Progettare una tastiera

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
alessandro lienzo
Messaggi: 1020
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Progettare una tastiera

Messaggioda alessandro lienzo » lun 28 nov 2016, 19:44

Buonasera.
Mi piacerebbe sapere se qualcuno di voi,tra i liutai e non hanno mai fatto una tastiera con diverse rastremature.
Chiarisco: intendo una tastiera che non scenda dritta per tutto il suo cammino ma che abbia le giuste curve all'interno per favorire le singole posizioni e la miglior action.
Grazie a chi potrà aiutarmi
alessandro C.

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 328
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda JuriRisso » mar 29 nov 2016, 09:52

avevo giaà posto il quesito e sembrerebbe che una leggera concavità con la parte più marcata a livello del sesto tasto sia la soluzione più adatta.
Anche la parte dei bassi andrebbe rastremata più che altro per abbassare l'osso del ponticello e pemettere alle corde basse di vibrare di pià. Ovviamente aspetto di essere contraddetto e corretto per il mio bene.

Una curiosità: Garrone ha una dima per una tastiera rastremata che lui chiama a forza costante (o energia costante non mi ricordo bene...) Ultimamente ha fatto una flamenca con action ovviamente bassa e tastiera dritta. Alla fine ha detto che non sbatteva da nessuna parte ed era altrettanto ottima...... chissa!...

Avatar utente
Dario
Messaggi: 22
Iscritto il: ven 16 gen 2015, 19:13

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Dario » mar 29 nov 2016, 10:52

Salve Alessandro,
quando ho letto la tua domanda sono saltato sulla sedia, perchè da un paio di giorni sto cercando informazioni per supportare un idea che ho in mente: rastremare una tastiera, o meglio, conformarla in funzione delle caratteristiche del manico.

Lieto del tuo quesito, mi unisco a te nel porlo al forum e propongo una mia visione della questione.
(Se lo trovi inappropriato posso spostarlo in un'altro post)

- Racconto l'antefatto:
Ho finito la mia prima chitarra alcune settimane fa, sono molto soddisfatto del suono ma le corde frustavano dall'ottavo tasto in poi (l'action era bassissima da 1,3 a 1,8 mm), per ovviare all'inconveniente ho dovuto alzare l'action di circa 1 mm (portandola a 2,3 - 3,1 mm, vedi foto) ma l'ossicino al ponticello è talmente alto che il suono è cambiato in peggio, sono intenzionato a rimuovere i tasti e a rilavorare la tastiera per ridurre l'altezza dell'ossicino.

20161129_092934.jpg

20161129_092835.jpg


Appoggiando una riga tra il primo e l'ultimo tasto rilevo che la tasiera presenta un avvallamento di 4/10 di mm al centro tra il 6° e l'8° tasto, allontanandosi da questo punto la concavità si riduce fino ad arrivare a 0 in corrispondenza del 3° e del 16° tasto. La misura indicata è stata presa con uno spessimetro inserito nello spazio tra la sommità del tasto e la linea di base della riga.

Documento acquisito.jpg


Tra il 13° e il 20° tasto la distanza della riga è costante.

Ho misurato l'action in questo modo:

Action measurement.jpg


Sapendo che:
- la tastiera è spessa 7 mm
- l'abbassamento dell'action al 12° tasto di un millimetro comporta una riduzione dell'altezza dell'ossicino di circa 2 mm (dico giusto?)

Domando:
- è meglio ridurre lo spessore di tutta la tastiera di 1 mm (quindi abbassare l'ossicino del capotasto di 1 mm) e poi eventualmente aggiungere una rastrematura dal 9° tasto in poi?
oppure
- rastremare la tastiera dal 9° al 20° tasto?

- In entrambi i casi, quale dovrà essere lo spessore della tastiera al 20° tasto dopo la rilavorazione?

Grazie dell'attenzione, Dario
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

alessandro lienzo
Messaggi: 1020
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda alessandro lienzo » mar 29 nov 2016, 14:31

Buongiorno, in questo caso, come mi è capitato, dovrai toglier tutti i tasti e con una riga dovrai proiettate l'altezza della tastiera sul ponticello. Prendendo questa misura se vuoi ridurre L'osso di 2mm dovrai abbassare la tastiera (rastremarla verso la fine) di 4 mm
Aiutati con una pialla per rendere il tutto dritto e poi lavora di carta abrasiva.
La tastiera di norma non deve presentare concavità.
Alla fine ti troverai una tastiera che da 7 millimetri arriva a 5 o meno al fondo.
La mia domanda però mirava a studiare una tastiera con le giuste concavità, per ridurre ancora di più l'action ed i rumori.
alessandro C.

alessandro lienzo
Messaggi: 1020
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda alessandro lienzo » mar 29 nov 2016, 14:34

Dalle foto che posti penso che sarà sufficiente rimuovere 4 mm verso il fondo della tastiera, misurando sempre con la riga che arriva al ponte.
Togli quel pezzetto sotto l'osso è più dannoso dell'olio di Palma!
alessandro C.

Avatar utente
Dario
Messaggi: 22
Iscritto il: ven 16 gen 2015, 19:13

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Dario » mar 29 nov 2016, 15:29

Grazie per i suggerimenti Alessandro,
Sì, rileggendo mi son reso conto che la tua domanda aveva una direzione diversa rispetto al mio intervento, ma ormai avevo finito di scrivere e ho pensato di lasciare.
Il pezzetto sotto l'osso è stato un espediente per ovviare alla momentanea mancanza di un osso così alto, comunque si tratta di dignitosissimo bosso.

Franco.I
Messaggi: 438
Iscritto il: mer 13 gen 2010, 22:45
Località: Reggio Emilia

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Franco.I » mar 29 nov 2016, 21:21

Nessuno parla del motivo per cui la chitarra risulta con un action bassissima e il motivo mi sembra lampante;non è stata data alcuna inclinazione al manico rispetto al P.A. e la prossima volta credo che sia da li che dovrai partire.A questo punto anche se togli 2 m/m di spessore alla tastiera al 12°per portarti ai fatidici 4 m/m di action ,rimarrà sempre una altezza di corde sul piano armonico troppo alto che con ogni probabilità comprometterà l'equilibrio complessivo.Sempre se ho capito bene il problema

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 328
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda JuriRisso » mer 30 nov 2016, 11:42

scusate se mi intrometto ma la corda del mi basso non è montata al contrario?

Per calcolare l'altezza delal tastiera io uso un metodo da ignoranti ma per ora funziona: metto un profilato di alluminio che si comprano al Brico (quelli lungi quadrati da 2x2 cm) e controllo che la tastiera sia dritta e che proseguendo la linea batta sul ponticello ad un altezza di 2 mm dalla tavola armonica. Se cade troppo alta piallo verso la buca, se cade troppo in basso piallo dal lato della paletta.
Ovviamente si pialla cercando di mantenere dritta la tastiera che comunque va ripassata poi con la carta abrasiva, utilizzando lo stesso profilato di alluminio sul quale attacco con il biadresivo delle strisce di carta abrasiva di diversa grana.

Una volta dritta si può lavorare di rasiera per ottenere quella famosa curva che male non fa. Sul primo libro di Garrone sono indicate le misure per questa tastiera.... Il problema è che se non si è più che precisi nell'applicare i tasti poi per rettificarl iè un problema dato che non si può usare la lima piatta.

Avatar utente
Magic Guitar
Messaggi: 2886
Iscritto il: lun 24 dic 2007, 07:21
Località: Bologna

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Magic Guitar » mer 30 nov 2016, 19:09

JuriRisso ha scritto:scusate se mi intrometto ma la corda del mi basso non è montata al contrario?



Infatti ...

:bye:
Ferdinando Bonapace

luigib952
Messaggi: 927
Iscritto il: dom 17 mag 2009, 15:34
Località: Tenerife (Spagna)

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda luigib952 » mer 30 nov 2016, 19:25

Ricordo che in un post di qualche tempo fa Mimmo Peruffo di Aquila Corde asseriva che non esiste un senso particolare in cui vanno montate le corde, è assolutamente indifferente ... e se lo dice lui ....
Caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
(Antonio Machado)

JuriRisso
Liutaio amatore
Messaggi: 328
Iscritto il: dom 22 gen 2012, 08:59
Località: Cremolino

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda JuriRisso » mer 30 nov 2016, 20:47

comprendo ma se la corda poggia sulla parte dove il filetto metallico è più rado allora non solo il suono ne risente ma anche la corda dura di meno....

luigib952
Messaggi: 927
Iscritto il: dom 17 mag 2009, 15:34
Località: Tenerife (Spagna)

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda luigib952 » mer 30 nov 2016, 21:03

Su questo sono d'accordo con te :-)
Caminante, no hay camino,
se hace camino al andar.
(Antonio Machado)

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1171
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Pietro » mer 30 nov 2016, 21:14

Concordo con il parere del maestro cordaio Mimmo Peruffo, ma da questo a montare male una corda la differenza c'è ... e si vede.

Cordialità - Pietro -

Avatar utente
Gerardo50
Messaggi: 4881
Iscritto il: ven 22 set 2006, 10:50
Località: Roma

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Gerardo50 » mer 30 nov 2016, 21:54

Mi scuso per l'intromissione premettendo che potrei dire cavolate ma non essendo esperto sarò scusato e se scrivo è per imparare. Io ho sempre creduto istintivamente senza che nessuno mi abbia mai detto qualcosa, che le corde hanno un verso, ora però dopo aver letto di M. Peruffo, mi sorge un dubbio su come ho sempre fatto. Io metto la "testa " della corda ( diciamo la parte dove si vede la parte sotto il metallo ) nella parte della paletta, e la parte più "robusta" nel ponticello. Perchè nella mia testa pensavo che poi arrotolandosi prendeva anche la parte più "robusta" che nel ponticello già c'era. Ora vedendo la foto, oltre che sul Mi a me sembra che anche sul LA si sia diradato il metallo. Penso anche io che la corda che sia su un lato o che sia sull'altro la resistenza dovrebbe essere la stessa però io ho sempre fatto come sopra descritto. Ogni parere è ben gradito. Grazie.
Gerardo

Avatar utente
Dario
Messaggi: 22
Iscritto il: ven 16 gen 2015, 19:13

Re: Progettare una tastiera

Messaggioda Dario » mer 30 nov 2016, 23:01

Ho sempre creduto che montare le corde con la parte "rada" verso il ponticello fosse il modo giusto, forse perchè la prima volta che le ho cambiate ho osservato come erano montate le originali e poi perchè è più semplice arrotolare la corda dalla parte che ritenevo predisposta. Per quanto riguarda la durata, posso garantire che anche montate così le corde durano tanto, ma tanto. Ma, noto che il mio intervento sposta l'attenzione su altro, mi scuso con Alessandro, l'autore del thread. Posso rimediare in qualche modo? Magari cancellando la domanda e spostandola altrove?


Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alessandro lienzo, Bing [Bot], CommonCrawl [Bot] e 10 ospiti