riguardo i brani che posterai se potrò esserti d'aiuto compatibilmente con il tempo a disposizione che ho molto volentieri...

Per il resto sapere di poterti essere daiuto anche così a distanza è già importante per me... spero di conoscerti di persona magari al prossimo Roma Expo Guitars :-)

Buona musica!

Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » lun 17 ott 2016, 13:37

Grazie davvero di tutto Gabriele, è sempre un piacere confrontarsi con te anche alla luce della grande competenza che fai trasparire.
A presto e buona musica davvero a anche a te :bye: :bye: :bye: :merci: :merci: :merci: :merci:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Avatar utente
Gabriele Curciotti
Professore
Messaggi: 1085
Iscritto il: gio 07 ott 2010, 11:43
Località: Roma

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Gabriele Curciotti » lun 17 ott 2016, 17:47

Danilo Fornasari ha scritto:Grazie davvero di tutto Gabriele, è sempre un piacere confrontarsi con te anche alla luce della grande competenza che fai trasparire.
A presto e buona musica davvero a anche a te :bye: :bye: :bye: :merci: :merci: :merci: :merci:

:okok: :okok:

guitar91
Messaggi: 62
Iscritto il: gio 05 mag 2016, 10:41

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da guitar91 » dom 23 ott 2016, 14:16

oltre allo studio di scale e della tecnica, prova a focalizzare la tua attenzione sulla posizione in cui va a mettersi il dito: se ti sforzi nell'apprendimento delle scale di mettere il dito sempre vicino al tasto e mai in un altro punto sarà più difficile sbagliare e sporcare. è un esercizio da fare in modo molto lento

Giampiero Carella
Professore
Messaggi: 514
Iscritto il: dom 06 lug 2008, 19:52
Località: Cadorago (Como)

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Giampiero Carella » lun 24 ott 2016, 07:22

Negli spostamenti attenzione al pollice della sinistra, deve conservare la sua posizione di bilanciamento della mano (dietro al secondo dito). Non deve esercitare molta pressione ma un leggero appoggio!

Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » lun 24 ott 2016, 12:59

Grazie Guitart e Prof.Casella,

sono tutti suggerimenti utilissimi e vi ringrazio davvero tanto. :merci: :merci: :merci:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Nello Ieva
Messaggi: 542
Iscritto il: dom 19 mar 2006, 21:26
Località: Casoria (NA)

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Nello Ieva » mer 26 ott 2016, 07:05

Danilo Fornasari ha scritto:Grazie a tutti davvero.....

Sia benedetto Delcamp per avere creato questo forum.

Diciamo che a breve comincerò a postare i video degli studio di Sor che sto solo perfezionando (compreso il famigerato ottavo)...
Allora Danilo, questi brani? Così dalle analisi dei maestri possiamo apprendere utili suggerimenti.

Danilo Fornasari
Messaggi: 160
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: La precisione nella mano sinistra - consigli

Messaggio da Danilo Fornasari » mer 26 ott 2016, 07:44

Ciao Nello,
tranquillo che arrivo.
Non ho fretta e sto perfezionando i punti dolenti e questo porta via tempo. Quando sarà il momento (e spero a giorni) sarò felice di avere un conforto dai maestri.
Ma preferisco quando i pezzi sono completi e da esecuzione (anche perché non posso abusare della cortesia dei Maestri postando i pezzi in itinere, mica gli sto pagando, sono fin troppo cortesi).
A presto :bye: :bye: :bye: :bye:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Torna a “Tecnica e interpretazione”