Espinha de bacalhau

Opinioni, commenti, informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione della chitarra sudamericana.
Piero
Messaggi: 105
Iscritto il: mar 16 feb 2016, 13:06

Espinha de bacalhau

Messaggioda Piero » sab 16 apr 2016, 08:40

Cari amici della musica brasiliana, ha un po di tempo che mi dedico allo studio della musica brasiliana e soprattutto i choros di Pixinguinha Ernesto Nazareth, Jacob do Bandolim, Waldyr Azevedo, Garoto, Joaquim Callado, Patápio Silva, Altamiro Carrilho, K-Ximbinho, Chiquinha Gonzaga, Anacleto de Medeiros, Luiz Americano, Irineu de Almeida ecc., sostituendo la chitarra al cavaquinho od al flauto. In questi giorni mi è ripassata tra le mani una partitura di Severino Araujo musicista , compositore , direttore d'orchestra e clarinettista brasiliano, il titolo del brano è "Espinha de bacalhau", tempo fa avevo tentato di suonarlo senza riuscirci, ho riprovato anche ora, ma inutilmente: non riesco ad eseguire correttamente a tempo le note musicale: fin quando si tratta della melodia iniziale in semicroma va bene, ma quando si passa alle biscrome non riesco a tenere il ritmo. Vedo su you tube molti esecutori suonare questo brano in maniera tranquilla e serena, anche ragazzi, e mi chiedo e vi chiedo come posso superare questo problema ed eseguire il brano alla giusta velocita . Ciao Piero.

Avatar utente
Surciddu
Messaggi: 494
Iscritto il: sab 11 ott 2014, 14:42
Località: Orbassano (Torino)

Re: Espinha de bacalhau

Messaggioda Surciddu » dom 17 apr 2016, 01:51

Ciao Piero. Ho visto la parte di cui parli ed è senza dubbio impegnativa. Se l'indicazione della velocità di tempo è il quarto, siamo circa a 80-82 (se quelle note le intendi come biscrome), oppure con il quarto a 160-165 (se quelle note le intendi invece come semicrome).
Però non sono tutte note staccate. Anzi, la maggior parte delle note sono tutte legate. Il difficile sarebbe raggiungere quella velocità con tutte note staccate, ovvero suonate una per una...
L'unico consiglio che mi viene da darti è banale, ma non conosco scorciatoie. Studiare alla perfezione il brano partendo da una velocità lentissima, ovvero di 3-4 volte inferiore alla velocità originale e alzare gradualmente la velocità. Ti conviene mettere il metronomo di modo che quelle che stai considerando biscrome siano invece crome. Parti quindi col metronomo a 80 (ad ogni click suoni due note) e vedi se riesci a portarlo fino a 220. Poi parti col metronomo a 120 (ogni clik suoni 4 note) e prova se riesci a raggiungere 160 considerando questa volta le tue note come semicrome.
Se vedi che non riesci a raggiungere la velocità originale, ti sconsiglio di passarci la vita sopra solo su quel brano. Meglio studiarlo 1 volta a settimana e aspettare che tra 1 anno o tra 5 anni ti venga.
Il tempo deve fare il suo corso. Quando pianti un seme non puoi pensare che annaffiandolo 24 ore al giorno la tua pianta possa crescere in 2 giorni... Devi dare tempo alla pianta di crescere.
Prova magari anche a scomporre la parte e a studiarla pezzo per pezzo. Concentrati sulle singole frasi o anche singole battute e portale al max della velocità che puoi. Ciao

Piero
Messaggi: 105
Iscritto il: mar 16 feb 2016, 13:06

Re: Espinha de bacalhau

Messaggioda Piero » lun 18 apr 2016, 17:48

Caro Surciddu, grazie per la pronta risposta che condivido pienamente, ma il vedere su you tube molti artisti suonare alquanto agevolmente questo brano scritto da Altamiro Carrilho per flauto, ma magistralmente eseguito anche col sassofono, col cavaquinho, con la chitarra etc.., mi mette in crisi, ma accetto volentieri il tuo consiglio di non passarci la vita a raggiungere la giusta velocità. Riesco ad eseguire abbastanza agevolmente molti choros di Pixinguinha, di K-Ximbinho, di Jacob Do Bandolim, di Waldir Azevedo, di Luciana Rabello, di Ernesto Nazareth, di Joaquim Callado , se guardi su SoundCloud Piero Impastato ho registrato alcuni brani acompagnandomi da solo, perché purtroppo quì a Cinisi (Pa) dove vivo sono in pochi a suonare uno strumento, quindi debbo arrangiarmi. Ciao e grazie per l'attenzione Piero.


Torna a “Chitarra sudamericana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 1 ospite