Tavola armonica

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » mar 29 nov 2016, 20:21

Qualcuno può dirmi se c'è differenza nel suono di una tavola armonica di III qualità e una di I qualità? o la differenza è solo a livello estetico?
Ringrazio anticipatamente della risposta

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1125
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Tavola armonica

Messaggioda Pietro » mar 29 nov 2016, 21:07

Differenza solo a livello estetico? Nemmeno da pensare, ho visto tavole messe da parte come scarto darmi delle soddisfazioni enormi come ho visto tavole da primatisti darmi delle delusioni abissali soprattutto sul piano acustico. Sulle essenze lignee ognuno si regola in base alle sue convinzioni e alla sua esperienza e mi è difficile dare giudizi sulle differenze tra i vari legni.
Riporto solo un episodio della vita del grande Torres che rimproverò aspramente il genero per avere usato come trave portante di una porta un tronchetto che si prestava in liuteria per più di una chitarra... lo fece recuperare e fu sostituito con un altro travetto.
Senza la pretesa di voler strafare e (Dio me ne guardi... men che meno quella di voler essere un Torres) devo dire che mi regolo in base all'esperienza finora maturata e nonostante tutto sono tante le ciambelle che non mi riescono con il buco.
Detto questo una buona tavola armonica fornita da una ditta seria le garanzie le dà. Non vorrei fare nomi ma la ditta Ciresa della Val di Fiemme che incontro quasi ogni anno alla Cremona liuteria è per me affidabile anche sulle terze... naturalmente devo essere io a sceglierle.

Cordialità - Pietro -

alessandro lienzo
Messaggi: 955
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Tavola armonica

Messaggioda alessandro lienzo » mar 29 nov 2016, 22:17

Concordo con pietro, ci sono delle terze bellissime, quando si inizia a capire cosa si vuole e come ottenerlo le tavole si scelgono a prescindere dal prezzo.
alessandro C.

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » mer 30 nov 2016, 20:05

Grazie entrambi delle risposte. Devo comprare delle tavole armoniche e non sapevo che qualità scegliere. Ora penso proprio che prenderò delle tavole di terza.

alessandro lienzo
Messaggi: 955
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Tavola armonica

Messaggioda alessandro lienzo » mer 30 nov 2016, 22:27

Neofita, se puoi sceglile di persona.
Da Rivolta in particolare modo la seconda scelta è ricca di cose eccezionali.
alessandro C.

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » gio 01 dic 2016, 20:39

Purtroppo non posso scegliere di persona. Sono dalla parte opposta dell'Italia. Comunque grazie

alessandro lienzo
Messaggi: 955
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Tavola armonica

Messaggioda alessandro lienzo » gio 01 dic 2016, 22:38

Aggiungo che se devi comprare per corrispondenza, rivolgiti a Luciano Maggi, m2 wood.
Segnano anche la parte del tronco da cui proviene la tavola.
alessandro C.

Benedetto
Messaggi: 459
Iscritto il: mar 14 apr 2015, 11:19

Re: Tavola armonica

Messaggioda Benedetto » ven 02 dic 2016, 15:21

Romanillos ha sempre usato seconde e terze scelte...ma lui sa scieglierle.
Valutare e scegliere il legno giusto per se è una competenza fondamentale.
Il discorso da fare qui mi sembra semplice: se non puoi controllare le caratteristiche della tavola, come puoi riprodurre un risultato qualitativamente costante? O eventualmente capire cosa cambiare?
Analogamente non puoi garantire un certo standard.
in termini di caratteristiche fisiche, conta molto il taglio, il run out e il rapporto tra massa e flessibilità nei due sensi (longitudinale e laterale).
Poi ci sono tavole più o meno sonore al tapping e anche questo aspetto conta.
Ripeto: per me quel che è importante è lavorare con legno dalle caratteristiche più o meno conosciute e simili.
Tanto detto, penso che una tavola superiore si senta (a seconda del progetto), come anche usare legni stabili e asciutti comporti una costruzione duratura.
Possiedo da anni una bellissima chitarra fatta a Madrid: la qualità dei legni e della costruzione la proteggono incredibilmente dagli effetti negativi degli sbalzi di umidità. Altri strumenti di qualità in mio possesso sono molto più umorali. Se viaggi o vivi in una casa mal isolata (come nel mio caso) ti rendi facilmente conto di quanto la cosa possa fare la differenza.

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » ven 02 dic 2016, 20:43

Darò un'occhiata al sito. grazie

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » ven 02 dic 2016, 20:52

Concordo con quello che dici, ma le chitarre che faccio sono per uso personale

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » ven 02 dic 2016, 20:55

Benedetto ha scritto:Romanillos ha sempre usato seconde e terze scelte...ma lui sa scieglierle.
Valutare e scegliere il legno giusto per se è una competenza fondamentale.
Il discorso da fare qui mi sembra semplice: se non puoi controllare le caratteristiche della tavola, come puoi riprodurre un risultato qualitativamente costante? O eventualmente capire cosa cambiare?
Analogamente non puoi garantire un certo standard.
in termini di caratteristiche fisiche, conta molto il taglio, il run out e il rapporto tra massa e flessibilità nei due sensi (longitudinale e laterale).
Poi ci sono tavole più o meno sonore al tapping e anche questo aspetto conta.
Ripeto: per me quel che è importante è lavorare con legno dalle caratteristiche più o meno conosciute e simili.
Tanto detto, penso che una tavola superiore si senta (a seconda del progetto), come anche usare legni stabili e asciutti comporti una costruzione duratura.
Possiedo da anni una bellissima chitarra fatta a Madrid: la qualità dei legni e della costruzione la proteggono incredibilmente dagli effetti negativi degli sbalzi di umidità. Altri strumenti di qualità in mio possesso sono molto più umorali. Se viaggi o vivi in una casa mal isolata (come nel mio caso) ti rendi facilmente conto di quanto la cosa possa fare la differenza.


Concordo con quello che dici, ma le chitarre che faccio sono per uso personale

Neofita L
Messaggi: 9
Iscritto il: lun 21 nov 2016, 20:51

Re: Tavola armonica

Messaggioda Neofita L » ven 02 dic 2016, 20:57

alessandro lienzo ha scritto:Aggiungo che se devi comprare per corrispondenza, rivolgiti a Luciano Maggi, m2 wood.
Segnano anche la parte del tronco da cui proviene la tavola.


Darò un'occhiata al sito. grazie


Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Antoniopicc97, CommonCrawl [Bot], Fede e 2 ospiti