Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

In questa sezione potrete trovare, le esecuzioni dei brani di Ferdinando Carulli.
Claudio Traino

Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da Claudio Traino » mar 09 feb 2010, 23:40

...anche questo non l'ho trovato nell'elenco dei pezzi del livello D03 del forum italiano. Provo a postarlo io e ringrazio chi avrà la pazienza e la cortesia di scaricarlo e magari di postare un commento, tanto più se critico nel merito dell'esecuzione...
:bye:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
antonio3010
Messaggi: 787
Iscritto il: sab 09 gen 2010, 10:51
Località: Firenze

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da antonio3010 » dom 07 mar 2010, 16:20

Non sono un insegnante e quindi non sono il più adatto a esprimere un giudizio tecnico. Comunque ci provo con alcune osservazioni:
1- Mi sembra che in alcuni momenti il basso sia troppo debole.
2- Curerei un po' di più l'articolazione e in generale gli accenti: ad esempio qualche volta l'accento cade sul secondo tempo anzichè sul primo. Non so se sia una cosa intenzionale o se dovuto alla tua interpretazione.
3- Cercherei di dare un po' più di enfasi all'interpretazione per non dare l'impressione di "scolasticità", sempre in agguato quando si suona un pezzo semplice; ci sono in questo forum dei bellissimi esempi di pezzi facili magistralmente interpretati (vedi per es. molti posti di Lucio Matarazzo)
4- Il pezzo comunque è suonato bene, si sente che ne hai un buon controllo.
Un saluto e buona chitarra!

Claudio Traino

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da Claudio Traino » dom 07 mar 2010, 22:08

Caro antonio3110,
innanzitutto ti ringrazio per avere scaricato ed ascoltato il pezzo e quindi avermi dedicato parte del tuo tempo per commentarlo. Proverò a cercare di risponderti, anche se le tue osservazioni mi sembrano corrette.
antonio3010 ha scritto: 1- Mi sembra che in alcuni momenti il basso sia troppo debole.
anche in un'altra occasione mi era stato detto che il basso era troppo debole. Riascoltando il pezzo penso che tu abbia ragione. E' probabilmente una mia lacuna tecnica, che devo cercare di colmare...
antonio3010 ha scritto:- Curerei un po' di più l'articolazione e in generale gli accenti: ad esempio qualche volta l'accento cade sul secondo tempo anzichè sul primo. Non so se sia una cosa intenzionale o se dovuto alla tua interpretazione.
Eh eh, antonio, magari riuscissi a "governare" la mia interpretazione come tu dici. Anche in questo caso si tratta di imperfezioni tecniche, non di interpretazione. Ti ringrazio per avermelo fatto notare.
antonio3010 ha scritto:- Cercherei di dare un po' più di enfasi all'interpretazione per non dare l'impressione di "scolasticità", sempre in agguato quando si suona un pezzo semplice; ci sono in questo forum dei bellissimi esempi di pezzi facili magistralmente interpretati (vedi per es. molti posti di Lucio Matarazzo)
anche in questo caso hai ragione, il pezzo è scolastico perchè, con ogni probabilità lo è il mio modo di suonare la chitarra. In questo momento sto cercando di cimentarmi (da autodidatta, purtroppo...) con il repertorio D03 del M°Delcamp (questo è, ritengo, il mio attuale livello). Ascolto sempre con molta ammirazione i pezzi che Lucio Matarazzo dedica al forum e quindi capisco cosa vuoi dire (l'ultimo di Giuliani, postato qualche giorno fa è illuminante in tal senso). Però, al di là di (evidentemente) maldestri tentativi di emulazione non riesco proprio ad andare. Quello che fa il M°Matarazzo è per me assolutamente... fuori portata. Credo che il suo modo di suonare sia per me come la velocità della luce: irraggiungibile!!!
antonio3010 ha scritto:4- Il pezzo comunque è suonato bene, si sente che ne hai un buon controllo.
Un saluto e buona chitarra!
Ti ringrazio. I tuoi commenti mi sono molto utili. Da soli è difficile rendersi conto degli errori che si compiono. L'aiuto degli altri è fondamentale ed io cerco di sfruttare al massimo la pazienza degli amici del forum per migliorarmi :okok: .
:merci: :bye:

Avatar utente
antonio3010
Messaggi: 787
Iscritto il: sab 09 gen 2010, 10:51
Località: Firenze

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da antonio3010 » lun 08 mar 2010, 22:30

Buon lavoro, secondo me un autodidatta motivato ha grandi possibilità (sarà forse perchè sono autodidatta anch'io da tanti anni, ma ho fiducia nella categoria alla quale anch'io appartengo!).
Un saluto :bye:

Alessandro Frassi

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da Alessandro Frassi » lun 08 mar 2010, 22:35

L'autodidatta corre di più, poichè si sente sempre in ritardo (anche io lo sono da anni).

Campan

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da Campan » sab 15 dic 2012, 21:02

antonio3010 ha scritto: 2- Curerei un po' di più l'articolazione e in generale gli accenti: ad esempio qualche volta l'accento cade sul secondo tempo anzichè sul primo. Non so se sia una cosa intenzionale o se dovuto alla tua interpretazione.
Ciao Antonio
sono d'accordo con le tue osservazioni puntuali su questa pur positiva esecuzione dell'amico Claudio (ciao! :D ), ma questa in particolare mi lascia perplesso: il mio maestro mi ha più volte richiamato, su ritmi analoghi, invitandomi a non accentare sul primo tempo, ma proprio sul secondo... tocco più morbido sul primo, più deciso sul secondo, mettendo in rilievo la parte 'in levare': sarebbe questo il modo più corretto per eseguire un ritmo di valzer... :roll: :?:
Caro Claudio
che 'deja vu', con questo pezzo mi hai riportato agli anni della adolescenza, molto piacevolmente :casque:
Spero di non essermi perso altre tue prove significative, farò una ricerca (queste sezioni sono troppo 'appartate' :evil: ).
Un abbraccio (e tanti auguri di buone feste :noel: )
da Campan :bye:

Avatar utente
antonio3010
Messaggi: 787
Iscritto il: sab 09 gen 2010, 10:51
Località: Firenze

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da antonio3010 » sab 15 dic 2012, 22:41

Campan ha scritto:

Ciao Antonio
sono d'accordo con le tue osservazioni puntuali su questa pur positiva esecuzione dell'amico Claudio (ciao! :D ), ma questa in particolare mi lascia perplesso: il mio maestro mi ha più volte richiamato, su ritmi analoghi, invitandomi a non accentare sul primo tempo, ma proprio sul secondo... tocco più morbido sul primo, più deciso sul secondo, mettendo in rilievo la parte 'in levare': sarebbe questo il modo più corretto per eseguire un ritmo di valzer... :roll: :?:
Ciao Pietro! In effetti il tuo maestro ha ragione (nel frattempo ho approfondito anch'io alcune questioni sul battere e levare leggendo e suonando con i miei amici mandolinisti) e, rileggendomi questo mio commento, temo di essere stato un po' troppo categorico: il concetto che volevo suggerire all'amico Claudio (e che mi rendo conto di non essere riuscito a esprimere bene! :mrgreen: ), è di cercare di dare un ritmo un po' più definito (in alcuni punti c'era qualche lievissima incertezza ritmica in questa comunque apprezzabile esecuzione).
Non essendo io un insegnante (cosa che premetto sempre quando devo dare qualche consiglio tecnico sul forum), invito implicitamente chi mi legge a prendermi "con le molle". Bene hai fatto a segnalarmi questo tuo dubbio.
Per Claudio: anch'io, da utente distratto del forum, temo di essermi perso qualcosa dei tuoi lavori più recenti: prometto che ci darò un'occhiata! :bye:

Campan

Re: Carulli, Ferdinando - op.027 Valzer in Sol Maggiore - D03

Messaggio da Campan » sab 15 dic 2012, 22:55

antonio3010 ha scritto:Ciao Pietro! In effetti il tuo maestro ha ragione (nel frattempo ho approfondito anch'io alcune questioni sul battere e levare leggendo e suonando con i miei amici mandolinisti) e, rileggendomi questo mio commento, temo di essere stato un po' troppo categorico: il concetto che volevo suggerire all'amico Claudio (e che mi rendo conto di non essere riuscito a esprimere bene! :mrgreen: ), è di cercare di dare un ritmo un po' più definito (in alcuni punti c'era qualche lievissima incertezza ritmica in questa comunque apprezzabile esecuzione).
Non essendo io un insegnante (cosa che premetto sempre quando devo dare qualche consiglio tecnico sul forum), invito implicitamente chi mi legge a prendermi "con le molle". Bene hai fatto a segnalarmi questo tuo dubbio.
Per Claudio: anch'io, da utente distratto del forum, temo di essermi perso qualcosa dei tuoi lavori più recenti: prometto che ci darò un'occhiata! :bye:
:merci: per la spiegazione! (splendido forum... :P )
:discussion: :bye:

Torna a “Audio e Video di musica di Ferdinando Carulli”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 9 ospiti