Brani virtuosistici

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Claudio Martone
Messaggi: 3
Iscritto il: mer 12 lug 2017, 12:07

Brani virtuosistici

Messaggio da Claudio Martone » gio 20 lug 2017, 21:50

Secondo voi quali sono i brani più complessi esistenti per chitarra?
Esistono brani capaci di competere con le meraviglie scritte per pianoforte ad esempio da virtuosi come Liszt, Chopin e quant'altri?

notarius
Messaggi: 162
Iscritto il: gio 09 set 2010, 11:26
Località: Treviso

Re: Brani virtuosistici

Messaggio da notarius » sab 22 lug 2017, 15:01

I brani più difficili che io ho incontrato sono quelli di J. Rodrigo. Non so cosa pensano gli altri.
Passando alla seconda domanda, non credo sia possibile fare paragoni tra la chitarra e il pianoforte. Se hai scelto la chitarra evidentemente è perché il suono di questo strumento evoca in te qualcosa che gli altri strumenti non riescono a darti, non certo per il suo repertorio che certamente per quantità e qualità non può competere con quello pianistico, soprattutto dell'ottocento.
Maurizio Viani

Roberto Marcotti
Professore
Messaggi: 99
Iscritto il: mar 16 giu 2015, 16:57
Località: Carmagnola

Re: Brani virtuosistici

Messaggio da Roberto Marcotti » mar 25 lug 2017, 08:47

Ciao, vorrei aggiungere che non si deve confondere la complessità con la mera complessità tecnica (o meglio digitale perché ad esempio lo Studio 5 richiede un lavoro di equilibrio tra le voci quasi utopistico ma che è d'obbligo perseguire). Le Suites di Bach allora? O il Nocturnal di Britten la Sequenza di Berio, le opere di Regondi? Gli esempi proseguirebbero, naturalmente comprendendo alcuni di Rodrigo. La competizione con il repertorio pianistico comunque trovo in termini quantitativi sia perdente, anche se esistono brani che tengono testa; comunque impostare la questione in termini competitivi non credo sia propriamente utile musicalmente.

Danilo Fornasari
Messaggi: 194
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: Brani virtuosistici

Messaggio da Danilo Fornasari » ven 28 lug 2017, 08:43

Aggiungo a quanto, con grande e dotta spiegazione, scritto da Roberto che, a mio parere, le Rossiniane sono di grandissimo livello, sia musicale che tecnico. :bye: :bye: :bye:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Roberto Marcotti
Professore
Messaggi: 99
Iscritto il: mar 16 giu 2015, 16:57
Località: Carmagnola

Re: Brani virtuosistici

Messaggio da Roberto Marcotti » ven 28 lug 2017, 09:41

Dimenticavo: il 5 di Villa-Lobos. E concordo con le Rossiniane: sono richieste grandi doti di equilibrio sonoro e padronanza tecnica che non deve apparire ma...trascendere nella scorrevolezza del fraseggio.
Ciao!

FlavioRo
Messaggi: 140
Iscritto il: lun 02 feb 2015, 17:58

Re: Brani virtuosistici

Messaggio da FlavioRo » gio 17 ago 2017, 12:30

Secondo me non ha alcun senso confrontare sul piano tecnico due strumenti completamente diversi,che offrono inevitabilmente possibilità diverse....stessa cosa se si provasse a confrontare la chitarra con il violino,ad esempio.....ci sono tantissimi brani complessi sia dal punto di vista musicale che "tecnico": inutile enumerarli; peraltro vi è oramai una gran parte del repertorio di chitarra che appartiene alla seconda metà del '900,ricco di difficoltà,e forse talvolta ancora non molto conosciuto....purtroppo si fatica talvolta ad uscire da quel binomio chitarra-Spagna,duro a morire,ma è certo che alcuni compositori contemporanei hanno scritto cose decisamente belle e interessanti; senza contare che ormai anche un certo repertorio dell'800,per tanti decenni nel '900 non praticato, fa ormai parte della pratica di tanti intepreti.....insomma,c'è molta carne al fuoco,ma ovviamente non si puo fare alcun paragone con altri strumenti con caratteristiche completamente diverse

Torna a “Tecnica e interpretazione”