Chiarimento… sudamericano

Opinioni, commenti, informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione della chitarra sudamericana.
Avatar utente
Massimo Papini
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 25 ago 2015, 11:03
Località: Roma

Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Massimo Papini » mer 09 set 2015, 13:05

Carissimi,
mi è capitato di ascoltare recentemente dei brani intitolati 'milonga' (vedi Cardoso, Pujol ecc).
Incuriosito dalla bellezza di questi ho fatto un po di ricerca sul web per capirne le origni e le differenze con altri "generi" (a me sembravano dei tanghi), ma devo dire che ne sono uscito con le idee un po confuse.
Chiedo a voi del forum di darmi qualche delucidazione: milonga o tango? che differenza culturale o filologica c'è?
Ovvero, nell'interpretazione dei brani, che spunto prendere? (...c'è anche l'habanera :D ).

Grazie mille.

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3492
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Chiarimento ...... sudamericano

Messaggio da Gabriele Gobbo » mer 09 set 2015, 14:03

In effetti si tratta di tango, se vogliamo generalizzare. La Milonga deriverebbe secondo alcuni dall'habanera, con una sostituzione del ritmo da 6/8 a 2/4. In effetti le milonga sono costellate da tratti e cadenze in terzine. Il ceppo è quello argentino del tango, mentre l'habanera dicono sia nata a Cuba, ma è divenuta popolarissima in Spagna, e il cerchio si chiude.
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Avatar utente
Massimo Papini
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 25 ago 2015, 11:03
Località: Roma

Re: Chiarimento ...... sudamericano

Messaggio da Massimo Papini » mer 09 set 2015, 15:56

Sarebbe quindi la ramificazione di un ritmo cadenzato con provenienza dalla regione del Rio della Plata, ho capito bene? :merci:

Balaju
Messaggi: 606
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chiarimento ...... sudamericano

Messaggio da Balaju » mer 09 set 2015, 18:01

Riporto qui un'altra opinione, opinabilissima ma autorevole (anche se forse influenzata dal marcato nazionalismo latinoamericano):

"La milonga es hija del candombe y el tango hijo de la milonga" (Alfredo Zitarrosa, compositore, cantante e poeta uruguaiano)

Balaju

awana
Messaggi: 663
Iscritto il: lun 11 gen 2010, 13:20
Località: Provincia di Modena

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da awana » gio 10 set 2015, 09:05

"Milonga" era il luogo dove ci si riuniva a ballare. L'archetipo di tutto. Il luogo prese il nome dal ballo e fu di stimolo alla diffusione . Poi venne il tango.
(trasmissione Brasil - radiouno Domenica notte)
Ultima modifica di awana il ven 11 set 2015, 07:15, modificato 5 volte in totale.

Avatar utente
Massimo Papini
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 25 ago 2015, 11:03
Località: Roma

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Massimo Papini » gio 10 set 2015, 11:35

Ach...
Ora mi è tutto più chiaro!!! :okok:
Grazie mille.

Massimo

Avatar utente
Surciddu
Messaggi: 494
Iscritto il: sab 11 ott 2014, 14:42
Località: Orbassano (Torino)

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Surciddu » gio 10 set 2015, 13:49

Non sono uno storico ma, che io sappia, il tango non è nato in Argentina. Il tango è nato in Spagna.

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3492
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Gabriele Gobbo » gio 10 set 2015, 16:11

Interessante. Potresti citare la fonte di questa informazione? Ho cercato banalmente su internet con google, e tutti i siti che ho consultato riferiscono della nascita del tango a Buenos Aires, verso la fine del 1800. Può darsi che sia una falsa credenza comune, mi piacerebbe sapere su quale testo approfondire.
:bye:
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Balaju
Messaggi: 606
Iscritto il: lun 12 set 2011, 20:12

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Balaju » gio 10 set 2015, 19:11

El origen del tango

Se ha intentado reconstruir la historia del tango muchas veces, pero la verdad es que se desconoce cómo y dónde se inició. Este estilo de música es vinculado con lo negro o africano, pero es exclusivamente “porteño”, de la ciudad de Buenos Aires. Algunos escritores opinan que el tango combina varios estilos de música, por ejemplo: la coreografía de la milonga, el ritmo del candombe y la línea melódica sentimental y la fuerza emotiva de la habanera. En la ciudad de Buenos Aires, la única diversión para los habitantes consistía en circos y lugares de encuentro, ya que no existían la radio, el cilindro musical, y mucho menos la televisión. Por esta razón la música era expuesta en vivo por payadores que ni siquiera sabían leerla. Se considera que el tango comenzó a difundirse alrededor de 1880. En esos años se multiplicaron los burdeles, mayormente sustentados con mujeres inmigrantes de toda Europa: España, Francia, Italia, Alemania y Polonia, cuyos clientes eran también inmigrantes que habían abandonado a sus familias y mujeres en busca de nuevas vidas en otro continente. Pero con el paso del tiempo, el show se hacía rutinario y para no aburrir a su público, los burdeles contrataban tríos o diferentes agrupaciones de músicos, a los que se les sumaba el público, bailando. Inesperadamente, estos espectáculos fueron tan exitosos que comenzaron a hacerse más frecuentes. Se supone que así se originó el tango. Se considera que el primer compositor de tango fue un hombre llamado Juan Pérez, autor del tema “Dame la lata”, alrededor de 1880; aunque no se descarta que hayan existido anteriormente otros autores y otras canciones. Se puede mencionar que los primeros tangos fueron “Dame la lata”, “El Tero” y “Andáte a la Recoleta”. El primer país donde se bailó tango fue Cuba. En tanto, en Buenos Aires comenzaban a organizarse los primeros bailes, que se llevaban a cabo en las academias, que se supone que estaban integrados sólo por hombres. El tango nació en los Corrales Viejos, y continuó en las calles de la Gran Aldea, con el instrumento denominado “organito”. Con el tiempo se fue difundiendo y llegó al Café Tarana, conocido luego como el Café Hansen, El Kiosquito, La Glorieta, La Red y El Velódromo. A la danza se sumó la mujer, que le dio vida al baile. Se comenzaron a escuchar solos de piano, o en ocasiones acompañado por flauta y violín y otras por guitarra. En 1904, Casimiro Ain se presentó en el teatro Opera como bailarín de tango acompañado por su mujer. A partir de esto, surgieron bailarines como Ricardo Güiraldes, Florencio Parravincini y Jorge Newbery. Pero a pesar del éxito que había obtenido el tango, seguía siendo considerada música prohibida.

Fonte: http://www.elportaldeltango.com/historias/origen.htm



Balaju
Ultima modifica di Balaju il ven 11 set 2015, 21:33, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Surciddu
Messaggi: 494
Iscritto il: sab 11 ott 2014, 14:42
Località: Orbassano (Torino)

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Surciddu » ven 11 set 2015, 04:58

Non so con esattezza quale sia l'origine del tango (ho scritto sopra che non sono uno storico), anche se da qualche parte avevo letto che l'origine fosse quella spagnola.
Presto (quando sono meno impegnato) approfondiamo con piacere l'argomento.
Per il momento ho trovato questo trafiletto che riporto.

"Intorno al 1870 la payada si evolve e ad essa si unisce il ballo: è la habanera, danza spagnola diffusasi a Cuba e portata dai marinai fino alle due sponde del Rio della Plata, che si diffonde ma immediatamente si trasforma, assumendo l'andamento caratteristico e insolito di una camminata in cui l'uomo avanza e la donna indietreggia. Nasce così la milonga, e milonguear significa passare la notte alternando canto e ballo".

http://www.tango-argentino.org/storia_del_tango.html

Già che ci siamo, è bene ricordare che nel Flamenco esiste uno stile che si chiama proprio Tango e che ha origini molto più antiche del Tango Argentino. Indipendentemente dalla somiglianza più o meno associabile tra i due generi musicali, non trascurerei l'importanza dell'origine del termine, così come non trascurerei l'influenza dei colonizzatori.
Secondo me - e vado ad intuito - è probabile che le origini del Tango siano realmente spagnole, e che il Tango di tipo argentino sia nato in lì in Argentina come evoluzione di tradizioni provenienti dalla Spagna e dalla miscela con le culture locali.
Che poi, sia chiaro, per quanto mi riguarda, il Tango può essere nato anche in Mongolia.
Siamo qui per uno scambio piacevole di idee e per saperne di più.

Avatar utente
Massimo Papini
Messaggi: 78
Iscritto il: mar 25 ago 2015, 11:03
Località: Roma

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Massimo Papini » ven 11 set 2015, 09:30

Ragazzi, non vi sembra di trovarci in una di quelle situazioni in cui "La storia la scrive chi vince"? :lol: :lol: :lol:
Mi è capitato una volta di leggere una storia sulla vita di Francisco Tarrega che mi aveva quasi commosso, poi ho scoperto, approfondendo, che era un articolo romanzato lontanissimo dalla realtà. :?
Comunque fra Cuba, il Rio della Plata e l'Andalusia al momento sembra difficile tracciarne con precisione la sequenza geografico/cronologica.
Dovrò approfondire, anche se l'idea delle diverse atmosfere comincia ad emergere.

Massimo

Avatar utente
Surciddu
Messaggi: 494
Iscritto il: sab 11 ott 2014, 14:42
Località: Orbassano (Torino)

Re: Chiarimento… sudamericano

Messaggio da Surciddu » ven 11 set 2015, 10:03

Curiosa è inoltre la Storia delle origini del ballo del Tango Argentino...
Non ricordo più esattamente chi mi raccontò questa storia (né l'ho presa per verità), ma mi è stato detto che i primi a ballare il Tango Argentino sono stati dei carcerati. In pratica, il ballo sarebbe nato tra maschi. Uomini in carcere che volevano ballare, e non avendo una donna con cui fare pratica, si sarebbero messi tra loro a imbastire i primi passi.

Torna a “Chitarra sudamericana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot], lupowitz e 1 ospite