Le Roy, Adrian - Fantasie seconde - D07

dal Rinascimento al periodo barocco, dal 1500 al 1760 (Dowland, Sanz, Bach, Weiss).
Avatar utente
Piero Zaninetti
Messaggi: 1038
Iscritto il: lun 22 ott 2012, 09:58
Località: Italia

Le Roy, Adrian - Fantasie seconde - D07

Messaggioda Piero Zaninetti » dom 29 mag 2016, 21:25

Grazie a chi vorrà ascoltare e commentare
:merci: :bye:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

lorisdose
Messaggi: 261
Iscritto il: mar 01 set 2009, 09:44

Re: Le Roy,Adrian;Fantasie seconde .D07

Messaggioda lorisdose » mar 31 mag 2016, 13:33

Ciao,bravo!mi è piaciuta l'interpretazione,mi permetto una domanda l'hai suonata con il capotasto,vero?Ho suonato diversi brani di questa raccolta di Le Roy,poche volte ho apprezzato l'uso del capotasto,sarà per ragioni di sonorità ma alla fine non mi ha mai soddisfatto.Questione personale,vorrei sapere cosa ne pensi e qual'è il pensiero degli amici del forum.
Grazie Loris

Avatar utente
Piero Zaninetti
Messaggi: 1038
Iscritto il: lun 22 ott 2012, 09:58
Località: Italia

Re: Le Roy,Adrian;Fantasie seconde .D07

Messaggioda Piero Zaninetti » gio 02 giu 2016, 19:22

lorisdose ha scritto:Ciao,bravo!mi è piaciuta l'interpretazione,mi permetto una domanda l'hai suonata con il capotasto,vero?Ho suonato diversi brani di questa raccolta di Le Roy,poche volte ho apprezzato l'uso del capotasto,sarà per ragioni di sonorità ma alla fine non mi ha mai soddisfatto.Questione personale,vorrei sapere cosa ne pensi e qual'è il pensiero degli amici del forum.
Grazie Loris


Ho suonato con il capotasto al V° tasto come consiglia il Maestro JF Delcamp. Poiché questa opera è stata scritta per chitarra rinascimentale che era accordata SOL -DO-Mi-LA , mettendo il capotasto al V° tasto si ottiene una accordatura simile ,riportando la chitarra a dimensioni più simili a quelle della chitarra rinascimentale.
La sonorità che si ottiene a me piace e mi sembra di avvicinarmi così ai suoni dell'epoca in cui è stato scritto il brano.Ovviamente con il capotasto la chitarra moderna non diventa né un liuto, né una vihuela, né una chitarra rinascimentale ma rimane sempre una chitarra. Non avevo mai usato il capotasto prima di avvicinarmi ai corsi on line del Maestro Delcamp: per me è stato anche un esercizio per abituarmi a suonare con la chitarra accordata in modo diverso . Finora non ero andato oltre alla VI corda accordata in re .Ma alla fine penso sia una questione di gusti personali. Bisognerebbe sentire il parere di qualcuno più competente . :merci: :bye:


Torna a “Audio e Video di musica antica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite