Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

carretero

Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda carretero » ven 08 gen 2010, 01:52

Letto su ForoFlamenco.com
Allego tale e quale con "copia/incolla", e poi traduco quanto più fedelmente mi è possibile.

January 2, 2010 – The London Times – Morning Edition

The noted ethnomusicologist, Professor Enrique Calderero, professor of musicology at the University of Granada, author of "Origins of Flamenco" and "Music of Spain," has made a startling claim. He states that he has uncovered evidence that the famous flamenco guitarist Paco de Lucia is not Spanish at all, but is in fact English, passing himself off as Spanish. In an interview with the Times, Professor Calderero gave the following narrative:

"My attention was first drawn to this subject when during a lecture tour in England someone approached me after a lecture and said he had some important information about the flamenco guitarist known as Paco de Lucia. It turned out that this gentleman had gone to school with that guitarist in Liverpool, and he told me that he had been a good friend of his and that his real name was Frank Gomest. He provided some further details which I will recount here. It seems that this Frank Gomest made a modest living playing the banjo on street corners in Liverpool, where people would toss coins into his banjo case. Apparently one day a famous flamenco guitarist by the name of Sabicas heard him playing the banjo and saw some potential in the young man. After listening to this Frank Gomest play for a while, Sabicas approached him and said to him, " Hombre joven, usted toca bien, pero usted toca como usted tiene un palo arriba su c..o." Sabicas then offered to take Frank Gomest under his wing and teach him how to play flamenco guitar. Sabicas told him that no one wants to hear an Englishman named Frank Gomest play flamenco guitar, and advised him to change his name from Frank Gomest to Francisco Gomez, and to tell everyone he came from some town in Spain. "Algeciras has a nice ring to it," Sabicas said. After a year of study, Sabicas said it was time to put out his first record, but because he was still learning Sabicas actually played all the tracks. The record was a big success, and four more followed, all played by Sabicas. Finally Frank Gomest, now Francisco Gomez, put out some records of his own and started making personal appearances, being very careful – on the advice of Sabicas – to put on a fake Spanish accent when he spoke English, to convince everyone he was really Spanish. Before long, now a great virtuoso guitarist, "Francisco Gomez" became very famous. And then a terrible thing happened. Another man, who had also known Francisco Gomez when he was the Englishman Frank Gomest, threatened blackmail. It turns out that this gentleman was an aficionado of "Old School Flamenco," and he couldn't stand listening to what Gomez was playing. He sent a blackmail note to Gomez, saying "If you don't stop playing that modern stuff, I am going to expose you!” Panicked at the thought of having to play some traditional falsetas, Gomez sought the advice of Sabicas. Sabicas advised him, but in order to do so properly, Sabicas had to make a confession – he himself was not really Spanish! He was actually a country squire from Devonshire by the name of August Castleton. This conversation had been related as follows by another flamenco guitarist named Mario Escudero who was present at the meeting. According to Escudero, in his confession Sabicas said "I figured who wants to hear an English flamenco guitarist named August Castleton. So I changed my name to Agustin Castellon, and made up some cockamamie story about how I liked beans when I was a kid, and gave myself a colorful nickname of Sabicas. Then I told everyone I was born in Pamplona. And they believed it! Imagine that – in the entire history of Pamplona there have only been three flamenco guitarists, and all three were gored to death during the running of the bulls. But they fell for it, hook, line, and sinker." Escudero related that Sabicas then advised "Gomez" to change his name again to get away from the clutches of the blackmailer. He asked Gomez what was his mother's name, which was Mrs. Lucy Gomest. So Gomez changed his name to Paco de Lucia."

Professor Calderero continued his narrative, which had yet another surprise. After careful research he discovered that all of Sabicas' records had actually been played by the guitarist Mario Escudero, and then he learned an amazing fact. Though genuinely Spanish, Mario Escudero was also perpetrating a hoax, and was in fact – a woman! She was born in Alicante, had played flamenco guitar from the age of six, and her real name was Mary S. Cudero. Professor Calderero is now in the process of writing a new book entitled, "Great Hoaxes in the World of Flamenco."

January 3, 2010 – The London Times – Morning Edition
FROM THE EDITORS – A RETRACTION

We would like to apologize to our readers. We have received information that the article in yesterday's morning edition was based on a hoax. It has now come out that Professor Enrique Calderero is not Spanish, but is actually an Englishman by the name of Henry Calder. Friends and family have told the authorities that in fact he was the aficionado of "Old School Flamenco," and listening to Paco de Lucia had slowly driven him insane. He is now incarcerated in the Downtown London Asylum in a padded cell. His keepers have said that he keeps beating on the walls – for some unknown reason always in groups of twelve – and was heard to be shouting "Viva Manolo de Huelva!"

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------
2 gennaio 2010 – The London Times – Morning Edition

Il celebre Professor Enrique Calderero, professore di musicologia all'Università di Granada autore di "Origini di Flamenco" e "Musica della Spagna", ha fatto una scoperta sorprendente.
Lui afferma di aver scoperto l'evidenza che il chitarrista di flamenco Paco de Lucia non è spagnolo, bensì inglese, spacciatosi poi come spagnolo.
In un'intervista al The London Times, il Professor Calderero dà il seguente resoconto:
La mia attenzione fu attratta da questo soggetto quando durante un giro di conferenze in Inghilterra una persona mi si avvicinò dopo una conferenza dicendomi che aveva delle importanti informazioni sul chitarrista di flamenco noto come Paco de Lucia.
Risultò che questo gentiluomo era andato a scuola con quel chitarrista a Liverpool, e mi disse anche che lui era stato un buon amico di quel chitarrista e che il suo vero nome era Frank Gomest.
Lui fornì degli ulteriori dettagli che io qui narrerò.
Sembra che questo Frank Gomest viveva modestamente suonando il banjo sugli angoli della strada a Liverpool, dove le persone gli lanciavano monete nell’astuccio del suo banjo.
Apparentemente un giorno un chitarrista di flamenco famoso di nome Sabicas lo sentì suonare e sentì che quel giovane aveva delle buone doti.
Dopo averlo ascoltato suonare per un po’ di tempo, Sabicas vi si avvicinò e gli disse
", giovane!, suoni bene, però tu suoni come se avessi un palo sotto al c..o."
Sabicas si offrì poi di prendere Frank Gomest sotto la sua protezione ed insegnargli come suonare la chitarra flamenca.
Sabicas gli disse poi che nessuno avrebbe voluto sentire un inglese chiamato Frank Gomest suonare la chitarra flamenca e lo consigliò di cambiare il suo nome da Frank Gomest a Francisco Gomez, e di dire a tutti che lui era spagnolo, della città di Algeciras .
Dopo un anno di studio Sabicas disse che era ora di far uscire il suo primo disco, ma poichè Frank stava ancora imparando e non era pronto, fu realmente Sabicas a suonare tutti i pezzi dell’incisione.
Il disco fu un grande successo, e dopo ne seguirono altri quattro, tutti suonati da Sabicas. Finalmente Frank Gomest, ora Francisco Gomez, registrò personalmente dei dischi e cominciò a dare spettacoli pubblici, stando molto attento, su consiglio di Sabicas, a porsi con un accento spagnolo per convincere tutti che lui era effettivamente spagnolo.
Dopo non molto tempo, il grande chitarrista e virtuoso "Francisco Gomez" divenne molto famoso. Accadde poi una cosa terribile.
Un altro uomo, che aveva anche lui conosciuto Francisco Gomez quando era ancora l'inglese Frank Gomest, minacciò di ricattarlo.
Risulta che quest’uomo era un aficionado della "Vecchia Scuola di Flamenco" e non poteva rimanere indifferente nell’ascoltare il flamenco suonato da Gomez.
Quest’uomo spedì una lettera ricattatoria a Gomez dicendo "Se Lei non smette di suonare quella roba moderna, io La metterò in mostra!”
A questo punto Gomez fu colto dal panico al pensiero di dover smettere di suonare quello che aveva sempre suonato per suonare delle falsetas tradizionali e chiese consiglio a Sabicas.
Sabicas voleva aiutarlo, ma per fare questo lui stesso doveva fare una confessione.
Lui, Sabicas, non era realmente spagnolo! Lui era un gentiluomo di campagna, del paese di Devonshire e il suo nome era August Castleton.
Questa conversazione era stata riferita, come segue, da un altro chitarrista di flamenco chiamato Mario Escudero che era presente alla riunione.
Secondo Escudero, Sabicas disse nella sua confessione:
io pensai “…ma chi vuole sentire un chitarrista di flamenco inglese chiamato August Castleton. Quindi io cambiai il mio nome in Agustin Castellon, e dissi, facendo riferimento ad una storiella, quando mia madre cuoca raccontò che da bambino mi piacevano i fagioli, per cui ella mi mise il colorito nomignolo “Sabicas”.
Poi io dissi a tutti che io sono nato a Pamplona. E loro lo credettero!
Immaginatevi che nella storia intera di Pamplona ci sono stati solamente tre chitarristi di flamenco, e tutti i tre furono incornati a morte durante una corrida dai tori.
Ma loro ci cascarono tutti, gancio, linea, e piombino."
Escudero disse poi che Sabicas consigliò a Gomez di cambiare di nuovo il suo nome per far perdere le tracce al ricattatore.
Chiese a Gomez quale era il nome di sua madre, la quale si chiamava Sig.ra Lucy Gomest.
Quindi Gomez cambiò il suo nome in Paco de Lucia."
Il Professore Calderero continuò il suo resoconto dicendo che aveva ancora un'altra sorpresa.
Dopo una ricerca accurata ha scoperto che tutti i dischi di Sabicas erano stati suonati realmente dal chitarrista Mario Escudero, e poi lui apprese un fatto ancora più sorprendente.
In tutta sincerità, lo spagnolo Mario Escudero stava perpetrando anche una beffa, lui era in effetti
una donna!
Lei nacque ad Alicante, aveva cominciato a suonare la chitarra flamenca all'età di sei, il suo vero nome era Mary S. Cudero.
Il Professore Calderero ora è in procinto di scrivere un nuovo libro intitolato:
“Le Grandi Beffe nel Mondo del Flamenco”.

Il 3 gennaio 2010 – The London Times – Morning EditionDALLA REDAZIONE - UNA SMENTITA

Vogliamo scusarci con i nostri lettori.
Abbiamo ricevuto informazioni che l'articolo dell'edizione di ieri mattina è basato su una beffa.
Ora si è scoperto che quel Professore Enrique Calderero non è spagnolo, ma è un inglese di nome Henry Calder.
I suoi amici e i famigliari hanno riferito alle autorità che era lui quel aficionado della "Vecchia Scuola di Flamenco" che, dopo aver ascoltato Paco de Lucia, aveva cominciato a seguirlo ed insidiarlo lentamente.
Ora lui è detenuto nel carcere Londinese rinchiuso in una cella imbottita.
I custodi riferiscono che, non si sa perché, lui batte continuamente sui muri, con colpi sempre in gruppi di dodici e lo si è sentito gridare "Viva Manolo de Huelva! "

:bye:

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 807
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Carmine Nobile » ven 08 gen 2010, 12:04

óle tu y viva manolo de huelva

Avatar utente
Amerigo Rivieccio
Messaggi: 368
Iscritto il: lun 04 mag 2009, 15:40
Località: Roma

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Amerigo Rivieccio » ven 08 gen 2010, 13:50

bellissima.......
:D

DamianG

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda DamianG » ven 08 gen 2010, 15:11

ahah assurdo davvero.

Ma ancora più assurda è la smentita

Il 3 gennaio 2010 – The London Times – Morning EditionDALLA REDAZIONE - UNA SMENTITA

Vogliamo scusarci con i nostri lettori.
Abbiamo ricevuto informazioni che l'articolo dell'edizione di ieri mattina è basato su una beffa.
Ora si è scoperto che quel Professore Enrique Calderero non è spagnolo, ma è un inglese di nome Henry Calder.
I suoi amici e i famigliari hanno riferito alle autorità che era lui quel aficionado della "Vecchia Scuola di Flamenco" che, dopo aver ascoltato Paco de Lucia, aveva cominciato a seguirlo ed insidiarlo lentamente.
Ora lui è detenuto nel carcere Londinese rinchiuso in una cella imbottita.
I custodi riferiscono che, non si sa perché, lui batte continuamente sui muri, con colpi sempre in gruppi di dodici e lo si è sentito gridare "Viva Manolo de Huelva! "


Henry calder detenuto in una cella imbottita :roll:
I custodi che dicono che batta sui muri :shock:
E perchè a gruppi di 12? :|

Che bufala :lol:

carretero

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda carretero » ven 08 gen 2010, 22:04

E perchè a gruppi di 12?

Questo non l'ho capito neanche io, nelle intenzioni del "redattore" un motivo ci sarà stato ma non l'ho compreso, pur leggendo tutti gli interventi sull'argomento .
Per il Foro Flamenco sarà stato uno scherzo di Capodanno :ivresse: (invece dalle mie parti gli scherzi si fanno due volte l'anno; il 1° di Aprile e il 28 Dicembre - Santi Innocenti :smorfia: ).
Tra gli interventi degli iscritti ce ne sono alcuni particolarmente simpatici e divertenti; se a qualcuno interessa, sperando di non contravvenire a qualche regola e non venga accusato di "infedeltà aziendale" :contrat: , includo il collegamento
http://www.foroflamenco.com/tm.asp?m=12 ... =1&smode=1
:bye:

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 807
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Carmine Nobile » ven 08 gen 2010, 23:08

in 12 perchè palos come
bulerias alegrias soleà etc etc si suonano su un compas che si sviluppa su 12 tempi (detto alla spagnola) una specie di 12/8, direbbero gli accademici,con accenti in punti caratteristici.


A B C del flamenco :wink:

DamianG

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda DamianG » sab 09 gen 2010, 01:42

A B C del flamenco


ora è chiaro il peché non lo sapessi :D

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 807
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Carmine Nobile » sab 09 gen 2010, 09:33

Sia chiaro,non volevo fare il sapientino,ma spiegare la battuta,e il compàs è veramente la base del flamenco.

DamianG

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda DamianG » sab 09 gen 2010, 10:54

no nucho, ma che sapientino, ho capito lo spirito....:D
avrai capito però. dalla mia risposta che di tecnica non ne capisco un h.
Suono la classica ma non mi sono mai avvicinato al flamenco. Anzi, in passato ho visto esibizioni e concerti, ma è grazie a questo forum che sto imparando a conoscere esecutori e primi rudimenti. :)
Salut

Andrè de Trecciarò

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Andrè de Trecciarò » sab 09 gen 2010, 13:13

Cavolo,mi stava cadendo un mito!

Avatar utente
Carmine Nobile
Messaggi: 807
Iscritto il: gio 17 gen 2008, 14:01

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Carmine Nobile » sab 09 gen 2010, 14:08

Per un po' di righe ha fregato anche me!!!

flax

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda flax » lun 11 gen 2010, 09:52

Hai fregato pure me!
Ma chi le pensa ste cose?

sensei54
Messaggi: 14
Iscritto il: sab 16 ott 2010, 20:26
Località: Roma

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda sensei54 » sab 23 ott 2010, 13:39

Penso,che sia veramente di poco conto cio' che si dice di Paco de Lucia.
Quando ero ragazzino,ed ora anche da grande,ascoltavo ed ascolto le sue interpretazioni,non mi pongo il problema.
Resta,quel grandissimo virtuoso della chitarra
che puo' anche non piacere,ma le sue mani sulla chitarra,sono magia pura.....

Angelo Barricelli

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda Angelo Barricelli » sab 23 ott 2010, 21:06

senseiii,come stai? da quanto tempo
un saluto affettuoso
:)

maurizioghelli

Re: Paco de Lucia non è Spagnolo!!! (ovvero le grandi beffe)

Messaggioda maurizioghelli » mer 15 feb 2012, 18:28

Il flamenco è un genere musicale che appartiene all'umanità, come il jazz, il blues o il rock. Se ascoltate un musicista che fa jazz o musica classica, non vi porrete il problema di sapere dove sia nato. E per assurdo il flamenco è fin dall'origine aperto alle contaminazioni perchè si sviluppa su matrici culturali molto lontane, anche geograficamente, tra loro ed il fatto che molti gitani si siano poi stabiliti, divenendo stanziali, in andalusia, è rilevante storicamente, ma non autorizza a pensare che solo un gitano lo possa capire. Pensate ad un viaggio su di un carro traballante sulle strade sterrate o lastricate di un tempo e dell'impressione che vi sia un ritmo in quel sussulto che traballa tra pari e dispari, tra tre e quattro. Splendida alternanza in un divenire che quadra a dodici. E poi unitevi il senso tragico e sensuale di esistere, di amare, e di volerlo cantare, profondo. Con la rabbia e la rassegnazione di dover morire e la gioia irriverente di vivere, sopra una gabbia di cipresso sui tacchi e sulle mani. Questo e moltro altro ancora sento io quando ascolto o vedo danzare il flamenco, anche se sono nato nella pianura padana. E le mie piccole trappole di cipresso, incredibile, stupiscono anche i gitani.


Torna a “4 chiacchiere flamenche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite