Ma i brasiliani, a parte Villa Lobos, non vi piacciono?

Opinioni, commenti, informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione della chitarra sudamericana.
zorker

Ma i brasiliani, a parte Villa Lobos, non vi piacciono?

Messaggioda zorker » dom 17 set 2006, 06:59

Apro un nuovo topic perchè ho notato che gran parte dei forum e dei messaggi girano sempre intorno agli stessi ( grandi) nomi: Sor, Giuliani, Tarrega, Albeniz, e così via. Nulla in contrario, si intende. Molti di voi, non io purtroppo per me, hanno certamente una formazione classica e questo spiega molte cose. Tuttavia vorrei spezzare una lancia a favore di alcuni musicisti contemporanei, magari un pò contaminati da linguaggi musicali meno colti come la bossa, il choro, ed anche il jazz (il che non guasta), che mi intrigano di brutto. Parlo di musicisti/compositori come Guinga, Marco Pereira, Egberto Gismonti, compositori come Pixinguinha ed anche esecutori terrificanti come Marcus Tardelli. Penso che paesi come il Brasile, ma analoghe considerazione valgono per molta parte dell'america latina ( chi non ama o ha amato Barrios, Ponce, Lauro o Brouwer in vita sua alzi la mano!!!) riescono ancora ad esprimere ottima musica perchè, diciamo così, fondono la tradizione colta con la freschezza e l'originalità di linguaggi ed espressioni musicali popolari. Che ne dite ragazzi?

jacopo

Messaggioda jacopo » dom 17 set 2006, 08:36

A me piace molto la musica brasiliana e ho ascoltato più volte con piacere Irio de Paula e Chelso Machado( che ho avuto il piacere di conoscere attraverso il mio maestro) , lo stile e la scuola brasiliana sonon sempre da tenere sott occhio e quando si va ad un concerto di uno di questi autori non si sa mai cosa aspettarsi ed è questo il bello!

Empedocle70

Messaggioda Empedocle70 » lun 18 set 2006, 09:07

Mi piacciono molto la musica e i chitarristi brasiliani, Baden Powell e Egberto Gismonti in testa, a seguire Joao Gilberto, Caetano Veloso e Gilberto Gil. Ma mi piace tutto il movimento tropicalista soprattutto Os Mutante e Tom Zè.

Se vi può interessare ho dei video (non ufficiali, presi da concerti trasmessi su televisione) di alcuni loro concerti su DVD, Vi dico subito che valgono la pena! :D

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggioda Giorgio Signorile » lun 18 set 2006, 09:11

Marcus Tardelli? :D :D

mpesle

Messaggioda mpesle » lun 18 set 2006, 09:43

giorgiomusica ha scritto:Marcus Tardelli? :D :D


Immagine

giano

Messaggioda giano » lun 18 set 2006, 12:08

Campioni del mondooooo !!!!!

pollastro78

Yeah

Messaggioda pollastro78 » lun 18 set 2006, 13:05

Ma certo!!!!! A me piacciono un casino le brasiliane che ci sono al carnevale....... :lol:

Sarò un pollastro per qualcosa.. no? :lol: :lol:

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6863
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggioda Giorgio Signorile » lun 18 set 2006, 17:25

Dai, però non banalizziamo soltanto l'argomento!!! faccio ammenda, sono ignorante e non conosco marcus tardelli. Però la musica tradizionale brasiliana e le sue esecuzioni, anche quelle molto popolari, è bene ascoltarle, anche se non piacciono molto, credo siano una chiave di lettura importante per eseguire al meglio il repertorio "classico" di Villa Lobos e altri. Insomma suonare un choro, una modinha, ecc senza averle ascoltate da chi le vive ogni giorno è impensabile. Ciao!

malvo

Messaggioda malvo » mar 19 set 2006, 08:27

Io ho sempre suonato la bossa nova, che, se eseguita con eleganza, non mi sembra sia inferiore a un Barrios o Villa Lobos o Lauro.

zorker

Messaggioda zorker » mer 20 set 2006, 06:47

Lo sapevo che su Marcus Tardelli qualcuno avrebbe fatto lo spiritoso !!

Trovate il disco "Unha e Carne" dove suona la musica di Guinga e vedrete che smettete di ridere.

Suona in modo impressionante. Purtroppo non è facile trovare i CD io ho solo questo. Quanto alla musica di Guinga ve la consiglio vivamente. Soprattutto per chi suona. Non è un bossanovaro, cioè non solo quello. L'unica cosa che si trova facile in Italia è un Cd (Graffiando vento)che è edito dall'EGEA insieme ad un clarinettista bravissimo che si chiama Gabriele Mirabassi. Qualcosa si trova in Brasile ma non è facilmente!

Altrimenti c'è il Mulo.....

A proposito..... quando non suona in giro per il mondo fa il dentista!!!

Avatar utente
Lucio Matarazzo
Concertista
Messaggi: 785
Iscritto il: lun 10 apr 2006, 21:54

Messaggioda Lucio Matarazzo » mer 20 set 2006, 07:59

zorker ha scritto:L'unica cosa che si trova facile in Italia è un Cd (Graffiando vento)che è edito dall'EGEA insieme ad un clarinettista bravissimo che si chiama Gabriele Mirabassi. Qualcosa si trova in Brasile ma non è facilmente!

Gabriele Mirabassi ha registrato anche un CD con Sergio Assad.
Recentemente ho avuto il piacere di conoscere Egberto Gismonti in occasione della nostra partecipazione (GQ) al Festival di Cordoba, dove abbiamo suonato un mio arrangiamento per 4 chitarre del Concierto Brasileiro che Leo Brouwer ha scritto per noi su temi di Egberto.
E' un personaggio straordinario. Pensa che doveva tenere un concerto con la chitarra a 10 corde.
Purtroppo lo strumento, imbarcato in aereo, ha preso un'altra destinazione e non è arrivato intempo per il concerto.
Egberto non si è perso d'animo ed ha tenuto il concerto suonando...il pianoforte, di cui è un grande virtuoso.
Semplicemente strabiliante!
CPS
Lucio Matarazzo

zorker

Messaggioda zorker » mer 20 set 2006, 18:55

Beh, Gismonti è proprio un grande. Vedo comunque dalla foto che gli anni passano anche a lui. Quanto a Mirabassi, più che quello con Assad che non è un granchè (allora è meglio quello su Pixinguinha !!!), ti consiglio il nuovo disco di Marco Pereira chitarrista-compositore di formazione classica di livello stellare dove partecipa con alcuni pezzi. Tra le molte perle c'è la "gismontiana" Frevo che da sola vale il costo del CD.

A proposito, il Cd si chiama Stella del Mattino sempre per l'EGEA.

Avatar utente
Lucio Matarazzo
Concertista
Messaggi: 785
Iscritto il: lun 10 apr 2006, 21:54

Messaggioda Lucio Matarazzo » mer 20 set 2006, 20:11

zorker ha scritto:Beh, Gismonti è proprio un grande. Vedo comunque dalla foto che gli anni passano anche a lui. Quanto a Mirabassi, più che quello con Assad che non è un granchè (allora è meglio quello su Pixinguinha !!!), ti consiglio il nuovo disco di Marco Pereira chitarrista-compositore di formazione classica di livello stellare dove partecipa con alcuni pezzi. Tra le molte perle c'è la "gismontiana" Frevo che da sola vale il costo del CD.

A proposito, il Cd si chiama Stella del Mattino sempre per l'EGEA.

Grazie dell'info, e solo per dire che concordo con te, il CD con Sergio non è proprio entusiasmante!
CPS

PS: Frevo è un brano che non manca mai nei nostri bis!
Lucio Matarazzo

Empedocle70

Messaggioda Empedocle70 » gio 21 set 2006, 11:27

zorker ha scritto:Recentemente ho avuto il piacere di conoscere Egberto Gismonti in occasione della nostra partecipazione (GQ) al Festival di Cordoba, dove abbiamo suonato un mio arrangiamento per 4 chitarre del Concierto Brasileiro che Leo Brouwer ha scritto per noi su temi di Egberto.
E' un personaggio straordinario. Pensa che doveva tenere un concerto con la chitarra a 10 corde.
Purtroppo lo strumento, imbarcato in aereo, ha preso un'altra destinazione e non è arrivato intempo per il concerto.
Egberto non si è perso d'animo ed ha tenuto il concerto suonando...il pianoforte, di cui è un grande virtuoso.
Semplicemente strabiliante!
CPS


He he, povero Gismonti è proprio sfortunato! Nel 1989 doveva tenere un concerto a Mestre ma ... gli rubarono la chitarra all'aereoporto! E fece un concerto solo di pianoforte! Sigh!

frankiecat

Messaggioda frankiecat » gio 21 set 2006, 22:26

jacopo ha scritto:A me piace molto la musica brasiliana e ho ascoltato più volte con piacere Irio de Paula e Chelso Machado( che ho avuto il piacere di conoscere attraverso il mio maestro) , lo stile e la scuola brasiliana sonon sempre da tenere sott occhio e quando si va ad un concerto di uno di questi autori non si sa mai cosa aspettarsi ed è questo il bello!


Piace molto anche a me Irio De Paula, che ascolto molto. Trovo che le sue esecuzioni in concerto di pezzi come O que sarà e di Samba Em Preludio, sempre per chitarra sola e con arrangiamenti davvero brillanti, siano una vera chicca per i chitarristi amanti del Brasile.
Qualcuno sa percaso se è mai stata pubblicata qualche trascrizione di questo grande interprete?


Torna a “Chitarra sudamericana”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: awana, CommonCrawl [Bot] e 8 ospiti