metodo di Claudio Fano

Avatar utente
alberto57
Messaggi: 177
Iscritto il: mer 26 nov 2008, 23:19
Località: firenze

Re: metodo di Claudio Fano

Messaggio da alberto57 » lun 13 gen 2014, 23:31

Anch' io mi rendo conto che se uno vuole raggiungere livelli elevati alla fine certe scelte le deve pur fare e, che si tratti di classica, flamenca, acustica o elettrica, alla fine dovra' sviluppare una tecnica specifica a scapito delle altre. Nel mio caso, alla verde eta' di 57 anni non posso certo coltivare l' idea di diventare un chitarrista, non importa se classico o flamenco.Posso solo usare la chitarra per tentare di esplorare alcuni mondi che mi incuriosiscono e mi affascinano, ed il mondo flamenco e' sicuramente uno di questi, ma lo sono ugualmente le suite di bach (almeno quei due o tre brani che riesco ragionevolmente a suonare)...si, lo so, con il rischio di confondermi e usare il pulgar apoyando nella bourree e un bel tocco svolazzante nella seguriya :lol: , e , non avendo insegnanti, potendo solo contare sulla disponibilita' delle tante persone che, come te, su questo forum rispondono alle mie domande ed ai miei dubbi. Mah, eravamo partiti da Claudio Fano, spero di non essere finito off topic :merci:
"come va?"
-ah, meglio di cosi ' non potrebbe andare! -
"amico mio, non ti facevo tanto pessimista"

Torna a “Didattica, metodi, tecniche e musiche”