esercizi per la velocità

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mar 08 lug 2008, 11:42

E rieccoci per una risposta definitiva al consiglio dell'amico Giaguaro che a quanto pare percorre le mie stesse strade e condivide, per fortuna ,con noi tutti le sue esperienze.
I forum a questo servono!

L'affilatura asimmetrica funziona bene !
Essa certamente è un ottimo espediente per riuscire ad avere la giusta superficie di unghia per tutte le tecniche.
La sto usando con dicreto successo e devo dire che ho anche ripulito per bene il picado.
E' chiaro che si può fare meglio e di più quindi continuerò a studiare con questa affilatura fino a quando non ne trovo una migliore .

Giaguaro posta pure tutte le tue esperienze che sono utili e concrete :okok:


ciao
Lino

esperanto

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da esperanto » lun 01 set 2008, 01:48

Salve a tutti.
Sono d'accordo in tutto con giaguaro ma... se provassi a limare l'anulare al contrario? (dalle mie esperienze con A. Company)

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » lun 01 set 2008, 09:14

Ciao a tutti. I consigli di Giaguaro sono interessanti e in generale si puo' dire che il profilo dell'unghia ha una notevole importanza nello sviluppo della tecnica. Sono scelte personali dattate dal proprio modo di suonare. Io preferisco limare l'indice sul fianco sinistro (guardando la mano dall'alto) e medio e anulare a destra, ma solo perche' la mia impostazione e' stata questa sin dall'inizio e mi sarebbe impossibile cambiare. Sul picado in particolare non mi sento di aggiungere altro oltre le cose gia' dette. Posso consigliare di esercitarsi molto anche sul picado eseguito su corde vicine (per es. indice sulla seconda e medio sulla prima in successione di quartine). Infine vorrei riferirvi una cosa che mi e' stata raccontata da un chitarrista di flamenco italiano molto informato su PDL. sembra che il piccolo DE Lucia si allenava (per ore, ovviamente) ad eseguire il picado tenendo bloccata una moneta sulla tavola armonica (al di sopra della sesta corda con il muscolo interno del pollice) ottenendo cosi' un'azione di indice e medio estremamente "corta" e potente, non so se questa storiella e' vera, io ci ho provato e ho rischiato la tendinite. :bye: :bye:

Giaguaro

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giaguaro » lun 01 set 2008, 13:38

XCiao Carlo, bentornato... ci sei andato a Sevilla?

io sapevo della moneta tenuta tra indice e medio mentre si fa il picado così da costringerli a stare il più attaccati possibile.
Ci ho provato, ma quando tolgo la moneta torna tutto come prima

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » mar 02 set 2008, 08:25

Ciao Giagua', per Sevilla parto la settimana prossima.

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mar 02 set 2008, 11:53

Ciao a tutti ,
ma alla fine la vostra velocità è aumentata oppure no?
Per quel che mi riguarda no!Sono più preciso e riesco meglio in qualche passaggio ma se devo dire di aver avuto delle migliorie in termini di velocità beh questo no.

Monetine a parte ,credo che la chiave di tutto sia la pratica e niente più.
Tutte le nostre considerazioni probabilmente sono giuste, ma di intorno a qualcosa di più complesso e cioè predisposizione naturale e pratica continua giornaliera.

Per esempio il movimento alternato :quando mi trovo in fase ascendente sono più lento che in fase discendente(dai bassi verso gli acuti),questo perchè c'è il cambio corda è difficoltoso ,se con l'indice suono l'ultima nota il medio in automatico scatta in avanti pronto , questo blocca la velocità perchè deve compiere più corsa per raggiungere la corda superiore e può intopparsi.

Sarebbe forse meglio usare l'indice facendolo slittare sulla corda superiore?

A voi il consiglio finale.

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » mar 02 set 2008, 12:02

Non c'e' dubbio che l'unico "segreto" e' la pratica giornaliera unita alla migliore razionalizzazione dei movimenti. Consigli definitivi non credo ce ne siano, se si studia bene e sempre, i risultati arrivano, non credo pero' che tutti possano arrivare a velocita' supersoniche, io posso studiare quanto mi pare e raggiungere risultati soddisfacenti ma piu' di tanto non vado. Possiamo semmai provare a quantificare quand'e che un picado inizia ad esseree' veloce ( dando per buono che il timbro sia quello giusto) chesso' 120 di metronomo suonando quartine di semicrome? che ne pensate ?

Giampiero Carella
Professore
Messaggi: 513
Iscritto il: dom 06 lug 2008, 19:52
Località: Cadorago (Como)

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giampiero Carella » mar 02 set 2008, 13:16

Molto interessante il discorso sulle unghie, ma non credo che sia nascosto li il segreto di Paco DE Lucia; comunque trovo che da sempre i giovani chitarristi siano ossessionati dal suonare veloci; sono sostanzialmente convinti che la bravura si misuri con la velocità. La velocità è un sottoprodotto della tecnica e non significa nulla se è decontestatualizzata dalla musica. E' di gran lunga più importante capire il tempo, come giocare col tempo, il timing (avere il senso dell'attimo), ed avere prontezza (che è il passaggio dal pensiero all'azione).
Se suoni ciò che richiede la musica, non dovrai mai preoccuparti, la velocità si sistemerà con il tempo e :bye: con molta pazienza! :okok:

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mar 02 set 2008, 16:19

Ok queste sono cose gia note Giampiero e ne abbiamo già discusso abbodandemente.
Il Picado esiste ed è solo veloce o lo si sa fare o no!
Non è questione di Paco o Vicente è una tecnica come è tecnica il tremolo flamenco o l'Alzapua.

Al momento non mi risulta che esistono effettivi metodi o impostazioni che ci aiutino a progredire in maniera massiccia.
Il picado affligge tutti i chitarristi flamenco e c'è un confine netto e preciso tra chi lo fà e chi no.

Non esistono scuse bisogna provare e riuscire oppure accettare il fallimento.
Conoscere i propri limiti è essenziale.




X Carlo per la questione della velocità a 120 bit e semic .vado a casa e vedo perchè non uso il metronomo.Così a naso direi che in fase discendente riesco ma in ascendente no.
Il metronomo l'ho messo da parte da quando studio flamenco.

Giampiero Carella
Professore
Messaggi: 513
Iscritto il: dom 06 lug 2008, 19:52
Località: Cadorago (Como)

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giampiero Carella » mar 02 set 2008, 17:49

Scusa ma in cosa consiste il picado?
Io ho sempre pensato che consista nel suonare singole note con movimenti alternati delle dita della destra usando sia il tocco appoggiato (apoyando) sia il tocco libero (tirando). (quindi anche le scalette della ciaccona di Bach :bye: si eseguono con il picado?) se ho ragione, gli esercizi che devi fare li puoi trovare sul dominio delle corde di Mauro Storti. :casque: :casque:

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mar 02 set 2008, 19:43

carlosoi ha scritto:Non c'e' dubbio che l'unico "segreto" e' la pratica giornaliera unita alla migliore razionalizzazione dei movimenti. Consigli definitivi non credo ce ne siano, se si studia bene e sempre, i risultati arrivano, non credo pero' che tutti possano arrivare a velocita' supersoniche, io posso studiare quanto mi pare e raggiungere risultati soddisfacenti ma piu' di tanto non vado. Possiamo semmai provare a quantificare quand'e che un picado inizia ad esseree' veloce ( dando per buono che il timbro sia quello giusto) chesso' 120 di metronomo suonando quartine di semicrome? che ne pensate ?

Ti rispondo mò mò da casa mia chitarra in pugno e esercizio Granados 1 volume pag 8 n8.
Il massimo che riesco a fare è metronomo a 100 :oops:

forse in momenti di grazia posso fare di più ma al momento mi sembra corretto quuello che è e non quello che sarà o potrebbe essere.

Sto molto inguaiato?

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » mer 03 set 2008, 09:01

Ciao Flax, 100 la quartina e' gia' una buona velocita' su cui poter lavorare, io pure piu' o meno sto messo cosi'. In questo periodo sto lavorando proprio sul picado e la velocita' su cui mi trovo comodo in fase di studio e' piu' bassa, poi se ho la pazienza di stare su di un passaggio per una mezzoretta o piu' riesco a raggiungere un discreto automatismo e arrivare a velocita' comprese tra 100 e 112 e in giornate molto felici anche qualcosa in piu' . Il punto e' che bisognerebbe fare esercizio tutti i santi giorni per circa un'ora (pena un crollo immediato della velocita') , ma questo per chi come noi lavora o tiene famiglia non e' pensabile. Per quanto riguarda la definizione di picado credo che si possa identificare in un certo modo con il classico "staccato", e farlo risalire molto piu' genericamente a quello che nella musica spagnola si definiva con stile "punteado". Ma al di la' delle definizioni che nel flamenco lasciano il tempo che trovano, per me un ottimo esempio di picado e' quello che si puo' vedere e ascoltare in uno dei DVD di "rito e geografia del cante" con Camaron al cante e Paco Cepero che lo accompagna in un Alegria in Do e spara falsetas tradizionali con passaggi in picado da brividi. :bye: :bye:

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mer 03 set 2008, 16:13

Ciao Carlo,
e che ne parliamo a fare della famiglia,la cosa più bella che c'è ma è la cosa che ci prende più energie in assoluto!

La fase discendente come l'hai risolta?

In pratica suonando dal mi cantino al mi basso ti appoggi sulla corda che poi andrà suonata ,perchè cambiare dito?
Non è che il trucco è tutto lì?
Sò che è una sciocchezza però a volte............

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 812
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Carmine Nobile » mer 03 set 2008, 18:43

una volta un giornalista chiese a paco de lucia cosa bisognasse fare per suonare le scale veloce come faceva lui,gli rispose:
"tienes que apretar el cu*o" letteralmente "devi stringere il cu*o"!!!! :mrgreen: ......sará li il segreto?
non so se questa storiella sia vera o meno,ma rende bene l'idea

ciao a tutti :bye:

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mer 03 set 2008, 18:56

nucho2000 ha scritto:una volta un giornalista chiese a paco de lucia cosa bisognasse fare per suonare le scale veloce come faceva lui,gli rispose:
"tienes que apretar el cu*o" letteralmente "devi stringere il cu*o"!!!! :mrgreen: ......sará li il segreto?
non so se questa storiella sia vera o meno,ma rende bene l'idea

ciao a tutti :bye:

:D :D
forse è per quello che usano quelle sedie quando suonano

Torna a “Didattica, metodi, tecniche e musiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 6 ospiti