Tempo per lo studio

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Angelo Barricelli

Messaggio da Angelo Barricelli » sab 30 set 2006, 20:40

provo a dire la mia in proposito molto brevemente,
credo che lo studio della chitarra debba essere fatto con due paletti fondamentali :
1) la costanza (anche se per poche ore)
2) la concentrazione

ognuno di noi ha un talento che deve venir fuori (l'ho già scritto ma lo ripeto con forza)
a prescindere dalla condizione di professionista e non professionista
:)
un abbraccio a tutti

claudio

tempo per lo studio

Messaggio da claudio » dom 01 ott 2006, 10:28

certo che è dura per uno che lavora ed ha famiglia,ma se la passione c'è per la chitarra,vedrai che alcuni ritagli di tempo riesci atrovarli eprima o poi i risultati arrivano.ormai di questi problemi non ne ho tutto il tempo che desidero percio dedico allo strumento parecchie ore al di(circa 5/6 ore) piu si è meglio è ciao.claudio

gugadario

Messaggio da gugadario » lun 02 ott 2006, 11:11

Ciao capisco le vostre difficoltà a portare avanti lo studio ed il lavoro, come ho letto per molti di voi si tratta veramente di una lotta contro il tempo e per questo vi manifesto la mia stima. Io, in quanto studente al conservatorio oltre che universitario, riesco, per ora ad avere più flassibilità con gli orari quindi per me è certamente più semplice. Credo che un ottimo metodo di studio si quantifichi in circa tre ore di studio attento e calcolato. Cioè non credo, come detto da altri utenti, all'utilità dello studio in sè, ma dello studio che segue un progetto, che sviluppa idee ed emozione; cose che senza attenzione per i particolari rimangono inespresse. Inoltre suddivido lo studio in 1 ora di tecnica in cui metto scale di Segovia con diverse diteggiature, ribattuti, scale doppie e legature. Scusate la prolissità, ma è argomento che mi sta molto a cuore. Buon lavoro a tutti.

Lucia

Messaggio da Lucia » ven 06 ott 2006, 12:11

Ciao, sono Lucia anchio lavoro e ho famiglia due bambini pero' riesco a trovare il tempo di suonare tutti i giorni. Ho iniziato due anni fa quasi tre dopo piu' di 20 anni che non suonavo, e la passione per questo strumento e' tanta e cosi' con un po' di sacrifici dedico tutto il mio tempo libero alla mia chitarra. Sto preparando l' esame di teoria e solfeggio che vorrei dare l' anno prossimo e l' esame del quinto anno, cerco di suonare almeno due ore e mezza, tre ore. La passione per la musica e' tanta che non sento la stanchezza quando mi metto a suonare dopo una giornata di lavoro. quando si ha la passione si superano tutti gli ostacoli e un po' di tempo si trova sempre
Ciao
Lucia

gfranzoni

Tempo di studio

Messaggio da gfranzoni » ven 06 ott 2006, 14:40

Hai ragione, cara Lucia, la passione aiuta a superare molti ostacoli...
Io ho appena superato l'esame di Compimento Inferiore, alla veneranda età di 47 anni, e voglio vincere la sfida di arrivare al Diploma, stringendo i denti ogni giorno per trovare il tempo necessario.
Ti auguro di riuscire a realizzare tutti i tuoi obiettivi musicali.
E complimenti per la forza di volontà che dimostri di avere.
Gianluca

mussolin silvano
Messaggi: 15
Iscritto il: ven 01 gen 2016, 17:14

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da mussolin silvano » gio 17 ago 2017, 09:46

l'argomento mi pare che appartenga alla categoria delle basilarità imprescindibili
la chitarra vedo che non risparmia nessuno (me compreso)
cosa fare , come fare ,quando fare ecc ecc
non possiedo la pietra filosofale della chitarra ma provo a informarvi sulla mia esperienza
un p'ò prima del diploma ho iniziato ad insegnare alle medie e il pomeriggio lo dedicavo alla chitarra
più che rubare il tempo per lo studio era la mentalità che doveva trasformarsi
con questo spirito sono riuscito ad arrivare al diploma e di conseguenza :( docente delle medie)
ora la pensione mi ha permesso di riprendere lo studio e di suonare con un a nuova mentalità
ecco.... è proprio la mentalità verso il cosa fare, come fare e quando fare la spinta al progredire
il tempo è una componente importante ma la raccolta delle messi strumentali può avvenire in qualsiasi momento
basta comunque crederci
prof silaano mussolin

Avatar utente
Domenico D'Antuono
Messaggi: 518
Iscritto il: gio 01 giu 2006, 21:44
Località: Ravenna

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da Domenico D'Antuono » lun 21 ago 2017, 19:19

Io sono un libero professionista e lavoro a casa mia, la mia casa è piena di chitarre e due le ho di fianco alla scrivania dove lavoro, eppure nonostante la tentazione continua il tempo mi manca, qualche pausa durante la giornata ma niente di più, non credo di riuscire ad arrivare alla media di un'ora al giorno :(

:bye:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Domenico

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da Davide Pirillo » sab 30 set 2017, 13:25

Grazie al lavoro disposto su turni mattino-pomeriggio di norma 3 ore al giorno da quando ho ripreso 4 anni fa. Ora devo compiere i 57 ......suono la sera a volte fino alla 01.00 .... ovviamente a quell'ora sono già con la Silent ..... la sera tardi e le ore in cui moglie e figlia sono a lavoro e scuola sono le migliori .... ma anche a casa la domenica non ci sono problemi di gelosia coniugale ...... anzi ha iniziato da un anno anche mia moglie.
Ho l'insegnante a disposizione un pomeriggio alla settimana.
I miei risultati nello studio non li reputo molto soddisfacenti in relazione al tempo speso per lo studio..... complice l'età non proprio giovanissima e conseguente decadimento psicomotorio .... sommato agli effetti sulle mani, in termini di sensibilità e destrezza, alla pratica di 31 anni di arti marziali, interrotta definitivamente da 3 anni (l'unico effetto positivo sulla mano sinistra in conseguenza dei traumi riportati negli anni .... ho il mignolo che si estende quasi perpendicolarmente alle altre dita, per cui con una discreta apertura) ..... potrei venir considerato il riferimento in basso per i risultati in relazione allo studio :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Ma tant'è .... i miglioramenti, a volte lentissimi a volte un po' più rapidi incoraggiano o sconfortano a fasi alterne ......
A parte tutto, l'emozione del sentirsi scorrere le lacrime sulle guance per l'emozione mentre suoni un brano è impagabile.
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da Davide Pirillo » sab 30 set 2017, 13:27

ooppppsss ..... ho postato due volte ....... il decadimento ... :? :mrgreen: :lol:
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Andrea Antonellini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 51
Iscritto il: dom 04 giu 2017, 15:13

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da Andrea Antonellini » sab 07 ott 2017, 18:30

una media di due ore al giorno quando posso. Purtroppo non posso garantirmi la continuità assoluta

silviagerva
Messaggi: 20
Iscritto il: ven 17 nov 2017, 18:44

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da silviagerva » ven 17 nov 2017, 23:19

Quando le mie bambine erano piccole suonavo un'oretta dopo che le avevo messe a dormire, per loro era una specie di ninna nanna.
Adesso che sono donne hanno un bellissimo ricordo del suono della chitarra.
Per qualche anno ho abbandonato, adesso ho ripreso e malgrado il lavoro, la casa,i genitori e i 54 anni riesco a suonare più o meno un'ora al giorno.

Faber73
Messaggi: 55
Iscritto il: ven 06 mag 2016, 22:11

Re: Tempo per lo studio

Messaggio da Faber73 » lun 20 nov 2017, 14:50

Anch'io lavoro tutto il giorno per cui suono nei ritagli di tempo. Generalmente la sera dopo cena un'oretta riesco a farmela, ma per dirla in tutta franchezza non chiedo di più. Non sono il tipo da star lì 3-4 ore sullo strumento, di solito prediligo il "breve ma intenso"!

Torna a “Tecnica e interpretazione”