Tárrega, Francisco - Capricho Árabe, Serenata - D08

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Tárrega, Francisco - Capricho Árabe, Serenata - D08

Messaggio da Giorgio Signorile » ven 24 nov 2006, 11:18

E' capitata una cosa strana, stavo ripassando Capriccio Arabo (ogni tanto lo faccio con certi pezzi, tanto per non dimenticarne i passaggi importanti) e ho letto un post di Pier luigi dove dice che l'avrebbe ascoltato volentieri. Ecco una mia idea, ci sono delle cose che avrebbero suonato meglio con più studio ma ho colto l'occasione della sua richiesta ed ecco qua.
p.s. ho dovuto fare un taglio, anche se non ricordo più dove, perchè mi è suonato il cell e pareva brutto lasciarlo
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

pollastro78

Messaggio da pollastro78 » ven 24 nov 2006, 12:31

Non impazzisco per questo brano.. ma è suonato perfettamente...
Non ti si può dire nulla!!!

E' perfetto!!! Mi sembra di ascoltare un cd!!!

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggio da Giorgio Signorile » ven 24 nov 2006, 12:36

Bè non esageriamo, ci sono parecchi difetti in giro. Tu non impazzisci per questo brano...e neanch'io devo dirti, mi piace però ogni tanto lavorare sul repertorio "tradizionale", lo faccio come training mentale, cerco di farmelo piacere e pensare al suono e all'interpretazione più che al brano stesso. Comunque è un caposaldo che bisogna studiare, siamo chitarristi no?
Ciao e grazie!!

lopez

Messaggio da lopez » ven 24 nov 2006, 12:47

...e come diresti tu: "Urca" :applauso: :applauso:
Premesso che non sarei in grado di suonarlo e quindi le mie considerazioni sono solo "impressioni musicali soggettive"...
Cosa mi è piaciuto: il suono, le note curate una per una , il fatto che l'idea che hai di questo pezzo esce molto chiaramente.
Cosa mi è piaciuto meno: la velocità. Mentre la ascoltavo mi veniva voglia di tirare il cursore di wmp per farla andare un pò più svelta :lol:

Con ammirazione (e un pò di invidia :oops: )

ciao :wink:

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggio da Giorgio Signorile » ven 24 nov 2006, 12:56

Grazie di avermi dato la tua idea: adesso me lo ascolto nelle cuffiette mentre vado a scuola, magari piace anche a me più veloce, vedremo, ciao!

pollastro78

Messaggio da pollastro78 » ven 24 nov 2006, 13:02

Perchè più veloce?
Ho ascoltato vari maestri suonare questo brano.. e la velocità mi sembra adatta!!!

Velocizzandola si impoverisce... L'unica cosa che può valorizzare questo pezzo è l'espressività...

Io non la cambierei... Giorgio l'ha fatta come ho sentito farla da tutti i grandi maestri... Direi che questo brano non ha avuto grandi innovazioni interpretative...

E' un pezzo fine a se stesso... Ho la sensazione che Tarrega abbia voluto per forza a tutti i costi usare questo retrogusto mediorientale... Ecco perchè non mi fà impazzire.....

Magic Guitar

Messaggio da Magic Guitar » sab 25 nov 2006, 00:00

Grande Giorgio. Non ti smentisci mai.

Io non la farei più veloce. Pensate ai passi del cammello scanditi dal gioco dei bassi.....

magic guitar

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggio da Giorgio Signorile » sab 25 nov 2006, 10:17

Bella l'idea dei passi del cammello scanditi dai bassi, è un'osservazione che aiuta l'interpretazione, proprio non ci avevo pensato! Però, e mi riferisco a Pollastro, non essere così drastico nel giudicare questo pezzo, ha un suo senso, una sua storia, diciamo che inquadrato nel contesto della musica di Tarrega ci sta benissimo: Recuerdos, Capriccio e altri brani BISOGNA studiarli prima o poi...fanno parte della chitarra!

pollastro78

Messaggio da pollastro78 » sab 25 nov 2006, 10:51

giorgiomusica ha scritto:Bella l'idea dei passi del cammello scanditi dai bassi, è un'osservazione che aiuta l'interpretazione, proprio non ci avevo pensato! Però, e mi riferisco a Pollastro, non essere così drastico nel giudicare questo pezzo, ha un suo senso, una sua storia, diciamo che inquadrato nel contesto della musica di Tarrega ci sta benissimo: Recuerdos, Capriccio e altri brani BISOGNA studiarli prima o poi...fanno parte della chitarra!
Sai cos'è Giorgio? Su questo genere di pezzi.. non suono bene.. perchè sono saturo... Li ho sentiti troppo... Sono nel repertorio di tutti!!!
Probabilmente devo ignorarli e disprezzarli (in senso buono) per qualche anno per poterli rivisitare...
Vedrai che prima o poi.... :D

Anche la Catedral, Recuerdos, Asturias... questi pezzi mi mettono angoscia ormai...
Sono fatto cosi... Non capisco quelli che giocano a Tetris..... :lol:

Pier

capriccio arabo

Messaggio da Pier » sab 25 nov 2006, 11:59

Caro Giorgio sono Pier e ti ringrazio e ti applaudo per questa tua bella interpretazione. Io sono un romanticone e la musica di Tarrega mi piace molto. Bravissimo l'hai suonata col cuore.
Ultima modifica di Pier il mer 19 mar 2008, 22:17, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggio da Giorgio Signorile » sab 25 nov 2006, 12:36

Grazie Pier! qua siamo tutti romanticoni....... :D :D

Avatar utente
Domenico D'Antuono
Messaggi: 516
Iscritto il: gio 01 giu 2006, 21:44
Località: Ravenna

Messaggio da Domenico D'Antuono » mer 20 dic 2006, 11:15

Wow! E' un pò di tempo che non ho tempo (!) di bazzicare sul forum e mi ero perso questa tua bella capricciata. Spesso sento dire che questo brano non è il preferito, a invece è sempre piaciuto moltissimo e lo suono quando sono particolarmente rilassato (quindi praticamente mai...). Tu come al solito lo suoni alla grande e devo dire che, d'accordo con Pollastro, la velocità non gli giova affatto, anzi alcuni passaggi secondo me richiedono ancora più respiro. Comunque Giorgio sei sempre un grande. Grazie!!
Domenico

gaetano88

Messaggio da gaetano88 » dom 25 feb 2007, 18:03

bravo giorgio, non c'è che dire anche se mi aspettavo un po di più da come parlavi sulla mia sezione del forum.ciao e ancora complimenti!

Avatar utente
Giorgio Signorile
Professore
Messaggi: 6929
Iscritto il: mer 12 ott 2005, 17:08
Località: cuneo

Messaggio da Giorgio Signorile » dom 25 feb 2007, 18:31

Grazie, ma mai aspettarsi troppo dagli altri, si rischia di essere delusi, meglio darci dentro di proprio. ciao!

gaetano88

Messaggio da gaetano88 » dom 25 feb 2007, 18:54

proprio così giorgio hai assolutamente ragione, è meglio pretendere di più da noi stessi che dagli altri!

Torna a “Audio e Video di musica di Francisco Tárrega”