Yamaha G24S S del 1978

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Davide Pirillo
Messaggi: 236
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Yamaha G24S S del 1978

Messaggioda Davide Pirillo » lun 05 dic 2016, 09:10

Ho una vecchia Yamaha G-245S comprata nel 1978 (credo) .... e pagata .... £ 500.000 . Ha un manico per me scomodissino, spesso e con una curvatura un po' ostica. Però per me ha un suono non poi tanto male. Più o meno in rete la trovi usata a € 480,00.
Abbiamo preso, per mia moglie neofita, un mese fa, allo stesso prezzo una Yamaha CG192 ritenendo non opportuno al momento ricorerre a strumenti di liuteria. Manico comodissimo, ... ho letto le recensioni e, pare ... sembra ... si dice .....che sia un ottimo prodotto. Effettivamente non è male.
Ma sinceramente , al netto del mio orecchio - che non è dei migliori al pari della mia abilità :? - rispetto alla mia "vecchiotta", la CG192 mi sembra che suoni come una scatola di cartone, e mi stupisce che che la mia "vecchia" che comunque non ho intenzione di cedere, abbia una valutazione commerciale al pari della nuova.
Mi piacerebbe che qualcuno del forum potesse darmi qualche informazione sulla mia vecchia chitarra o se si tratta semplicemente dell'ora che io vada dall'otorinolaringoiatra.
Grazie comunque a chi vorrà gentilmente darer qualchen infornmazione in piu :merci:
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
satorarepo
Messaggi: 165
Iscritto il: mar 17 feb 2009, 15:36
Località: Piombino

Re: Yamaha G24S S del 1978

Messaggioda satorarepo » lun 05 dic 2016, 12:47

Ho la stessa tua impressione. Ho venduto qualche mese fa una Yamaha primi anni ottanta, modello inferiore al tua, a malincuore per far spazio in casa e raccattare più fondi possibili per altro acquisto (e poi, non puoi mica suonare contemporaneamente 6 chitarre, dice mia moglie, e in fondo a ragione quindi....) Sono dell'idea che, almeno nella fascia studio/studio avanzato, a parità di prezzo e anche qualcosa in più non c'è partita come qualità di suono, ma anche costruttiva; gli strumenti che sono prodotti ora sono, detto in breve, inferiori. Concordo però che va anche considerato che ora in genere si incontrano manici più confortevoli (per la mano media) e diapason di misura standard 65 cm, mentre allora era molto diffuso la misura "Ramirez" cm 66,5, fattori che assieme contribuiscono ad una suonabilità più comoda. Certo che se si hanno mani abbastanza grandi e/o tecnica adatta anche questa questione della comodità si ribalta pure lei a favore degli strumenti agée. Almeno questa è la mia umile impressione, che però mi sembra condivisa anche da altri con cui ho avuto modo di confrontarmi.

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 220
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Yamaha G24S S del 1978

Messaggioda Vincenzo Di Guida » lun 05 dic 2016, 15:39

La qualità delle chitarre, secondo me, va adeguata a seconda del livello dell'esecutore.
Chiaramente ciò non impedisce al neofita, potendoselo permettere, l'acquisto di un costosissimo strumento di liuteria.
Voglio solo dire che per un neofita, dovendo scegliere tra un timbro più ricco o un manico maggiormente ergonomico, preferirei quest'ultimo, anche tenuto presente che non sempre il neofita ha acquisito un orecchio così fine da ricercare ed apprezzare talune ricchezze di armonici o sfumature timbriche.
Detto ciò, da possessore di una Yamaha CG192S, ti posso confermare che è uno strumento dignitosissimo nella sua fascia di prezzo (ossia fino a 500 euro). Anzi, forse è tra i migliori per un neofita o un intermedio.
Chiaramente si tratta di uno strumento con la sola tavola in massello mentre fasce e fondo sono in laminato (sia pure di alta qualità) e non puoi pretendere la richhezza timbrica di una chitarra totalmente in massello o con legni ben stagionati.
Te lo dico a ragion veduta in quanto anche possessore di una Raspagni (e, chiaramente, non c'è storia. Ma vorrei pure sottolineare che una Raspagni da concerto costa tre volte tanto.....).
Ora non ricordo bene se la G245S è totalmente in massello o meno (ma mi pare di ricordare che ha anche lei solo la tavola in massello). Visto che ti piace, fossi al tuo posto valuterei il costo della sola riprofilatura del manico.
Chissà, un liutaio non esoso potrebbe chiederti meno di quanto pensi.

Davide Pirillo
Messaggi: 236
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Yamaha G24S S del 1978

Messaggioda Davide Pirillo » mar 06 dic 2016, 21:28

Grazie per le vostre opinioni ........ comunque quando voglio riposarmi passo sulla CG192S ........ e dopo le h. 23.00...... vado di Silent ....
La riprofilatura potrebbe essere un'idea ..... se magari fra i liutai qui presenti qualcuno volesse dire la sua sia sulla fattibilità sia sulla opportunità .... sarebbe bene accetta ...... io vivo (e vegeto) nell'immediato Sud Milano :merci: :okok:
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia


Torna a “Liutai, luthiers”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Antoniopicc97, CommonCrawl [Bot] e 14 ospiti