Ramirez la più amata nel mondo

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
davidemooo
Messaggi: 1201
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da davidemooo » mar 02 gen 2018, 19:50

Grazie a Chico per l'Egregio, ma mi risulta che la Ramirez di cui stiamo parlando, quella con il top in cedro sia arrivata nel 67, o sbaglio?
La sapienza è con i modesti!

alessandro lienzo
Messaggi: 1278
Iscritto il: dom 01 mar 2015, 16:34

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da alessandro lienzo » mar 02 gen 2018, 20:38

Ci sono dei fatti che mi piacerebbe si tenessero conto:
La Hauser ha avuto una rottura che ne ha pregiudicato la bellezza.
Il Segovia giovanile, ostinato sullo stesso strumento e con le idee chiare e precise tanto da rifiutare fior di chitarre ha poi cambiato tante Ramirez 1a.
Ramirez ha guadagnato tantissimo con Segovia e la sua 1a, penso proprio che Segovia abbia beneficiato di questi guadagni, almeno con la possibilità di cambiare qualsiasi volta volesse strumento.. Se non altro.
Segovia elogia le chitarre di Fleta ma una di queste si rompe dopo il viaggio in aereo (a quanto si dice) a testimonianza della solidità del progetto Ramirez, impronte per un uomo che gira il mondo intero.
Le Ramirez sono grosse di manico e dure come piacevano al nostro, erano fatte apposto per lui: mi spiace per quei poveri ti dalle mani piccole che sono stati costretti ad usarle...
alessandro C.

Avatar utente
Pietro
Messaggi: 1477
Iscritto il: ven 09 mar 2007, 16:49
Località: Verona

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da Pietro » mar 02 gen 2018, 21:03

Non nascondo che seguo con estremo interesse l'argomento dove trovo risvolti sempre nuovi. Ho appena letto i libri di Gilardino su Segovia e sul Legno che canta e pure li c'è sempre da imparare, qualche dato differisce da altri testi che ho in casa ma alla fine la personalità di Segovia come uomo e come artista emerge chiara come pure le scelte degli strumenti che usava.
Francamente non credo che la Ramirez sia la chitarra più amata nel mondo, anche se tanti musicisti la apprezzano dobbiamo tenere presente che altri sono stati un po' "costretti" ad usarla. Di certo si tratta di uno strumento ottimo e robusto con un'ottima affidabilità per un concertista che lo usa in giro per il mondo come faceva il compianto Segovia.

Cordialità - Pietro -

Elitista2
Messaggi: 226
Iscritto il: dom 10 mag 2015, 14:53

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da Elitista2 » mer 03 gen 2018, 17:26

davidemooo ha scritto:
mar 02 gen 2018, 19:50
Grazie a Chico per l'Egregio, ma mi risulta che la Ramirez di cui stiamo parlando, quella con il top in cedro sia arrivata nel 67, o sbaglio?
Sbagli, è arrivata prima.
Ha usato Hauser per 23 anni circa e Ramirez per 25 grosso modo. Segovia ne faceva di sparate. Anche a Mozzani aveva detto che era una gran chitarra. Ma l'ha usata ben poco.
In ogni caso quello che non è accettabile non sono i gusti, sempre rispettabili, se un minimo argomentati, ma il linciaggio cui è stata sottoposta la Ramirez negli anni.
E con lei Segovia e un certo repertorio. Pregiudizi enormi. Anche il libro di Gilardino mi ha lasciato perplesso. Ora capisco che siamo italiani e dobbiamo parlare bene del nostro paese. Ma dico avete visto quelle chitarre tanto decantate? Anche solo esteticamente non c'è paragone. Una Gallinotti l'ho vista bene.
Mi parlavano di 5000 euro. Io ne ne avrei dati nemmeno...lasciamo perdere. Sembrano cassette della frutta in confronto a certi capolavori spagnoli. Poi possono anche suonare abbastanza bene. Suonano dincerto diversamente da una 1a. È una questione di preferenze. Ma sputare su di una chitarra usata da Parkening Segovia e Yamashita è ridocolo. Sentitevi anche Liona Boyd con la Ramirez o Jose Luis Gonzales. O ancora il Diaz a maturità. Ma signori, attenzione a non coprirvi di ridicolo.
A me non piace molto la sonorità Smallmann ma non mi sognerei di dire che fa schifo. Non è neppure pensabile che non sia un'ottima chitarra dopo l'investitura fatta da Williams.
Quindi umiltà per favore. E rispetto per i miti. Che non diventano tali a caso. Piuttosto si faccia riferimento alle registrazioni che non mentono.

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 12:37

davidemooo ha scritto:
mar 02 gen 2018, 19:50
Grazie a Chico per l'Egregio, ma mi risulta che la Ramirez di cui stiamo parlando, quella con il top in cedro sia arrivata nel 67, o sbaglio?
egr. davidemooo la data non è 1967 ma 1965.

La thuja plicata "gimnosperma" conosciuta in gergo improprio cedro rosso dell'ovest del pacifico , è la sorella mora prediletta da Ramirez /// l'altra bionda e l'abete "picea abies" usata da secoli.

Ramirez /// scrive: Quando per caso "la cosa è ormai nota" vidi le qualità stupende di questo cedro rosso per i piani armonici, feci subito una chitarra ,e questa risultò essere eccellente .... poi ne costruì altre 4 , e le presentai a Segovia durante l'estate del 1965 , e con evidente soddisfazione ne scelse una... cosi in breve tempo iniziò in tutto il mondo della chitarra a diffondersi i piani armonici in thuja plicata .

cordialmente ,chico.
Ultima modifica di chico il gio 04 gen 2018, 19:02, modificato 1 volta in totale.

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 12:38

:okok:
Elitista2 ha scritto:
mer 03 gen 2018, 17:26
davidemooo ha scritto:
mar 02 gen 2018, 19:50
Grazie a Chico per l'Egregio, ma mi risulta che la Ramirez di cui stiamo parlando, quella con il top in cedro sia arrivata nel 67, o sbaglio?
Sbagli, è arrivata prima.
Ha usato Hauser per 23 anni circa e Ramirez per 25 grosso modo. Segovia ne faceva di sparate. Anche a Mozzani aveva detto che era una gran chitarra. Ma l'ha usata ben poco.
In ogni caso quello che non è accettabile non sono i gusti, sempre rispettabili, se un minimo argomentati, ma il linciaggio cui è stata sottoposta la Ramirez negli anni.
E con lei Segovia e un certo repertorio. Pregiudizi enormi. Anche il libro di Gilardino mi ha lasciato perplesso. Ora capisco che siamo italiani e dobbiamo parlare bene del nostro paese. Ma dico avete visto quelle chitarre tanto decantate? Anche solo esteticamente non c'è paragone. Una Gallinotti l'ho vista bene.
Mi parlavano di 5000 euro. Io ne ne avrei dati nemmeno...lasciamo perdere. Sembrano cassette della frutta in confronto a certi capolavori spagnoli. Poi possono anche suonare abbastanza bene. Suonano dincerto diversamente da una 1a. È una questione di preferenze. Ma sputare su di una chitarra usata da Parkening Segovia e Yamashita è ridocolo. Sentitevi anche Liona Boyd con la Ramirez o Jose Luis Gonzales. O ancora il Diaz a maturità. Ma signori, attenzione a non coprirvi di ridicolo.
A me non piace molto la sonorità Smallmann ma non mi sognerei di dire che fa schifo. Non è neppure pensabile che non sia un'ottima chitarra dopo l'investitura fatta da Williams.
Quindi umiltà per favore. E rispetto per i miti. Che non diventano tali a caso. Piuttosto si faccia riferimento alle registrazioni che non mentono.
:okok: :bye:

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 12:45

Pietro ha scritto:
mar 02 gen 2018, 21:03
Non nascondo che seguo con estremo interesse l'argomento dove trovo risvolti sempre nuovi. Ho appena letto i libri di Gilardino su Segovia e sul Legno che canta e pure li c'è sempre da imparare, qualche dato differisce da altri testi che ho in casa ma alla fine la personalità di Segovia come uomo e come artista emerge chiara come pure le scelte degli strumenti che usava.
Francamente non credo che la Ramirez sia la chitarra più amata nel mondo, anche se tanti musicisti la apprezzano dobbiamo tenere presente che altri sono stati un po' "costretti" ad usarla. Di certo si tratta di uno strumento ottimo e robusto con un'ottima affidabilità per un concertista che lo usa in giro per il mondo come faceva il compianto Segovia.

Cordialità - Pietro -
egr. Pietro. Se questo è il Suo punto di vista va rispettato ..... E' una risposta valida alla mia domanda iniziale.

saluti cordiali .chico.

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 13:08

alessandro lienzo ha scritto:
mar 02 gen 2018, 20:38
Ci sono dei fatti che mi piacerebbe si tenessero conto:
La Hauser ha avuto una rottura che ne ha pregiudicato la bellezza.
Il Segovia giovanile, ostinato sullo stesso strumento e con le idee chiare e precise tanto da rifiutare fior di chitarre ha poi cambiato tante Ramirez 1a.
Ramirez ha guadagnato tantissimo con Segovia e la sua 1a, penso proprio che Segovia abbia beneficiato di questi guadagni, almeno con la possibilità di cambiare qualsiasi volta volesse strumento.. Se non altro.
Segovia elogia le chitarre di Fleta ma una di queste si rompe dopo il viaggio in aereo (a quanto si dice) a testimonianza della solidità del progetto Ramirez, impronte per un uomo che gira il mondo intero.
Le Ramirez sono grosse di manico e dure come piacevano al nostro, erano fatte apposto per lui: mi spiace per quei poveri ti dalle mani piccole che sono stati costretti ad usarle...
egr.alessandro lienzo. Sono d'accordo . Mi permetta però senza polemica ,di raccontare cosa scrisse ne suo libro Ramirez ///
in proposito a quei poveri dalle mani piccole come dice Lei. Scrisse : Citerò il caso di una meravigliosa concertista giapponese, che appena raggiunge il metro e mezzo d'altezza e che ha delle mani che sembrano fatte in miniatura. Bene, costei suona una chitarra a dieci corde con un diapason di 664 mm, e in più esige da me un'altezza di queste sui tasti che supera di un millimetro quella normale e che domina con una facilità incredibile .

saluti cordiali . chico.
Ultima modifica di chico il gio 04 gen 2018, 19:03, modificato 1 volta in totale.

Elitista2
Messaggi: 226
Iscritto il: dom 10 mag 2015, 14:53

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da Elitista2 » gio 04 gen 2018, 14:51

chico

mi risulta che ( cito testualmente)
" In the early 1960’s he moved back to using Ramirez guitars, with a brand new design called the ‘Tradicional’ Model  1a, an instrument with a longer string length and larger fingerboard, using the then newly discovered Western Red Cedar wood for the soundboard, built specifically for Segovia".

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 16:14

Elitista2 ha scritto:
gio 04 gen 2018, 14:51
chico

mi risulta che ( cito testualmente)
" In the early 1960’s he moved back to using Ramirez guitars, with a brand new design called the ‘Tradicional’ Model  1a, an instrument with a longer string length and larger fingerboard, using the then newly discovered Western Red Cedar wood for the soundboard, built specifically for Segovia".
egr. Elitista2.

Questa non la sapevo ..... grazie . chico :bye: :bye: :bye:

chico
Messaggi: 24
Iscritto il: mar 19 dic 2017, 10:24

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da chico » gio 04 gen 2018, 17:05

Elitista2 ha scritto:
gio 04 gen 2018, 14:51
chico

mi risulta che ( cito testualmente)
" In the early 1960’s he moved back to using Ramirez guitars, with a brand new design called the ‘Tradicional’ Model  1a, an instrument with a longer string length and larger fingerboard, using the then newly discovered Western Red Cedar wood for the soundboard, built specifically for Segovia".
Egr. Elitista2.
Nell'argomento passato l'inutilizzo del cedro. Alfio il 23 settembre qui al forum, diceva che era in possesso di una Ramirez /// in cedro del 1960. Però personalmente pensavo si fosse sbagliato con le date invece........ dato lo scritto da Lei sopra, le cose cambiano.....

Gli eredi Ramirez, oppure il liutaio Roberto tomasi ne sapranno di piu'.....

salutoni . chico

davidemooo
Messaggi: 1201
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da davidemooo » gio 04 gen 2018, 22:13

Se si fatica a vendere una primera a 2000 euro ci sarà un perché. .....
La sapienza è con i modesti!

Avatar utente
satorarepo
Messaggi: 174
Iscritto il: mar 17 feb 2009, 15:36
Località: Piombino

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da satorarepo » gio 04 gen 2018, 23:02

Due ipotesi:
1. Non vanno più gran che di moda. Magari poi ci sarà un revival.
2. Non c'è più una lira (un euro...).
P.s. Io una Ramirez a 2000 euro (li avessi da spendere...) la comprerei. Ho anche due belle manone.

Elitista2
Messaggi: 226
Iscritto il: dom 10 mag 2015, 14:53

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da Elitista2 » ven 05 gen 2018, 10:11

davidemooo ha scritto:
gio 04 gen 2018, 22:13
Se si fatica a vendere una primera a 2000 euro ci sarà un perché. .....
Non direi che questo sia un buon argomento. Il prezzo deriva dall'interazione di domanda e offerta. E la diminuzione della domanda può dipendere da molti fattori. Ad ogni modo esistono centinaia di file audio e video ed incisioni ufficiali che testimoniano le caratteristiche timbriche dello strumento. Anche se suonato dallo sconosciuto, lasciando perdere Diaz, Segovia, Parkening, Boyd, Yamashita o Luis Gonzales.
Ci sono un sacco di amatori più o meno capaci che riempiono Youtube o similia con video che permettono di percepire almeno in parte le qualità dello strumento di cui parliamo.

Alla fin fine nulla vieta di preferire una chitarra di liuteria ispirata ad altri progetti, ad un'altra idea di suono. Pensiamo alla distanza che intercorre tra una 1a nuova di zecca e una altrettanto nuova chitarra di Waldner.
Si tratta di alternative. Non mi stupisco che si possa preferire l'una all'altra o viceversa. Ma arrivare a denigrare strumenti storicamente importanti solo perché non sono di moda tra certi maestrini di conservatorio non mi sembra corretto.

davidemooo
Messaggi: 1201
Iscritto il: ven 04 lug 2014, 10:53
Località: Brescia

Re: Ramirez la più amata nel mondo

Messaggio da davidemooo » ven 05 gen 2018, 13:04

Nessuno denigra. Il progetto Ramirez è un progetto eccellente e ben rodato. Personalmente, complice l'utilizzo del cedro, la trovo una chitarra, per quanto abbastanza efficiente, dal timbro poco affascinante.
La sapienza è con i modesti!

Torna a “Liutai, luthiers”