da dove posso iniziare?

diana

da dove posso iniziare?

Messaggio da diana » mar 15 gen 2008, 22:39

ciao a tutti! sono diana e ho 20 anni ! premetto che di flamenco non so nulla! studio chitarra classica al conservatorio da un anno e poco più!! il flamenco è sempre o quasi presente nella mia mente come desiderio o forse come istinto.. dopo aver studiato il metodo classico mi verrebbe di suonare qualcosa di passionale e libero come il flamenco ma non so da dove posso iniziare..anche xk il tempo per suonare flamenco è quello che è!!ma dopo aver scoperto questo forum l occasione di chiedere non me la toglie nessuno!! perciò che libro posso comprare per iniziare? quale flamenchista posso ascoltare? sul web ci sono dei concerti che posso vedere? esiste un sito che mi può aiutare?......avrei altre mille e mille domande ma ora mi vengono solo queste! :oops: confido in un vostro aiuto..ciao ciao :bye: :bye:

giacomo

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da giacomo » mer 16 gen 2008, 06:33

Ciao,
suono la chitarra flamenca "ad orecchio" da......anta anni e ,quindi, non mi avventuro in consigli di natura tecnico-musicale che si basino su conoscenze ben precise. Ma da autodidatta ed "istintivo" del flamenco ,ti suggerisco come prima cosa di passarti in rassegna You Tube ,cercando i videos sotto la voce "flamenco" o "chitarra flamenca" o, ancora ,inserendo direttamente i nomi dei chitarristi (Paco de Lucia,Paco Cepero,Paco Pena,Sabicas,Carlos Montoya,Pepe Habichuela,Rafael Riqueni,Tomatito,Vicente Amigo,Roberto Riva,Diego del Gastor :tanto per citare i primi nomi che mi vengono in mente adesso).Mi permetto ,invece,di darti come consiglio quello relativo all'approccio con il flamenco stesso :sia che lo si esegua su conoscenze musicali e sia che lo si esegua "ad orecchio" è necessario un minimo di partecipazione emotiva -che si chiama "duende"- senza della quale non si raggiunge risultato serio alcuno.Oltre a You Tube ,puoi anche visitare "dailymotion.alice.it" seguendo gli stessi criteri di ricerca.Segui anche "www.flamenco-world.com",che offre conoscenze sul flamenco e possibilità varie anche in relazione a materiale didattico,etc.Come metodi io ne ho alcuni ,dove vi è la tablatura (non conosco la musica)ma su questo argomento altri amici del Forum che studiano con metodi musicali, potranno darti indicazioni più precise.Queste brevi righe sono un semplice benvenuto nel meraviglioso mondo della chitarra flamenca ,senza della quale io non potrei più vivere!!Un saluto e buon lavoro :okok:
Giacomo.

carlosoi

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da carlosoi » mer 16 gen 2008, 10:15

Ciao Diana benvenuta! per iniziare ti consiglio i manuali di Manuel Granados che credo siano i piu' adatti per coloro che vengono dal classico. Entra in contatto con qualcuno esperto che ti possa seguire in questa prima fase e questo dipende in quale citta' vivi. Fai un giro in rete partendo come ha suggerito Giacomo da Flamenco world, io ti posso consigliare un sito che si chiama guia telematica del flamenco. Considera che lo studio della tecnica chitarristica del flamenco richiede prima o poi una scelta definitiva tra classico e flamenco. I modi disuonare questi due generi sono molto apparentati ma al tempo stesso derivano da due approcci mentali e "fisici" completamente diversi. Non guardare il flamenco solo come un fatto chitarristico-solistico, c'e il canto e il ballo e le relative tecniche d'accompagnamento, e di solito il chitarrista flamenco in spagna si forma dapprima attraverso una lunga esperienza su questi 2 settori. Il concetto base di questa musica e' il "compas", ovvero il ciclo ritmico che contraddistingue i vari "palos" ossia i generi in cui si divide il flamenco. Le tecniche base peculiari sono rasgueos,picado, alzapua,tremolo-flamneco e piano piano le scoprirai su i metodi che ti ho consigliato e su quelli che ti consiglieranno gli altri amici del forum. Forse molte cose che ho detto gia' le sapevi, cmq di nuovo benvenuta e buon viaggio attraverso il magico mondo del flamenco!!!!
:bye: :okok: :bye: :okok:

Giaguaro

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Giaguaro » gio 17 gen 2008, 03:19

Non so come possiate pensare di suonare il flamenco ad orecchio pensando che sia qualcosa di libero.

Spesso infatti si pensa al flamenco come un qualcosa molto prossimo all'improvvissazione...niente di più sbagliato.

Meglio che ti trovi un maestro, altrimenti tutto fai...tranne che flamenco

giacomo

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da giacomo » gio 17 gen 2008, 03:48

Io non ho consigliato di suonare "ad orecchio":ho detto che "io suono ad orecchio" .Che poi ciò coincida automaticamente col "non fare flamenco" è una opinione che non costituisce una verità assoluta!
Giacomo.

diana

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da diana » gio 17 gen 2008, 11:28

grazie per i vostri consigli.. stasera mi metto subito al lavoro e alla ricerca dei siti e dei flamenchisti che mi avete consigliato!!! grazie e ci risentiamo al prossimo consiglio......

Giaguaro

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Giaguaro » gio 17 gen 2008, 12:35

giacomo ha scritto:Io non ho consigliato di suonare "ad orecchio":ho detto che "io suono ad orecchio" .Che poi ciò coincida automaticamente col "non fare flamenco" è una opinione che non costituisce una verità assoluta!
Giacomo.

opinione?
non credo proprio.
lungi da me la volontà di offenderti, ma le possibilità non possono che essere le seguenti:

1) tu sei un genio "dell'orecchio" e del compas, stile mozart, tanto che potresti suonare qualsiasi cosa ad orecchio senza conoscere nulla della musica.
2) hai un orecchio normale e ti limiti a fare pezzi del tutto elementari cercando in qualche modo di andare a compas
3) suoni arraffazzonando a destra e manca, pensando di fare flamenco, non avendo bene cognizione di cosa sia, e in realtà suoni quelle che vengono dette.... "spagnolate"


vedi tu


saluti

diana

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da diana » gio 17 gen 2008, 13:31

però...prima di esprimere certe opinioni(e io sono convinta che la tua volontà non era quella di offendere..ci mancherebbe altro) dovresti almeno avere degli elementi su cui basare ciò che dici..sarebbero plausibili i tuoi giudizi se tu lo avessi ascoltato almeno una volta e dopo questo primo ascolto le tue opinioni sarebbero fondate!!esistono tanti modi di suonare!!e di suonare bene!!magari lui ha un buon orecchio e riesce a suonare delle cose dopo averle ascoltate un pò di volte, senza il bisogno di trascriverle necessariamente su uno spartito!!magari gli basta il cd e suona quello che ascolta!!il mondo non è tutto o bianco o nero.. e soprattutto la musica non è qualcosa che nasce da un foglio ma è una necessità prima che una professione o un hobby!!è la necessità di dire qualcosa di se..attraverso un codice che non tutti gli uomini sanno decifrare!!la musica qualsiasi essa sia parte dalla testa e dall anima!!

carlosoi

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da carlosoi » gio 17 gen 2008, 13:58

scusate se m'intrometto nella discussione in atto, sono piu' che convinto che Giaguaro non volesse offendere, ma forse e' il caso di fare un po' di chiarezza sul suonare a orecchio o a spartito per quello che riguarda il flamenco. Non so come suoni Giacomo e come proceda nei s uoi studi flamenchi, ma la domanda iniziale posta da Diana riguardava come iniziare un cammino. Il flamenco da sempre in spagna si studia e s'impara a orecchio, anche se oggi come oggi le cose vanno cambiando e sono sempre di piu' i chitarristi spagnoli dotati di diploma e molto ferrati nel sapere musicale. Io credo che se non si ha la possibilita' di fare dei lunghi soggiorni in Andalusia non si possa prescindere dall'affidarsi ad un esperto almeno per i primi tempi, per quello che riguarda l'apprendimento delle tecniche peculiari ci si puo' aiutare molto con supporti didattici (metodi Tablature trascrizioni etc.) cosi' come nell'apprendimento del compas. Rimane cmq il fatto che se si ha un buon esempio amico o maestro che sia e' fondamentale esercitare il proprio orecchio sia sul profilo melodico -armonico sia e soprattutto su quello ritmico, anche perche' spesso il chitarrista di flamenco si trova in situazioni come quelle dell'accompagnamento al ballo e al canto dove non c'e' e non ci puo' essere spartito, e quello che conta e' quanto hai sviluppato il tuo orecchio, La nostra cultura musicale ci spinge e ci permette di usare supporti didattici perche' oggi esistono ed e' cosi' che siamo abituati a fare e su questo non si discute, ma niente impedisce di fare un buon flamenco "ad orecchio", se cosi' non fosse probabilmente non esisterebbe la chitarra flamenca .A patto pero' che dell'istinto e del suonare a orecchio non se ne faccia una sorta di religione. In definitiva penso che la giusta via sia nel mezzo, da un lato lo sviluppo del proprio "sentire" facendolo molto con gli altri (non dimentichiamo che il flamenco e' soprattutto musica d'insieme) dall'altro l'ausilio di tutto cio' che ci puo' aiutare a rimanere sui binari giusti.

Giaguaro

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Giaguaro » gio 17 gen 2008, 14:05

dianamarinelli ha scritto:però...prima di esprimere certe opinioni(e io sono convinta che la tua volontà non era quella di offendere..ci mancherebbe altro) dovresti almeno avere degli elementi su cui basare ciò che dici..sarebbero plausibili i tuoi giudizi se tu lo avessi ascoltato almeno una volta e dopo questo primo ascolto le tue opinioni sarebbero fondate!!esistono tanti modi di suonare!!e di suonare bene!!magari lui ha un buon orecchio e riesce a suonare delle cose dopo averle ascoltate un pò di volte, senza il bisogno di trascriverle necessariamente su uno spartito!!magari gli basta il cd e suona quello che ascolta!!il mondo non è tutto o bianco o nero.. e soprattutto la musica non è qualcosa che nasce da un foglio ma è una necessità prima che una professione o un hobby!!è la necessità di dire qualcosa di se..attraverso un codice che non tutti gli uomini sanno decifrare!!la musica qualsiasi essa sia parte dalla testa e dall anima!!
Non so come suoni Giacomo, tuttavia so la difficoltà del flamenco.
Infatti ho prospettato tutte le possibilità....
se Giacomo è uno in grado di ascoltare un notturno di Chopin 3 , 4 volte e quindi suonarlo uguale... tanto di cappello
se così non è, e ti approcci al flamenco, senza conoscere la musica, suonando ad orecchio, adoperando il "duende" come mezzo di sdoganamento............ che vuoi che ti dica?
Pertanto, a meno che anche tu non rientri nella ristrettissima sfera di "eletti" capaci di ripetere pezzi difficilissimi senza ausilio alcuno di spartiti e profonde conoscenze musicali, non credo che il consiglio di avvicinarti al flamenco attraverso i video su Youtube, sia un metodo di studio tanto valido.

Il flamenco è difficile, specialmente se moderno, come quello fatto dai nomi indicatoti dallo stesso Giacomo ( Paco de Lucia,Paco Cepero,Paco Pena,Sabicas,Carlos Montoya,Pepe Habichuela,Rafael Riqueni,Tomatito,Vicente Amigo,Roberto Riva,Diego del Gastor )
E' come se tu volessti studiare chitarra classica e anzichè consigliarti di andare al conservatorio, ti dicessero...guardati qualche video su youtube!!!! b :shock:

Giaguaro

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Giaguaro » gio 17 gen 2008, 14:26

carlosoi ha scritto:scusate se m'intrometto nella discussione in atto, sono piu' che convinto che Giaguaro non volesse offendere, ma forse e' il caso di fare un po' di chiarezza sul suonare a orecchio o a spartito per quello che riguarda il flamenco. Non so come suoni Giacomo e come proceda nei s uoi studi flamenchi, ma la domanda iniziale posta da Diana riguardava come iniziare un cammino. Il flamenco da sempre in spagna si studia e s'impara a orecchio, anche se oggi come oggi le cose vanno cambiando e sono sempre di piu' i chitarristi spagnoli dotati di diploma e molto ferrati nel sapere musicale. Io credo che se non si ha la possibilita' di fare dei lunghi soggiorni in Andalusia non si possa prescindere dall'affidarsi ad un esperto almeno per i primi tempi, per quello che riguarda l'apprendimento delle tecniche peculiari ci si puo' aiutare molto con supporti didattici (metodi Tablature trascrizioni etc.) cosi' come nell'apprendimento del compas. Rimane cmq il fatto che se si ha un buon esempio amico o maestro che sia e' fondamentale esercitare il proprio orecchio sia sul profilo melodico -armonico sia e soprattutto su quello ritmico, anche perche' spesso il chitarrista di flamenco si trova in situazioni come quelle dell'accompagnamento al ballo e al canto dove non c'e' e non ci puo' essere spartito, e quello che conta e' quanto hai sviluppato il tuo orecchio, La nostra cultura musicale ci spinge e ci permette di usare supporti didattici perche' oggi esistono ed e' cosi' che siamo abituati a fare e su questo non si discute, ma niente impedisce di fare un buon flamenco "ad orecchio", se cosi' non fosse probabilmente non esisterebbe la chitarra flamenca .A patto pero' che dell'istinto e del suonare a orecchio non se ne faccia una sorta di religione. In definitiva penso che la giusta via sia nel mezzo, da un lato lo sviluppo del proprio "sentire" facendolo molto con gli altri (non dimentichiamo che il flamenco e' soprattutto musica d'insieme) dall'altro l'ausilio di tutto cio' che ci puo' aiutare a rimanere sui binari giusti.

si Carlo, hai ragione
tuttavia quello che è il metodo di studio di chi vive in andalusia non è certo applicabile a noialtri.

Quella è gente che viene "bombardata" da quel tipo di musica in continuazione, già da bambini portano il compas senza neanche contare!!!
E comunque anche chi studia, in andalusia, la chitarra ad orecchio, non è che lo faccia da solo... viene assistito da maestri, che, pur usando un metodo diverso da quello tradizionale dei conservatori, in ogni caso impartiscono delle lezioni.
I video di Youtube, non possono certo supplire a tutto ciò.
Pertanto, noi che non viviamo in Andalusia, che non abbiamo quel supporto etnico-culturale lì presente, non possiamo che seguire un'altra strada, che è quella dello strudio "tradizionale" della musica, almeno, e soprattutto, all'inizio.

Ciò che io volevo sfatare è piuttosto quel mito che relega il flamenco ad un qualcosa di totalmente spontaneo, che sorge dal didentro, quasi fosse una magia che permette all'interprete di suonare pezzi difficilissimi pieni di pathos.
La realtà non è questa.

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 826
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Carmine Nobile » gio 17 gen 2008, 14:38

jggfyrtlitgvmbvm bv m mhfjyrfjgdcn

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 826
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Carmine Nobile » gio 17 gen 2008, 14:50

ciao a tutti sono nuovo di questo forum ma questa discussione mi interessa molto.
Cara Diana scusa se mi permetto ma, se vuoi fare qualcosa di libero passionale e istintivo,io che sono un cretino,ti consiglierei di fare all'amore con il tuo ragazzo!!!
Se invece vuoi avvicinarti e entrare nel mondo del flamenco armati di tanta pazienza e amore per quest'ARTE viva ricca e complessa; piena di stili, regole,eccezioni,sfumature, contrasti e il tuo istinto si libererà......forse.
Scusami ancora se sono stato un po brusco ma ci tengo,come giaguaro,a sfatare questi miti che relegano questa forma d'arte,che ha gia 150 anni ma che è viva piu che mai,a pura espressione estemporanea frutto di chissa quale demone.........dietro ogni gri do dietro ogni nota,dietro ogni passo di danza c'è una cultura.

E che il gusanillo del flamenco prenda anche te!!!

rovescio

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da rovescio » gio 17 gen 2008, 14:52

dianamarinelli ha scritto: il flamenco è sempre o quasi presente nella mia mente come desiderio o forse come istinto.. ...... ma non so da dove posso iniziare..ciao :bye: :bye:
Cara Diana, mi permetto anch'io di aggiungere il mio piccolo contributo di esperienza alla tua richiesta.
Tenendo buono appunto quanto ti è stato risposto in precedenza, ti consiglierei anche - se ne hai la possibilità naturalmente - di confrontarti (se non proprio andare a lezione) con un chitarrista flamenco, magari spagnolo. Sarebbe la cosa migliore, anche solo per indirizzarti, darti qualche dritta.
Tieni presente anche che nel flamenco, proprio per una sua caratteristica peculiare, non esistono regole fisse. Altrimenti non ci sarebbero state tutta una serie di innovazioni di stile: ogni flamenco ha una sua propria personale tecnica esecutoria. E questa è una forza del flamenco.

Un'altra osservazione vorrei farla sui manuali. Alcuni trattano il flamenco ma non sono proprio Flamenco. Juan Martin per esempio non lo reputo un flamenco, ascoltandolo non sento quello che invece mi fanno sentire un J.C. "Pepe" Habichuela o un Vicente Amigo o gli altri citati da Giacomo, tutti flamenchi.
Cito J.Martin perché io stesso ho iniziato con il suo manuale ed altre sue partiture. E così pure anche Juan Serrano di Mel Bay Publications. Il duende... dov'è?

Ramon Ruiz ( http://www.flamenco-london.com/ ) che è stato mio insegnante per breve tempo durante la sua altrettanto breve permanenza in Veneto, appena seppe che avevo studiato il flamenco sulle tre videocassette di J. Martin, quasi si adirò e disse che "J.Martin non è un flamenco!" ecc. ecc.
Ascoltando poi Ramon dal vivo capii perché!

spero di non averti fatto ulteriore confusione!
cmq qui come avrai visto c'è tanta gente competente, educata e disponibile.
ciao
Paolo

Giaguaro

Re: da dove posso iniziare?

Messaggio da Giaguaro » gio 17 gen 2008, 15:15

rovescio ha scritto: .....Tieni presente anche che nel flamenco, proprio per una sua caratteristica peculiare, non esistono regole fisse. Altrimenti non ci sarebbero state tutta una serie di innovazioni di stile: ogni flamenco ha una sua propria personale tecnica esecutoria. E questa è una forza del flamenco.....


ciao
Paolo


scusa, ma non sono proprio d'accordo.
E' tutta una regola, dal ritmo... all'impalcatura armonica, alla sequenza di compas e falsetas

certo ci sono spazi di manovra, tanto che è un'arte viva aperta a contaminazioni...ma se contamini troppo, esci dai binari e non è più flamenco

Torna a “4 chiacchiere flamenche”