Impossibile senza maestro?

Ahi! Ahi! Posture ed ergonomia del Chitarrista.
Questa sezione è dedicata alla discussione relativa ai dolori alle braccia, alle mani alla schiena che spesso affliggoni i chitarristi.
Federico96

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Federico96 » sab 03 mar 2012, 16:11

Un maestro è quasi indispensabile per ottenere dall'inizio una postura corretta ed adeguata alla propria fisionomia, e per imparare le basi.
Poi grazie agli strumenti moderni è comunque possibile proseguire lo studio da "soli"(non si è mai realmente soli considerando che sopratutto l'autodidatta deve per forza di cose affidarsi a trattati di musica), e ottenere buoni risultati col giusto impegno.
Ovviamente questa strada è più rischiosa, dato che bisogna sempre controllare e ricontrallare quale sia il modo migliore di proseguire senza incappare in metodi e insegnamenti sbagliati, ma d'altronde anche il buon chitarrista che va da un maestro, deve sempre assicurarsi da se che le informazioni siano corrette attraverso vari riscontri, altrimenti rischia comunque di rimanere "scottato".

lean8dro

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda lean8dro » mar 24 apr 2012, 19:59

Anche secondo me ad un certo punto del proprio cammino di studio il maestro è indispensabile. Diamo per buono che uno la postura ce l'abbia corretta, la posizione dello strumento corretta, e tutto ciò che esula dalla musica sia al punto giusto..... ma per suonare occorre chi ti dice come fare determinati passaggi, che ti corregga nell'interpretazione, che ti sappia dare gli esercizi giusti, insomma il maestro ad un certo punto se uno vuol capire se quello che sta facendo lo sta facendo bene, ci vuole. :ouioui:

Matteo Murciano

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Matteo Murciano » sab 12 mag 2012, 12:08

Per quanto mi riguarda è assolutamente possibile.....chi impara con il maestro APPRENDE mentre che impara da solo CONQUISTA :)

Pierluca Spina

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Pierluca Spina » mer 11 lug 2012, 13:18

Penso che un Maestro soprattutto all'inizio sia quasi indispensabile.
Il rischio è di iniziare con un'impostazione o comunque degli errori d'impostazione che poi diventano difficili da correggere.
Anche guardando dei video può sfuggire qualcosa o non rendersi conto di alcune cose.
:bye:

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda pippowitz » mer 11 lug 2012, 18:48

Si può studiare senza maestro però tieni presente che:
per ottenere risultati studiando con un maestro bisogna essere musicali, disciplinati e costanti;
per ottenere risultati studiando senza maestro bisogna essere molto musicali, disciplinati, costanti, tenaci, curiosi, intelligenti e motivati.
Vedi tu.
Poi si può anche iniziare con un maestro e proseguire senza, o viceversa.
Io ho studiato sia da solo che con vari insegnanti, a periodi alterni. Non mi sono mai fidato completamente di nessun insegnante (e ho fatto bene) però da ciascuno di loro ho imparato qualcosa, e a volte le cose che ho imparato non erano esattamente quello che loro avrebbero voluto insegnare, perché ho sempre badato molto a quello che facevano e poco a quello che dicevano. Non è andata poi così male, tutto sommato.

Avatar utente
Filippo De Bellis
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 184
Iscritto il: mer 20 gen 2010, 20:25
Località: Caluso - Torino

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Filippo De Bellis » mer 11 lug 2012, 20:27

pippowitz ha scritto:Si può studiare senza maestro però tieni presente che:
per ottenere risultati studiando con un maestro bisogna essere musicali, disciplinati e costanti;
per ottenere risultati studiando senza maestro bisogna essere molto musicali, disciplinati, costanti, tenaci, curiosi, intelligenti e motivati.
Vedi tu.
Poi si può anche iniziare con un maestro e proseguire senza, o viceversa.
Io ho studiato sia da solo che con vari insegnanti, a periodi alterni. Non mi sono mai fidato completamente di nessun insegnante (e ho fatto bene) però da ciascuno di loro ho imparato qualcosa, e a volte le cose che ho imparato non erano esattamente quello che loro avrebbero voluto insegnare, perché ho sempre badato molto a quello che facevano e poco a quello che dicevano. Non è andata poi così male, tutto sommato.


Queto commento di pippowitz mi ha fatto venire in mente un dubbio:dopo un certo periodo è utile cambiare maestro?
E se si, quando è il momento giusto per cambiare?
ciao! :bye:

pippowitz
Messaggi: 2152
Iscritto il: mar 19 lug 2011, 11:06

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda pippowitz » gio 12 lug 2012, 00:00

@filippodb: domanda alla quale è quasi impossibile rispondere. Un buon maestro, se lo trovi conviene che te lo tieni per sempre. D'altra parte un buon maestro è anche quello che ti incoraggia a fare magari corsi estivi con altri insegnanti, per darti la possibilità di vedere approcci diversi alla musica e alla chitarra. O quello che a un certo punto ti consiglia di proseguire con un altro.
Nel primo periodo di studio secondo me non va molto bene giostrare tra insegnanti diversi, c'è solo il rischio di far confusione: uno ti dice una cosa, un altro un'altra e non capisci più niente. Questo perché tutti vogliono poi arrivare più o meno (ma è un più o meno che conta, però adesso non è il caso di approfondire) agli stessi risultati, ma magari seguono strade diverse. Quando le basi della tecnica sono un po' consolidate invece la cosa non è più così problematica.
Quando cambiare insegnante? Intanto ci si augura sempre di aver trovato quello giusto e di non aver bisogno di cambiarlo. Detto questo se il rapporto che si è creato non funziona, ti mette a disagio, insomma se ti sembra di non poterti fidare di quella persona allora è meglio cambiare. Se arrivi a vivere male il tuo rapporto con la musica allora è meglio cambiare: è normale che lo studio comporti fatiche, che i progressi a volte tardino ad arrivare, che ci sia anche qualche insuccesso (purché ci siano anche delle soddisfazioni a far da contrappeso) che ci si trovi a volte di fronte a difficoltà in apparenza insormontabili. Ma bisogna che il vissuto sottostante queste cose sia sempre ragionevolmente sereno: se non si riesce a vivere bene l'impegno che si è preso vuol dire che c'è qualcosa che non va, e a quel punto val la pena di prendersi magari una pausa e valutare la possibilità di cambiare insegnante.
Non è il caso di cambiare invece quando sembra che i progressi tardino ad arrivare e quando l'insegnante ti fa fare cose che non ti piacciono troppo. Lui non deve farti contento, deve insegnarti a suonare: è il tuo maestro, non è un tuo pari. Se ti da da studiare il brano X e l'esercizio Y ha i suoi motivi, per cui se ti fidi lavora seguendo le sue indicazioni, se non ti fidi cambia insegnate. Ma non è il caso di cambiare solo perché tu preferivi suonare il brano Z e fare l'esercizio W. Non va bene nemmeno cambiarlo solo perché ha un brutto carattere: mica te lo devi sposare ... meglio una persona seria con un brutto carattere che un simpaticissimo figlio di buona donna.
E poi non sono cose sulle quali si possano dare troppi consigli: è un po' come se uno chiedesse: quand'è che devo cambiare la fidanzata? Boh ... E che ne so? Che ti dico?

Claudio Tadini
Messaggi: 27
Iscritto il: mer 01 feb 2012, 20:11

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Claudio Tadini » gio 06 feb 2014, 15:08

Buon giorno a tutti!

Mi sono finalmente deciso a riprendere lezioni di chitarra.

Vi saprò dire la differenza di apprendimento tra studio "solitario" e "con maestro".

A presto,

Claudio

franco bi

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda franco bi » ven 14 feb 2014, 22:59

sono molti anni che suono da autodidatta penso che la presenza di un insegnante che capisca come risolverti le problematiche sia fondamentale.

Massimo Banchio

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Massimo Banchio » sab 15 feb 2014, 20:25

Claudio Tadini ha scritto:Buon giorno a tutti!

Mi sono finalmente deciso a riprendere lezioni di chitarra.

Vi saprò dire la differenza di apprendimento tra studio "solitario" e "con maestro".

A presto,

Claudio

Non ti spaventare, se è un buon maestro vedrai quanti errori ti farà notare dallo studio da autodidatta. Potrai solamente che trarne profitto. Spero di sbagliarmi ma ho qualche dubbio di sbagliare.Buon lavoro Max :bye:

Avatar utente
Antonio Lomonte
Messaggi: 61
Iscritto il: sab 15 feb 2014, 15:17
Località: Napoli

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Antonio Lomonte » gio 27 feb 2014, 13:35

Un maestro , quando inizi a suonare la chitarra classica e' indispensabile.
Ma sono convinto che dopo un certo tempo , variabile secondo le attitudini personali e non necessariamente breve , se ne possa fare a meno
se la postura e l'impostazione di base sono corrette e si sa leggere la musica.
Naturalmente con grande dedizione , sforzo e perseveranza.
Un saluto a tutti

Claudio Tadini
Messaggi: 27
Iscritto il: mer 01 feb 2012, 20:11

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Claudio Tadini » sab 17 mag 2014, 11:04

Buon giorno!

Dopo tre mesi di lezioni posso confermare che lo studio con il supporto di un maestro ha una resa decisamente migliore.

Il maestro fa attenzione a dei particolari che un autodidatta difficilmente nota.

Devo ammettere che suonare le note che sono scritte sullo spartito è solo una parte dell'apprendimento (la prima), mentre vanno considerati parecchi aspetti (intensità del suono, diteggiatura...)

Claudio

Olivvier

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Olivvier » mar 27 mag 2014, 12:40

Ti raccomando vivamente, se puoi, di prendere qualche lezione con un maestro. Probabilmente da autodidatta puoi imparare moltissimo, tuttavia il consiglio di una persona competente ti permetterà sin dall'inizio di adottare la buona postura e tecnica.
Magari fai un periodo di lezioni, poi lavori più per cono tuo e saltuariamente vai a fare una lezione di "aggiornamento"...

gaetano perrelli

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda gaetano perrelli » sab 21 giu 2014, 13:29

Studiare ed andare avanti da soli non voglio dire che è impossibile ma ci vuole davvero tanta tenacia e costanza. Sicuramente si possono raggiungere dei risultati ma i rischi di commettere errori secondo me sono tanti e soprattutto correggerli dopo non è semplice. Ovviamente con un maestro che ti segue è tutta un altra storia secondo me, ma è pur vero che non tutti possiamo permetterci un maestro.

Sarebbe da valutare anche una via di mezzo per l'autodidatta e magari di tanto in tanto farsi controllare da un maestro per avere un giudizio sul come si sta percorrendo lo studio e se ci sono degli errori sui quali lavorare.

Poi ci sono anche i corsi qui sul sito che sono una grande opportunità e non si è soli, un aspetto importantissimo a mio modo di vedere.

Salute a tutti.

Claudio Tadini
Messaggi: 27
Iscritto il: mer 01 feb 2012, 20:11

Re: Impossibile senza maestro?

Messaggioda Claudio Tadini » ven 15 ago 2014, 15:44

Buon giorno!

Dopo circa sei mesi di lezioni posso confermare che lo studio con il supporto di un maestro è molto più efficace.

Non per scoraggiare, ma "suonare" supportati dal maestro è un'altra cosa.

Claudio


Torna a “Posture ed ergonomia del Chitarrista”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 9 ospiti