Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

(1760-1850, Carulli, Sor, Giuliani, Carcassi). In questa sezione si possono postare esclusivamente opere di dominio pubblico (leggere il regolamento del forum). Le registrazioni di opere protette da diritti d'autore saranno soppresse senza preavviso.
Avatar utente
masa
Messaggi: 566
Iscritto il: ven 24 mar 2006, 19:47
Località: milano

Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da masa » gio 27 ott 2016, 21:18

Non so se posso postare una registrazione non mia. Visto che qualcuno lo fa credo di si.
Ho santito dal vivo questo concerto con una formazione insolita, è stato sorprendentemente piacevole ascoltare questi due strumenti insieme. Di solito la viola è uno strumento più potente del violino ma in questo caso la chitarra si sentiva molto bene. Bellissima musica, due interpreti bravissimi, la chitarra di Dieci era molto buona , bel suono potente ma quello che mi ha impressionato di più era la qualita sonora della viola (di Marino Capicchioni, niente affatto nasale come tante viole), una delle più belle viole che io abbia mai sentito.

https://www.youtube.com/watch?v=y_IhugSBLhw
Masahiro Matsuno

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3504
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da Gabriele Gobbo » gio 27 ott 2016, 22:19

Molto bello, davvero. E concordo sulla timbrica particolarmente rotonda e centrata della viola. Ogni volta però che ascolto la chitarra in duo, in questo modo... la disparità dinamica a confronto con l'altro strumento, quasi sempre, mi intristisce un poco. Forse la chitarra, seppure la musica che hai proposto è particolarmente godibile ed equilibrata, non è fatta per questo, ma per esprimersi da sola, in modo più intimo e sfumato. In ogni caso un bellissimo duo, grazie della condivisione!
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

cecco
Messaggi: 529
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da cecco » ven 28 ott 2016, 01:27

masa ha scritto: Ho santito dal vivo questo concerto con una formazione insolita
A proposito di "formazioni insolite" l'Arpeggione di Schubert mi ha fatto venire in mente un'interpretazione/conferenza dello stesso brano con un giurista al pianoforte, Gustavo Zagrebelsky, e un violoncellista molto bravo, Mario Brunello.
Vi consiglio l'ascolto, è davvero interessante:

Youtube

Avatar utente
masa
Messaggi: 566
Iscritto il: ven 24 mar 2006, 19:47
Località: milano

Re: Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da masa » dom 30 ott 2016, 22:10

Brunello sembra si sia pentito di aver accettato di suonare con un amatore e che volesse chiudere di fretta per non esporsi all'eventuale rischio, il povero Zagrebelsky sembra imbarazzato per non aver potuto finire neanche un movimento, il pubblico è sconcertato per non aver potuto gustare questa musica.
A volte gli organizzatori (anche degli assessori comunari che chiamano che so tipo "l'uomo degli Stradivari" con un violinista stonato) di questi eventi non sono competenti, non si rendono conto che la musica è una cosa molto più seria.
Masahiro Matsuno

cecco
Messaggi: 529
Iscritto il: mar 21 ott 2014, 00:48

Re: Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da cecco » lun 31 ott 2016, 01:29

masa ha scritto:Brunello sembra si sia pentito di aver accettato di suonare con un amatore .
Ma no....non mi sembra. C'è una certa confidenza fra i due, Brunello cerca di far superare l'imbarazzo a Zagrebelsky che di certo non fa il pianista di professione.....
Tieni conto che hanno suonato (per intero) in altre sedi, qui erano al "Salone Internazionale del Libro", non era un concerto. Se Brunello non avesse voluto suonare insieme con Zagrebelsky non avrebbe pubblicato questo libro:

Immagine

Avatar utente
masa
Messaggi: 566
Iscritto il: ven 24 mar 2006, 19:47
Località: milano

Re: Schubert, Franz - Sonata in A minor, D. 821 "Arpeggione"

Messaggio da masa » lun 31 ott 2016, 12:49

Forse mi sbagliavo, comunque se fossi stato ad ascoltare, sarei stato sconcertato, non tanto per la bassa qualita' interpretativa (ci sta, una composizione probabilmente per amatori per suonare in un ambiente domestica) ma per non poter ascoltare neanche un movimento tranquillamente, per ragioni organizzative.
Masahiro Matsuno

Torna a “Audio e Video di musica classica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite