Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » lun 12 dic 2016, 01:12

E' meglio una Yamaha G225 degli anni '80 oppure una CG142s (non so se è ancora in produzione), i venditori chiedono più o meno la stessa cifra. Con tutte le sigle Yamaha francamente non ho capito mai niente. La tavola della G225 sembra essere in cedro (non so se massello), mentre la CG142s è dichiarato in massello. Hanno mandato le registrazioni per il suono ma a me francamente è sembrato uguale.
Qualcuno sa dirmi quale vince tra le due?
Attendo vostre, ciao a tutti e grazie! :bye:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Vincenzo Di Guida » lun 12 dic 2016, 15:04

In genere, se non è specificato come massello ("solid" in inglese) si tratta di laminato.

Che poi un laminato di alta gamma suoni meglio di una legnaccio massello, può essere altrettanto vero!

Purtroppo, anche le registrazioni non aiutano ma, sinceramente, mi pare tu abbia nominato due strumenti non di alta gamma per cui uno vale l'altro.
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » lun 12 dic 2016, 19:53

Vincenzo Di Guida ha scritto:In genere, se non è specificato come massello ("solid" in inglese) si tratta di laminato.

Che poi un laminato di alta gamma suoni meglio di una legnaccio massello, può essere altrettanto vero!

Purtroppo, anche le registrazioni non aiutano ma, sinceramente, mi pare tu abbia nominato due strumenti non di alta gamma per cui uno vale l'altro.
Ciao Vincenzo, assolutamente non di alta gamma, l'amico che la vuole prendere mi parla di 200 euro. Ma io non sono stato in grado di consigliarlo quale delle due prevale sull'altra e siccome la miriade di sigle che ha inventato Yamaha a dir poco disorienta volevo essere sicuro. Che so' magari esce fuori che la G225 era a suo tempo una chitarra di gran valore e io invece nel frattempo gli ho consigliato la CG 142s per la tavola in abete. Come si dice ... non vorrei essere né benedetto né maledetto :oops:
Comunque se qualcuno le ha avute per le mani se sa dirmi qualcosa in più.
Grazie in ogni caso Vincenzo.
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Vincenzo Di Guida » lun 12 dic 2016, 21:35

Yamaha g225:
Year(s) Sold: 1977-81
Original MSRP(US$): $113.95
Top: Spruce or cedar
Back / Sides: Agathis
Neck: Nato
Fingerboard: Rosewood
Bridge: Bubinga

Yamaha CG142:
Year(s) Sold: actual
Original MSRP(US$): 250/270 euro
Top: Solid Engelmann Spruce or cedar
Back / Sides: Nato
Neck: Nato
Fingerboard: Rosewood
Bridge: Rosewood

Essendo che il top della G225 è di laminato mentre quello della CG142 è massello, dovrebbe esser migliore la CG142.
Tuttavia molti hanno un buon ricordo della G225 (chissà quanto dipende dall'affetto col quale tendiamo a ricordare le cose che hanno popolato la nostra giovinezza).

Comunque se il costo è pari, direi che vince la 142 (che, tra l'altro, è il modello attualmente in produzione).

Sicuramente, se la persona è un neofita dello strumento, la CG142 è più che adeguata.


P.S.: Sia l'agathis che il nato sono legni simil mogano. Dunque hanno una resa simile. La vera differenza timbrica su una tale chitarra la fa la tavola arminica. Consiglierai quella in cedro se piace un timbro più dolce e spagnoleggiante. Quella in abete se preferisce un timbro più chiaro e frizzante.
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » mar 13 dic 2016, 00:30

Vincenzo Di Guida ha scritto: ...chissà quanto dipende dall'affetto col quale tendiamo a ricordare le cose che hanno popolato la nostra giovinezza
Dio se hai ragione ...

Si tratta proprio di un neofita quindi penso che andrò per la CG 142s dal momento che è ancora in produzione.
Comunque è bello stare in questo forum, ho girato tutto il web per queste informazioni e ... ecco fatto.
Grazie mille Vincenzo :bye:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

Avatar utente
satorarepo
Messaggi: 172
Iscritto il: mar 17 feb 2009, 15:36
Località: Piombino

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da satorarepo » gio 15 dic 2016, 15:43

Mah.... fai un po' te, ma non sono così sicuro che sia migliore la CG142S. Ma non è proprio possibile provarle? Un aspetto a favore della CG142S è il manico che risulta generalmente più comodo.

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » gio 15 dic 2016, 18:25

satorarepo ha scritto:Mah.... fai un po' te, ma non sono così sicuro che sia migliore la CG142S. Ma non è proprio possibile provarle? Un aspetto a favore della CG142S è il manico che risulta generalmente più comodo.
Purtroppo no satorarepo, non è possibile provarle. Si tratta di un amico che l'acquista on line e mi chiedeva quali delle due fosse la migliore. Non avendo esperienze mi sono rivolto al forum. Per il momento la migliore sembra essere proprio la CG142S per 1) la tavola in abete massello contro il cedro in laminato della G225; 2) per il manico più comodo grazie al tuo contributo.
Diciamo che alla fine del primo tempo siamo 2-0 per la CG142S (.. si fa per scherzare naturalmente).
grazie a tutti :bye:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Vincenzo Di Guida » sab 17 dic 2016, 02:29

C'è una ragione specifica per la 142?

A me, ad esempio, intriga la CG122 (che si può avere con top in abete o in cedro) che non ha la vernice gloss come la 142 e che per questo, a dispetto di un prezzo inferiore, rende il piano armonico più libero di vibrare (ma, chissà, forse è solo una mia ingiustificata posizione mentale).

Come detto, costerebbe anche meno e i legni di cassa, manico, tastiera e ponticello tra GC142 e GC122 sono eguali .....
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » dom 18 dic 2016, 02:40

Vincenzo Di Guida ha scritto:C'è una ragione specifica per la 142?
A me, ad esempio, intriga la CG122 (che si può avere con top in abete o in cedro) che non ha la vernice gloss come la 142 e che per questo, a dispetto di un prezzo inferiore, rende il piano armonico più libero di vibrare (ma, chissà, forse è solo una mia ingiustificata posizione mentale).
Come detto, costerebbe anche meno e i legni di cassa, manico, tastiera e ponticello tra GC142 e GC122 sono eguali .....

Ciao Vincenzo, assolutamente nessuna ragione specifica, questo amico ha trovato in rete due chitarre usate G225 e CG142s e mi chiedeva quale fosse la migliore tra le due. Il mio post era solo per un consiglio. Anche io ho sempre pensato sempre che la vernice gloss rende il piano più rigido.
Annotata la CG 122, grazie per il consiglio!! :bye:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

alessandro lienzo
Messaggi: 1177
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da alessandro lienzo » dom 18 dic 2016, 11:44

Io non penso che cambi nulla, la vernice stesa è più o meno la stessa, addirittura c'è chi non nota molte differenze tra il piano verniciato a gommalacca è quello a spruzzo.
Dove sta la verità?
Secondo me nel mezzo (in medio stat virtus)!
Mi spiego: la vernice è sempre parte di un progetto, ovviamente una chitarra ispirata a Torres non può accettare la vernice a spruzzo..
diversamente uno strumento più moderno e rigido si presta bene nella solidità generale ad una vernice sintetica.
alessandro C.

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » dom 18 dic 2016, 18:48

alessandro lienzo ha scritto:Io non penso che cambi nulla, la vernice stesa è più o meno la stessa, addirittura c'è chi non nota molte differenze tra il piano verniciato a gommalacca è quello a spruzzo.
Dove sta la verità?
Secondo me nel mezzo (in medio stat virtus)!
Mi spiego: la vernice è sempre parte di un progetto, ovviamente una chitarra ispirata a Torres non può accettare la vernice a spruzzo..
diversamente uno strumento più moderno e rigido si presta bene nella solidità generale ad una vernice sintetica.
La verniciatura a spruzzo secondo le mie conoscenze rende senz'altro la tavola più rigida, ma credo che l'uso di tali soluzioni siano insite nel progetto (mi riferisco naturalmente a strumenti di livello). E' comunque interessante il fatto della verniciatura Alessandro, so di tanti che fanno riverniciare la tavola a gommalacca, ma secondo me è un errore poiché va ad alterare il progetto originario del liutaio, il quale, non dovrebbe essere messo in discussione. Tuttavia ho visto in giro diversi modelli Torres verniciati a spruzzo!
Però non mi hai detto tra la G225 e la CG 142s quale secondo te è la migliore! Ti lascio ancora un po' di tempo per pensare ... :D scherzo!!
:merci:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

alessandro lienzo
Messaggi: 1177
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da alessandro lienzo » dom 18 dic 2016, 19:21

Senz'altro la 140 se ha la tavola in massello.
Dicono sia anche più comoda.
Per una chitarra di fascia bassa la cosa più importante è la comodità, il suono lo deve fare una mano rilassata.
In realtà per i modelli industriali più che una scelta di progetto è questione di tempi ed appeal;
Tutti vogliono la chitarra senza sbavature e con vernice perfetta.
alessandro C.

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Vincenzo Di Guida » lun 19 dic 2016, 15:30

Anche io, come Alessandro Lienzo, penso che le chitarre moderne siano più comode di quelle di una volta.
Manici più sottili (rispetto ai "pali della luce" di alcune pur ottime chitarre di qualche tempo fa) indubbiamente non scoraggiano il neofita per lo meno sotto questo aspetto.
Il principiante di chitarra classica, secondo me, ha già ben altri motivi per scoraggiarsi..... :lol: :lol: :lol:
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Avatar utente
Fede
Messaggi: 130
Iscritto il: dom 10 apr 2016, 01:07

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Fede » lun 19 dic 2016, 18:46

alessandro lienzo ha scritto:Senz'altro la 140 se ha la tavola in massello.
Dicono sia anche più comoda.
Per una chitarra di fascia bassa la cosa più importante è la comodità, il suono lo deve fare una mano rilassata.
In realtà per i modelli industriali più che una scelta di progetto è questione di tempi ed appeal;
Tutti vogliono la chitarra senza sbavature e con vernice perfetta.
Vincenzo Di Guida ha scritto:Anche io, come Alessandro Lienzo, penso che le chitarre moderne siano più comode di quelle di una volta.
Manici più sottili (rispetto ai "pali della luce" di alcune pur ottime chitarre di qualche tempo fa) indubbiamente non scoraggiano il neofita per lo meno sotto questo aspetto.
Il principiante di chitarra classica, secondo me, ha già ben altri motivi per scoraggiarsi..... :lol: :lol: :lol:
:okok:
D'accordo con entrambi, ho infatti consigliato la CG 142 s, poi quando arriva vi farò sapere!
Però sotto il profilo del suono qualche dubbio mi viene, tempo fa Setras, riguardo sempre le Yamaha, ha affermato che gli strumenti di una volta [anni '80] "erano più suonanti", gli ho chiesto cosa volesse dire, ma non mi ha mai risposto, quindi in effetti non lo so. Penso tuttavia che intendesse con un suono più corposo forse più sustain e francamente non mi dispiacerebbe possedere una bella Yamaha degli anni '80.
:ouioui:
el secreto para salir adelante es simplemente empezar - CENTOMILA-PASSIONI Wordpress

Melody Guitar mt /cedar/ 1981

Vincenzo Di Guida
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 301
Iscritto il: gio 29 gen 2015, 20:18

Re: Chi vince tra Yamaha G225 e CG142s

Messaggio da Vincenzo Di Guida » lun 19 dic 2016, 19:41

Setras è una istituzione (anche io, in almeno una occasione, gli ho chiesto lumi) e, dunque, non ho dubbi che ha ragione pur non riuscendo a immaginare come possa uno strumento totalmente in laminato suonare al pari o meglio di uno col top in massello.

In genere gli strumenti in laminato risuonano meno e con meno armonici rispetto a quelli con legni massello (anche se parliamo del solo top).

Vedi, io faccio sempre l'esempio della chitarra da jazz Gibson ES-175 che è totalmente in laminato e, difatti, produce quel suono senza armonici, quasi ovattato, tanto utile a quel genere musicale.

Dunque mi parrebbe strano che abbia inteso più ricchezza timbrica, sustain o anche solo volume. Sicuramente, avrà inteso altro (e solo lui potrebbe svelare l'arcano..... :D ).

Per quamto può valere la mia opinione, ho una Yamaha CG192S (cassa in laminato e top in abete massello) e una Yamaha C70 (cassa e top in massello). Beh, pur essendo la C70 una davvero ottima chitarra per principianti, non mi pare al livello della CG192S in termini di ricchezza timbrica.

Tuttavia c'è anche un'altra considerazione da fare.

Proprio nei periodi pre natalizi, la gente è solitra svuotare solai e cantine tentando di appioppare al prossimo qualunque vecchiume con la scusa del vintage (che, indubbiamente, ha il suo fascino).

Ma ti renderai conto che un conto è una cosa vecchia e ben altro conto un pezzo di antiquariato. Lo stesso vale per gli strumenti.

Meglio dunque secondo me, specie se non si ha l'orecchio e l'esperienza di Setras, avere la garanzia di uno strumento nuovo piuttosto che avventurarsi nella giungla del vintage (dove la fregatura è sempre in agguato).
Ho cominciato trent'anni fa tagliando la barba col rasoio elettrico e suonando l'elettrica.
Ora mi rado con sapone e lamette e suono la classica.
Se continuo così nella prossima vita farò la barba con scaglie di selce e suonerò la lira....

Torna a “Liutai, luthiers”