Sondaggio migliori liutai italiani

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Heidegger

Messaggio da Heidegger » mer 09 mag 2007, 00:22

Echi ha scritto:Tanto detto, è mia esperienza che nell'opinione comune cosa influisca sul suono è ancora un arcano.
Nell'opinione comune dei chitarristi ? O dei liutai ? :o

Heidegger

Messaggio da Heidegger » mer 09 mag 2007, 00:53

Echi ha scritto:Se le esigenze iniziano ad essere più articolate (qualità costrittiva, materiali, finiture ed un certo preciso suono) si può operare a monte una scrematura sul tipo:
Carbone fa chitarre in stile Torres/Hauser.
Garrone fa chitarre moderne, progettate con rigore scientifico (accordatura degli elementi, ponticello Kasha, incatenatura moderna ecc.).
Perrella usa la catena armonica degli archi con fondo vibrante e guscio alla Contreras.
Giussani usa doppie fasce, fondo laminato rigido, incatenatura sua propria di derivazione Friederich.
Tacchi alterna copie storiche a modelli all'avanguardia con tavola inclinata e bombata, sound port ecc.
Insomma: fanno strumenti assolutamente diversi tra loro.
Anonimo o meno, se uno mi dice che è meglio una chitarra di uno rispetto ad un altro, dovrebbe indicare anche perché; sia vero o no, alla fine dipende dall'archetipo di chitarra che preferisco.
Per me un sondaggio sarebbe poco significativo; meglio un giudizio articolato, semmai.
Un saluto.
Sì mi rendo conto che non sono confronti su chitarre standard, però si potrebbe dire che in Italia i liutai più cari e quindi più richiesti sono a, b, c, etc. ognuno di questi produce una chitarra fatta in un certo modo che attualmente costa x, y, z. Ci sono tuttavia altri liutai che producono chitarre simili ad a, b, c o diverse e chiedono prezzi inferiori, oppure ci sono liutai che producono chitarre meno entusiasmanti ma a prezzi notevolmente inferiori, etc.
Il sondaggio anonimo o esplicito servirebbe semplicemente per esporre i liutai più conosciuti e stimati dai componenti del forum, non proprio per capire chi sono i migliori, ma i due gruppi potrebbero avere sovrapposizioni. Una graduatoria per prezzi invece mi sembra fattibile, o per lo meno un raggruppamento per fasce di prezzo.

Heidegger

Messaggio da Heidegger » ven 11 mag 2007, 21:16

I primi calori portano ad un abbassamento della frequenza nel forum ?
Ne approfitto per fare qualche prezzo (consiglio di verificare e/o correggermi se avete informazioni diverse):

Marseglia - 5.000 euro
Lovadina - 4.500
Novelli - 1.500

Avatar utente
MaxMarto
Messaggi: 1504
Iscritto il: mar 08 nov 2005, 18:58
Località: GENOVA

Messaggio da MaxMarto » dom 13 mag 2007, 15:00

Non mi sento all'altezza di entrare nel merito sulle capacità costruttive; dico solamente che da sei mesi ho una chitarra in abete del liutaio Rinaldo Vacca, e la comprerei altre 1000 volte!

Max

:wink:

Heidegger

Messaggio da Heidegger » dom 13 mag 2007, 15:15

maxmarto1 ha scritto:Non mi sento all'altezza di entrare nel merito sulle capacità costruttive; dico solamente che da sei mesi ho una chitarra in abete del liutaio Rinaldo Vacca, e la comprerei altre 1000 volte!

Max

:wink:
Complimenti per la tua chitarra, se vorrai allegare una foto soddisferai la mia curiosità .. :)
Posso chiederti quanto l'hai pagata ?

Avatar utente
MaxMarto
Messaggi: 1504
Iscritto il: mar 08 nov 2005, 18:58
Località: GENOVA

Messaggio da MaxMarto » dom 13 mag 2007, 15:32

Ciao!

Guarda qua:

http://www.chitarraclassicadelcamp.com/ ... php?t=8318

3700 euro con custodia hiscox.

Saluti Max :wink:

Heidegger

Messaggio da Heidegger » dom 13 mag 2007, 18:32

maxmarto1 ha scritto:Ciao!

Guarda qua:

http://www.chitarraclassicadelcamp.com/ ... php?t=8318

3700 euro con custodia hiscox.

Saluti Max :wink:
Notevole! Se ti stanchi fammi sapere ... ;)

L'hai ordinata o hai potuto scegliere una chitarra delle sue già costruite ?

Heidegger

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Heidegger » sab 14 lug 2007, 21:53

Qualche info sui prezzi:
Perrella chiede 5.000 per una chitarra "con l'anima" (tavola in abete e fondo e fasce in palissandro indiano), mentre se la volete come quella di Sala si sale a ca. 8.000 ..
Coriani invece per abete/palissandro si "accontenta" di 4.800.

P.S.: ovviamente consiglio di verificare, anche se la fonte è attendibile.

Alessandro Blanco

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Alessandro Blanco » mer 18 lug 2007, 18:33

Heidegger ha scritto:Qualche info sui prezzi:
Perrella chiede 5.000 per una chitarra "con l'anima" (tavola in abete e fondo e fasce in palissandro indiano), mentre se la volete come quella di Sala si sale a ca. 8.000 ..
Quali sono i reali motivi che portano una chitarra a superare la soglia di 5000 euro? E non parlo di strumenti storici, ne di marchi prestigiosi (spero appunto non siano solo questi i motivi). Parlo di materiali e manodopera.
Grazie
Alessandro

Michele Restuccia

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Michele Restuccia » ven 20 lug 2007, 12:31

io ho comprato una Pasquale Scala....
tavola in abete
fondo e fasce in palissandro indiano
manico in cedrella
tastiera in ebano....


inoltre...
la rosetta è composta da un intarsio di madreperla.....


l'ho pagata..."solo"...3000 euro....

giaco lobos

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da giaco lobos » gio 02 ago 2007, 12:43

pochi giorni fa ad un concorso ho potuto ascoltare una chtarra di Pontiggia. in sala poi hanno suonato una Perrella, una Novelli e una Contreras doble table. La chitarra di Potiggia era straordinaria, solo quella di Perrella gli era paragonabile per chiarezza di suono e potenza. Qualcuno ha avuto modo di provare o sentire le chitarre di Pontiggia?

Leonardo

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Leonardo » ven 03 ago 2007, 12:41

giaco lobos ha scritto:pochi giorni fa ad un concorso ho potuto ascoltare una chtarra di Pontiggia. in sala poi hanno suonato una Perrella, una Novelli e una Contreras doble table. La chitarra di Potiggia era straordinaria, solo quella di Perrella gli era paragonabile per chiarezza di suono e potenza. Qualcuno ha avuto modo di provare o sentire le chitarre di Pontiggia?
Io ne ho una; strumento bello, bel suono - un po' scuro per essere in abete, ma bello! - e buona duttilità timbrica. Se però ha una pecca, è proprio la potenza di suono non eccezionale...

Leo

Angelo Barricelli

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Angelo Barricelli » sab 11 ago 2007, 22:09

giaco lobos ha scritto:pochi giorni fa ad un concorso ho potuto ascoltare una chtarra di Pontiggia. in sala poi hanno suonato una Perrella, una Novelli e una Contreras doble table. La chitarra di Potiggia era straordinaria, solo quella di Perrella gli era paragonabile per chiarezza di suono e potenza. Qualcuno ha avuto modo di provare o sentire le chitarre di Pontiggia?

posso dire che ho provato una pontiggia,l'ha presa una mia amica e collega di napoli
era in abete e acero occhiolinato,uno strumento bello anche esteticamente,
il suono bello ma il volume non era abbastanza forte per i miei gusti,
la contreras doble tapa sappiamo che è uno strumento molto potente,ma devo dire che la perrella ha una marcia in più di tutte sia come timbro che come potenza (questo confronto l'ho potuto fare direttamente)
avendole provate entrambe
:)

marcello007

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da marcello007 » dom 12 ago 2007, 17:22

Non dimenticate, per carità, il maestro liutaio Giambattista Castelluccia.(Jean-Baptiste)
Ma, drovete andare fino a Pariggi per acquistare una delle sue opere
Buona fortuna
Ciao

(carmine)

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da (carmine) » mar 14 ago 2007, 14:27

che caratteristiche e prezzi hanno le chitarre di castelluccia? proprio ieri sono tornato da parigi e ho pernottato in un hotel di fronte al suo laboratorio in rue d'edinbourg . purtroppo il laboratorio era chiuso per ferie quindi non ho potuto visitarlo per vedere e magari provare qualche strumento
ho visitato questa citta' per motivi turistici ma la permanenza in quella zona piena zeppa di liutai mi ha molto affascinato peccato che in questo periodo (giustamente ) la maggior parte degli atelier era chiusa
ciao e grazie carmine

Torna a “Liutai, luthiers”