Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Quando inserite un link che riconduce ad un video, formulate il titolo come in quest'esempio :
Youtube
Niccolò Paganini; Capricho nº 24.
Avatar utente
Paolo Romanello
Allievi tutor
Messaggi: 971
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Paolo Romanello » ven 30 ott 2015, 09:23

Ho scoperto da poco questo servizio web e mi ha veramente sconcertato. Sappiamo bene tutti che la fruizione della musica non passa più necessariamente attraverso supporti fisici, ma con una connessione in rete veloce puoi usufruirne ovunque e con una qualità paragonabile a quella del CD. Ma la cosa sorprendente è che Spotify è disponibile in forma totalmente gratuita, a parte qualche brevissima inserzione pubblicitaria tra un brano e l'altro, e da quello che ho visto si può accedere alla maggior parte delle novità discografiche.
Insomma non sono più utenti singoli ad assumersi la responsabilità di mettere in rete attraverso canali più o meno leciti materiali discografici coperti da copyright, ma sono le stesse etichette discografiche a farlo in modo evidentemente lecito: come è possibile ciò? Forse il mondo del copyright è veramente ad una svolta epocale, o si tratta solo di esperimenti promozionali?
:bye:
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3525
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Gabriele Gobbo » ven 30 ott 2015, 11:40

Io inviterei tutti a prendersi il tempo di leggere con attenzione i termini e le condizioni di utilizzo di questo servizio. In particolare, ma non solo, l'art. 7, che regola i diritti concessi dagli utenti a "spotify". Poi se si è serenamente e consapevolmente d'accordo e contenti, lo si utilizzi pure.
:bye:
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Avatar utente
Paolo Romanello
Allievi tutor
Messaggi: 971
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Paolo Romanello » ven 30 ott 2015, 12:09

Utilizzando questo servizio come utente "ascoltatore" ovviamente devi consentire l'accesso al tuo sistema a scopo pubblicitario e di marketing, come avviene con qualunque servizio online; in fondo è proprio questo il ritorno economico principale che ne giustifica l'esistenza.
E' chi pubblica come autore e depositario di copyright le sue opere che in base all'art. 7 si impegna in modo pesante. Mi chiedo che tipo di ritorno ne ha, a parte ovviamente quello della grande diffusione, ma evidentemente è proprio questo l'aspetto che oggi sta acquistando sempre maggiore importanza.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Avatar utente
Carlo Di Casola
Messaggi: 180
Iscritto il: lun 21 lug 2014, 06:01
Località: Roma

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Carlo Di Casola » ven 30 ott 2015, 13:08

Devo dire che a me è servito molto per scoprire autori, interpreti e loro discografie.
Dopo di che però appena mi è possibile acquisto il cd o l'album da itunes

Avatar utente
Paolo Romanello
Allievi tutor
Messaggi: 971
Iscritto il: lun 15 mar 2010, 10:27
Località: Genova

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Paolo Romanello » ven 30 ott 2015, 13:11

Quindi ha effettivamente una grande valenza pubblicitaria in senso buono.
" Si può conoscere solamente ciò che si ama " S. Agostino

Avatar utente
Carlo Di Casola
Messaggi: 180
Iscritto il: lun 21 lug 2014, 06:01
Località: Roma

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Carlo Di Casola » ven 30 ott 2015, 13:17

Paolo Romanello ha scritto:Quindi ha effettivamente una grande valenza pubblicitaria in senso buono.
Direi proprio di si.
Di fatto ha sostituito quello che un tempo era l'ascolto di prova presso i negozi di edizioni musicali (a trovarli poi... e forniti... :( )
:bye:

Avatar utente
Paolo Barbagli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 567
Iscritto il: mer 20 gen 2016, 00:22
Località: Riva del Garda

Re: Spotify, la musica sta veramente cambiando.

Messaggio da Paolo Barbagli » lun 15 feb 2016, 23:28

Sono un utente di Spotify da qualche anno, e sta veramente cambiando il modo di ascoltare musica, con un data base sconfinato e in continuo aumento, e soprattutto completamente gratuito
Chitarra: J. Ramirez R2 1993
Corde: D'Addario
Software: Wave Editor
Registratore: Zoom H5

Torna a “I vostri indirizzi del Web”