Sondaggio migliori liutai italiani

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
marcello007

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da marcello007 » mer 15 ago 2007, 16:29

C'è un sito in cui si può vedere e sentire come suonano certe chitarre ( http://www.catelluccia.fr )
i prezzi me sembrano accettabili, da 710 fino a...6700€)
Prima di Natale, ho comprato il modello 60TH ("sessantesimo compleanno" ) : è una vera meraviglia, non la lascio più..
Ciao

Womanize

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Womanize » ven 17 ago 2007, 10:22

Ciao ragazzi!!! Senza dubbio 1 dei migliori liutai italiani è alessandro marseglia di napoli... fa chitarre da Dio!!!! quest'anno ho avuto modo d confrontare ad 1 master verie chitarre di liutai italiani ad 1 master dove c'erano 1 bel po d chitarristi cn chitarre di liuteria (compreso io!! xrò nn ho 1 marseglia ho 1 K. Yahiri) e la marseglia aveva 1 suono cm nex altra!! fate 1 scappata da alessandro!!!

Womanize

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Womanize » ven 17 ago 2007, 10:25

Cmq riguardo al sito k fa sentire cm suonano le chitarre (k tra l'altro nn ms apre) è 1 cazzata xkè ogni chitarra, può essere anke 1 stesso modello, con gli stessi legni ecc, ma nn avrà mai lo stesso suono!!!

carloooooo

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da carloooooo » ven 17 ago 2007, 15:55

Compro una vocale! (O magari la scambio con una k.)

(carmine)

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da (carmine) » sab 18 ago 2007, 22:34

grazie marcello ho visionato il sito

ciao carmine

cadarn24
Messaggi: 92
Iscritto il: ven 19 ago 2005, 12:30

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da cadarn24 » lun 27 ago 2007, 11:38

grimaldi

Angelo Barricelli

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Angelo Barricelli » lun 27 ago 2007, 13:15

cadarn24 ha scritto:grimaldi
l'ho conosciuto a Fiuggi a fine luglio
è un ottimo liutaio,mi piacciono le sue chitarre
aB

Fabrizio

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Fabrizio » ven 21 set 2007, 16:18

Il buon vecchio Don Vincenzino (De Bonis) !
Ho un suo strumento del 2003, abete, diapason 660. Suono "tradizionale" ma molto potente, davvero pienissimo in tutti i registri. Forse un po difficile da gestire come strumento, nel senso che ci vuole un po per suonarlo in modo equilibrato. Questo è uno degli strumenti piu nuovi, ma ne ho provate diverse (abete palissandro, abete acero), datate dagli anni 80 in poi, tutte molto particolari. Ovviamente sono adatte a chi predilige uno strumento diciamo "vintage" :) anche se non ha nulla da invidiare come caratteristiche alle chitarre di concezione più moderna. Prezzo attuale 5000 euro.

marcy

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da marcy » dom 21 ott 2007, 17:46

SECONDO UN BUON LIUTAIO AL DI LA' DELLA SUA NOTORIETA' E' QUELLO CHE PERVIENE A RISULTATI CHE NEANCHE LUI AVREBBE PREVISTO.
:bye: :bye:

fecavag

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da fecavag » dom 21 ott 2007, 21:28

marcy ha scritto:SECONDO UN BUON LIUTAIO AL DI LA' DELLA SUA NOTORIETA' E' QUELLO CHE PERVIENE A RISULTATI CHE NEANCHE LUI AVREBBE PREVISTO.
:bye: :bye:
Beh allora il migliore sono io! :lol: :lol: :lol: :lol:

platero

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da platero » gio 25 ott 2007, 12:18

Le suggestioni che ci derivano dalle chitarre di liuteria sono molteplici, ed è normale perdersi in elucubrazioni ludiche riguardo a chi sarà mai il liutaio più bravo, quale sarà mai lo strumento migliore.
Io credo che dopo gli interventi di Emanuele sia chiara a tutti l'inutilità e l'impossibilità accertata circa lo stilare classifiche di sorta.
Intanto perché il gusto personale regna sovrano (e cambia nel tempo) eppoi perché ogni strumento fa storia a sè.
Si può giocare a fare i partigiani, ed è anche divertente, ma tutto finisce lì.

Vorrei proporvi (soprattutto a Echi) una riflessione personale.
Da qualche tempo ho aggiunto al mio "parco strumenti" una chitarra di Mario Gropp.
Ebbene questa chitarra, inizialmente settata parecchio alta al ponticello e incordata in modo standard e alquanto teso, ha radicalmente cambiato la sua natura semplicemente orientando la mia ricerca su una action sensibilmente più bassa ed una cordatura elastica in budello sintetico.

Ad un ascolto tra prima e dopo sfido chiunque riconoscere il medesimo strumento, così come impossibile è fare il pari tra la suonabilità di ora e la "legnosità" del prima.
Non è che ora suoni meglio in assoluto: quel che è certo è che io la suono meglio, quel che è certo è che ora suona diversamente da prima.

ciao ciao

Pamfili

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Pamfili » gio 25 ott 2007, 13:28

platero ha scritto: Ebbene questa chitarra, inizialmente settata parecchio alta al ponticello e incordata in modo standard e alquanto teso, ha radicalmente cambiato la sua natura semplicemente orientando la mia ricerca su una action sensibilmente più bassa ed una cordatura elastica in budello sintetico.
Platero, che corde hai montato? Io ho appena acquistato una copia di una Simplicio fatta da John Weissenrieder e sto ancora cercando le corde giuste.

Grazie,
Federico

Maurizio Pennisi

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Maurizio Pennisi » gio 25 ott 2007, 19:19

Mario Filetto (liutaio catanese ex chitarrista, allievo di Beccuti)

Utopia

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Utopia » ven 26 ott 2007, 01:23

platero ha scritto:Non è che .... suoni meglio in assoluto: quel che è certo è che io la suono meglio, ....
ciao ciao
Mai frase fu' piu' calzante...ed è proprio questo che il liutaio dovrebbe fare a parere mio

Echi

Re: Sondaggio migliori liutai italiani

Messaggio da Echi » ven 26 ott 2007, 10:24

Intanto un caro saluto a Platero,
vorrei replicare a questo
ha radicalmente cambiato la sua natura semplicemente orientando la mia ricerca su una action sensibilmente più bassa ed una cordatura elastica in budello sintetico.
Ci sono alcune chitarre che lavorano con tavola sottile, bombata ed in tensione.
Per forza di cose parliamo di chitarre di liuteria.
Per questo tipo di strumenti passare le tensione delle corde da un'extra hard tension ad una tensione media non fa differenza da poco: cambia molto (di solito aumenta l'attacco e la capacità dinamica rispetto a certi moti vibatori) come dici tu.
Se serve ad oggettivizzare la cosa, è esattamente quello che avviene nel caso più noto delle chitarre di Tomas Humphrey (appunto: tavola sottile, bombata ed "in tensione"). Di norma monta azione non bassa e consiglia le extra hard tension della D'addario.
Alcuni dei suoi clienti (Eliot Fisk tra tutti) sfruttano tale impostazioni per cercare la potenza, mentre altri (in tendenza chi suona in stile sudamericano) fanno suonare lo stesso strumento in maniera completamente diversa.
Cordialità.

Torna a “Liutai, luthiers”