Note strisciate "ballerine"

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Salvatore Agnello
Messaggi: 497
Iscritto il: mer 29 dic 2004, 14:50
Località: civitavecchia

Note strisciate "ballerine"

Messaggioda Salvatore Agnello » gio 06 ott 2016, 20:39

Mi riferisco al brano Marieta di Tarrega nella versione di Delcamp .
All'inizio della seconda parte in La magg. c'è un abbellimento strisciato formato da Fa e Do (6^ e 5^corda) che termina su La e Mi. Nulla di strano se La e Mi fossero anch'essi quelli su 6^ e 5^ e io così lo eseguivo, ma il Maestro indica 2 e 4 su Fa e Do e 0 e 1 su La e Mi quindi queste ultime si trovano su 5 e 4 corda.
Ora mi chiedo come posso eseguire uno strisciato saltando sulle corde? E' una cosa che ho visto in altre occasioni e non me la spiego.
Siete così gentili da illuminarmi?
grazie
Salvatore
"La bellezza io no so cosa sia". Albrecht Durer -

Avatar utente
Carlo Botti
Messaggi: 301
Iscritto il: lun 01 ott 2007, 16:32
Località: Roma

Re: Note strisciate "ballerine"

Messaggioda Carlo Botti » ven 07 ott 2016, 06:58

Si intende di glissare fino in quarta posizione e poi spostarsi in seconda con il la a vuoto e il mi sulla quarta corda.
Infatti il glissato è fatto con il 2 e il 4 in modo da preparare l'indice sul mi al secondo tasto.

Ciao,
Carlo

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6874
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Note strisciate "ballerine"

Messaggioda Giorgio Signorile » ven 07 ott 2016, 08:01

Io non mi farei problemi a tenere la frase sulla 6 e 5 corda, non ho la revisione di cui parli sotto agli occhi ma personalmente ho sempre suonato e sentito suonare come glissato dalla prima alla quinta posizione

Salvatore Agnello
Messaggi: 497
Iscritto il: mer 29 dic 2004, 14:50
Località: civitavecchia

Re: Note strisciate "ballerine"

Messaggioda Salvatore Agnello » ven 07 ott 2016, 11:36

Vi ringrazio, penso che mantenere il glissato dalla prima alla quinta sia la cosa migliore anche perchè il MI è una nota lunga. L'osservazione di Carlo è anche giusta in quanto il maestro ha scritto così anche se è un bel salto ma poi è più semplice per le note che seguono. Chiedevo solo perchè pensavo che mi sfuggisse qualcosa.
grazie Salvatore
"La bellezza io no so cosa sia". Albrecht Durer -


Torna a “Tecnica e interpretazione”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 4 ospiti