Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Nemo

Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da Nemo » mer 10 apr 2013, 17:22

Buongiorno, è il primo video che posto e non ho la minima idea di come si faccia a introdurre.
Quindi.
Va beh, scelta originalissima e innovativa, Làgrima di Tàrrega.
La qualità della registrazione non è altissima, ma è comunque decente.
E niente. Sarei molto contenta di ricevere critiche (costruttive, possibilmente) e consigli.

https://www.youtube.com/watch?v=o8suoduG_70

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6892
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da Giorgio Signorile » gio 11 apr 2013, 08:44

Non preoccuparti della scelta, è un bel brano, significativo, ed offre spunti di riflessione interpretativa interessanti.
Io credo che interpretare un pezzo significhi senza dubbio metterci del nostro, renderlo personale e in grado di regalare uno sguardo nel nostro "intimo" a chi ascolta. E' importante, ed è ciò che alla fine resta nelle orecchie e possibilmente nel cuore. Ma senza mai andare oltre, cioè in qualche modo cambiare lo spartito nella sua scrittura, nella sua ritmica. Sovente in Lagrima l'esecutore si spinge oltre quest'idea, dando versioni "strappalacrime" :D approfittando di una melodia così densa e appassionata...è un pò ciò che sento nel tuo suonare, la linea melodica, soprattutto nella prima sezione, è sovente spezzata ritmicamente da cambi di velocità esagerati, che non aiutano a seguire il senso della frase, anzi. Ascoltati attentamente e prova a cantare la melodia sulla tua esecuzione: in quella musica c'è già scritto tutto, la dolcezza è dentro alle note e alla loro successione, non bisogna aggiungere troppa tensione, c'è il rischio di snaturare il senso del pezzo e renderlo anzichè un pezzo di meraviglioso cioccolato Lindt un bastoncino di zucchero filato :oops: Meglio lavorare sul colore del suono, con un tocco più scuro, la mano più sulla buca e giocare nelle ripetizioni con i contrasti di timbro più che con i tira-molla ritmici. Nella seconda sezione osserva lo spartito e prova a capire dove c'è melodia e dove c'è accompagnamento: l'inizio è bello melodico vero? evidenzialo ma i bicordi successivi non offrono nulla di particolare, tienili più "sotterranei", così il ritorno della successiva melodia sarà più evidente.
In genere l'interpretazione in questa Musica così piena di sentimento già di suo è da valutare sempre in modo equilibrato e piuttosto sobrio: dentro al pezzo c'è già un mondo di emozione e aggiungerne altra può diventare eccessivo: suonate lo spartito come scritto e lavorate sempre sul colore più, come dicevo sopra, che sul "tira-molla" :D
Dimenticavo....a parte questa trombonata da vecchio insegnante :sage: tecnicamente tutto scorre piuttosto bene :bravo: :bye:

Nemo

Re: Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da Nemo » gio 11 apr 2013, 17:29

La ringrazio moltissimo per l’attenzione e per i consigli.
In effetti i cambiamenti del colore erano nelle mie intenzioni, ma non sono usciti bene… Cioè avevo in mente di andare più sul dolce nei ritornelli della prima sezione e più sui secchi in quelli della seconda, ma effettivamente non si nota tanto la differenza. Quindi ha perfettamente ragione.
E ha perfettamente ragione anche sui bicordi della seconda sezione, suonarli più piano è realmente meglio.
Sulla questione dell’interpretazione della prima sezione sono relativamente d’accordo. Cioè, sono d’accordo con lei riguardo al ritornello, perché lì ho proprio esagerato, cambiando il tempo in modo un po’ sconsiderato. Però la prima volta mi è sembrato un po’ meno “sopra le righe”. Non so se mi spiego. È un po’ “strappalacrime”, è vero, ma non mi sembra che snaturi lo spartito (a differenza del ritornello, che, ripeto, è esagerato).
Però sono contenta che tecnicamente vada abbastanza bene, perché quello è proprio il punto di partenza da cui, eventualmente, si può (o non si può, se tecnicamente non ci siamo) lavorare.
La ringrazio di nuovo.

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6892
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Re: Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da Giorgio Signorile » ven 12 apr 2013, 08:05

Ti consiglio di rivedere il pezzo a metronomo, pulito e a tempo preciso, per poter correttamente rimettere in gioco il fraseggio, le dinamiche e tutto ciò che concerne la successiva interpretazione. Come fosse una lavagna da riscrivere. E non ascoltare troppo le interpretazioni altrui che rappresentano sovente più gli esecutori che il compositore :D :bye:

DamianG

Re: Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da DamianG » ven 12 apr 2013, 16:16

E' vero, non preoccuparti per la scelta del pezzo...l'importante è cominciare a registrare qualcosa, il voler suonare e Lagrima di Tarrega è una delle più belle piccole gemme, forse anche per questo uno dei più scelti...
e poi c'è un'intera sezione del forum dedicata alle registrazioni su Tarrega :D
saluti :)

Milonga del Ángel
Messaggi: 648
Iscritto il: gio 13 ott 2011, 23:14
Località: Cremona

Re: Tárrega, Francisco - Lágrima - D05 Video

Messaggio da Milonga del Ángel » dom 14 apr 2013, 11:06

Sei stata molto brava, la maggior parte del lavoro l'hai fatta, le cose da rivedere ci sono ma la strada è in discesa.
Una cosa, meglio studiare a tempo, poi il tempo lo si può dilatare o restringere in più punti ma deve essere giustificato da un disegno musicale, contestualizzato. Certo con Tarrega non è facile.
La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi[...]
- José Saramago -

Torna a “Audio e Video di musica di Francisco Tárrega”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: CommonCrawl [Bot] e 7 ospiti