esercizi per la velocità

Giaguaro

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giaguaro » gio 04 set 2008, 01:48

ha ragione Carlo:
"....pratica giornaliera unita alla migliore razionalizzazione dei movimenti... nn c'è altra soluzione

mi sto facendo il c.... da 7 mesi a questa parte, con accorgimenti che ho elaborato personalmente

1) faccio le scale che prima facevo solo appoyando, col tocco libero e 3 dita invece di 2 (ima) suonando a terzine e alternando gli accenti sulle 3 dita...
come risultato anche il picado appuyado si è velocizzato molto.

2) ho notato che è inutile insistere sempre con lo stesso esercizio quando si sente di aver raggiunto la velocità massima: cambio allora esercizio cercando quello che riesco a fare con maggiore difficoltà. Velocizzo quindi questo esercizio e la velocità generale risulta aumentata. Oppure faccio sempre lo stesso esercizio ma con una moneta da 20 c tra indice e medio.

3) uso appena posso il metronomo e a velocità non troppo elevate, ossia senza forzare.

Attualmente riesco a fare le scalette in buleria a quartine sui 110 e anche a 120 battiti al minuto, forzando un pò e di sera. Dopo pranzo sono una lumaca


infine, faccio il picado cercando di tenere l'allineamento polso avambraccio, ossia alzando il gomito.

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » gio 04 set 2008, 08:55

Buongiorno a tutti, flax, per la fase discendente (dal cantino al basso) se suoni appoggiato e' inevitabile che il dito che ha appena suonato si vada ad appoggiare alla corda sopra, l'alternanza va sempre mantenuta. Ieri mi sono visto un DVD didattico suonato da Manolo Franco (guitarra flamenca Manuel Salado vol 4 buleria), la spiegazione del picado e' ridotta all'osso, M.Franco esegue lentamente un passaggio picado sulle 6 corde vuote, il movimento e' piuttosto ampio e non c'e' nulla di complicato, solo consiglia di sollevare un po il braccio per avere un'azione piu' fluida. Una cosa che mi consiglio' un chitarrista a Siviglia era di iniziare il picado con una certe forza e lasciarla diminuire man mano che si andava verso la sesta corda e viceversa, ma poi ho sentito dire da altri l'esatto contrario. Alla fine io credo che ognuno cerchi la propria via, di consigli sul picado e su tutti gli altri aspetti tecnici se ne sentono a dozzine, ma le indicazioni oggettivamente valide sono molto poche.
Movimenti lenti
Isocronia
tanto esercizio, variando il piu' possibile cio' che si suona (scale, formule ritmiche etc..)
quotidianita'
andare veloci solo dopo un adeguato riscaldamento
controllo del gesto e del volume
forzare, cercando di andare un poco oltre i propri limiti.
Il resto lo fa la passione .
Giaguaro, dopo pranzo secondo me e' meglio fasse na pennichella, la sera e' sempre il momento migliore, le mani sono calde e sciolte. :bye: :bye:

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » gio 04 set 2008, 11:24

Immaginavo la tua risposta Carlo,però ho pensato vuoi vedere che sono convinto di una cosa e magari la soluzione è l'opposto?

In ogni caso credo di studiare esattamente come tu suggerisci quindi niente trucchi e solo lavoro.

La cosa straordinarià è che su un forum spagnolo lessi fiumi di parole e consigli sul picado e solo tre utenti più o meno raggiungevano la velocità!
Questo mi fece capire che è proprio difficile riuscire ad andare veloci e tanti immaginano solo cose che in realtà non esistono.
Se scoprissi un trucco per il picado diventerei miliardario. :D

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » lun 08 set 2008, 09:40

Ciao a tutti, visto che abbiamo parlato tanto del picado, tra un paio di giorni parto per Siviglia e magari riusciro' a scoprire qualche dritta ineressante su questa tecnica.
Ci sentiamo a fine mese
Buon flamenco a tutti :bye: :bye: :bye:

Giaguaro

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giaguaro » mer 22 ott 2008, 03:49

giusto per informazione, perseverando negli esercizi sono arrivato, quando sono caldo, a fare quartine a 130 batute la minuto con il picado.

Pare che il metodo seguito funzioni

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » mer 22 ott 2008, 11:29

Giaguaro ha scritto:giusto per informazione, perseverando negli esercizi sono arrivato, quando sono caldo, a fare quartine a 130 batute la minuto con il picado.

Pare che il metodo seguito funzioni

Ciao Giaguaro,
sono felice dei tuoi progressi e sono certo che i tuoi miglioramenti arrivano dall'allenamento continuo .

Una delle cose che però vorrei evidenziare a riguardo del picado è il tipo di frase che si intende realizzare a velocità.
La diteggiatura è importantissima a causa del cambio corde.
Se noti,le frasi veramente veloci sono costruite privilegiando il cambio corda con il dito i o m a seconda se scendi o sali.
Per andare a velocità ad esempio, passando dal mi cantino al si devi necessariamente usare sul mi il dito M e sul si il dito I.
Questo è un naturale ostacolo che deriva dalla differente lunghezza delle nostre dita.Se le frasi non si eseguono rispettando tale sequenza si verificano inevitabili intoppi dovuti proprio alla natura del movimento.
Legare una quartina una terzina o cinque suoni deve essere sempre come se si volesse suonare legato con la sx mentre la destra esegue il cambio corda con la diteggiatura naturale descritta sopra.

Sto studiando Tomatito che trovo straordinario non per la mera imitazione che comunque mi gratificherebbe molto ,pur consapevole del fatto di non poter mei raggiungere un tale traguardo, ma per la comprensione delle sue frasi e di come esse vengono costruite.
Spesso lo trovo dopo un arpeggio ad esempio IMA a suonare un picado e quindi piazzare subito il dito medio e successivamente l'indice sulla corda superiore picando come un legato l'intera frasetta o sequenza di quartine terzine etc.
Il mio unico cruccio è avere troppo poco tempo per lo studio che man mano che vado avanti si rivela sempre più bello e semplice a patto che si comprendano i movimenti.

La costruzione di una melodia con semplice tocco appoggiato a velocità direi 80 90 tipo Entre Dos Aguas richiede tecnica sul cambio corde pulita e permette l'uso del dito medio in ascesa o dell'indice in discesa però come arrivi alla parte picada cioè veloce oltre i 100 allora devi costruirti la frase in maniera di non trovarti quasi mai con il medio a suonare la corda superiore se satai salendo o l'indice quella inferiora se stai scendendo.

Questo è tutto ciò che sono riuscito a scoprire fino ad ora ,magari lo sapevate già magari però c'è qualcuno che non lo sa ancora però sono certo che la strada da intraprendere è questa.
Che poi c'è gente super tipo Paco questo già si sà ma vorrei cercare di restare con i piedi per terra.

Saluti
Lino

mariopont

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da mariopont » mar 04 nov 2008, 22:21

Grazie ragazzi! L'idea delle unghie asimmetriche funziona!!!

Giaguaro

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Giaguaro » gio 20 nov 2008, 14:50

mariopont ha scritto:Grazie ragazzi! L'idea delle unghie asimmetriche funziona!!!

e lo so che funziona... meglio di tanti altri metodi che stressano e rovinano l'unghia, oltre a risolvere il problema solo temporanemante. :D

cristianoronaldo

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da cristianoronaldo » dom 28 dic 2008, 02:22

Qual è la velocità massima raaggiunta da Paco de Lucia nel suo picado? SOlo pura curiosità :D

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » gio 08 gen 2009, 11:40

Per aggiungere qualcosa di nuovo a ciò che abbiamo detto fino ad ora sarebbe opportuno descrivere la posizione del picado proposta da Berges.
Lui propone la mano molto ferma e le dita "bloccate"fino alle nocche.Il movimento deve essere come tamburellare con le dita su un tavolo.
La corda va suonata sfiorandola e poggiandosi chiaramente sulla corda posteriore.

La partenza per lo studio è :due dita sulla seconda corda.Alzare l'indice esagerando facendo perno sulla nocca tenendolo ben fermo.
Picchiare con forza giù come se la prima corda non esistesse e contemporaneamente tirare su il medio(uguale a tamburellare su un tavolo).
Dito indice che scende anulare sale e viceversa alternandolo.
Il maestro propone di provarlo molto lentamente e concentrandosi al massimo sul movimento.

Io certamente non picavo così(tranne che per il mov alternato) e non mi andava neanche tanto male però vorrei provare il metodo proposto da Berges che senz'altro ne sà più di noi.
Ultima modifica di flax il gio 08 gen 2009, 11:57, modificato 1 volta in totale.

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » gio 08 gen 2009, 11:50

Ciao, io il metodo di Berges lo sto provando (quando ho tempo) e se praticato bene da i suoi frutti.

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » gio 08 gen 2009, 11:59

carlosoi ha scritto:Ciao, io il metodo di Berges lo sto provando (quando ho tempo) e se praticato bene da i suoi frutti.
Mi viene il dubbio però nel cambio da picado a arpeggio.
Con la mano così stesa passare velocemente alla posizione arpeggiata o arpeggio picado la vedo dura.

carlosoi

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da carlosoi » gio 08 gen 2009, 12:16

Giusta osservazione FLax. In effetti il passaggio dalla posizione d'arpeggio a quella per il picado puo' presentare delle difficolta'. Ci sono chitarristi che suonano utilizzando una posizione "intermedia" altri che spostano completamente il braccio passando dall'arpeggio al picado. Mi vine in mente a questo proposito che in una delle lezione che ho preso a settembre a Siviglia, parlando proprio di posizioni diverse tra arpeggio e picado il maestro mi disse che il trucco consiste nell'abbassare il polso, piu' che tirare su il braccio per ottenere l'abbassamento del polso stesso. Non so se mi sono spiegato bene, spero di si. Personalmente in questo periodo sto cercando di rendere il piu' omogenee possibile le 2 posizioni.

flax

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da flax » gio 08 gen 2009, 12:31

carlosoi ha scritto:Giusta osservazione FLax. In effetti il passaggio dalla posizione d'arpeggio a quella per il picado puo' presentare delle difficolta'. Ci sono chitarristi che suonano utilizzando una posizione "intermedia" altri che spostano completamente il braccio passando dall'arpeggio al picado. Mi vine in mente a questo proposito che in una delle lezione che ho preso a settembre a Siviglia, parlando proprio di posizioni diverse tra arpeggio e picado il maestro mi disse che il trucco consiste nell'abbassare il polso, piu' che tirare su il braccio per ottenere l'abbassamento del polso stesso. Non so se mi sono spiegato bene, spero di si. Personalmente in questo periodo sto cercando di rendere il piu' omogenee possibile le 2 posizioni.
Ti sei spiegato benissimo.
Nel mio caso io uso altrnare i e m uno sale l'altro scende me senza avere la mano bloccata al nudillos come propone berges.
Direi che la cosa che mi ha portato più frutti è il pensare le frasi in maniera legata come ho già detto sopra.

Samyr

Re: esercizi per la velocità

Messaggio da Samyr » dom 21 giu 2009, 09:46

Ho preso in considerzione il consiglio di Giaguaro riguardo il taglio asimmetrico delle unghie della mano destra e pare funzioni. Grazie-

Torna a “Didattica, metodi, tecniche e musiche”