Problema amplificazione con piezo

Sistema per elettrica, amplificazioni per chitarre classiche, mixer e problemi relativi , ecc.
filosio
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 19 set 2017, 12:02

Problema amplificazione con piezo

Messaggio da filosio » gio 21 set 2017, 18:45

Buonasera a tutti, spero possiate darmi qualche suggerimento ad un problema che non riesco a risolvere. Possiedo una chitarra classica J. Perez P-660 cut away che comprai in un negozio di Roma nel 2000/2001. La chitarra è stata acquistata nuova già amplificata tramite piezo ed equalizzatore a 3 bande della L.R. Baggs. Il piezo funge anche da osso, ovvero è tutto un pezzo unico sul quale battono le corde prima di essere annodate nell'apposita sezione. Il problema che riscontro è dovuto alla differenza di intensità del sol rispetto a tutte le altre corde. Anche giocando sull'equalizzatore, abbassando i livelli dei medi (il sol su alti e bassi incide evidentemente con poche armoniche) ho un piccolo beneficio dal punto di vista del bilanciamento complessivo, ma oltre a non risolvere completamente il problema, toglie colore anche al suono delle altre corde. Il problema maggiore è pertanto sulla corda sol suonata a vuoto ma anche suonata sul primo o secondo tasto anche se l'effetto diminuisce man mano che si avanza sul manico. Suonando il sol sul 5°tasto della corda di re il problema non si verifica.
Da quanto so, L.R.Baggs produce apparecchi di range medio alto, e da quanto ricordi è un problema che ho da diverso tempo (probabilmente da quando la acquistai), quindi non da imputarsi a degradamento di qualche componente elettronico nel tempo.
Per quanto riguarda le corde utilizzo da diversi anni delle La Bella 413P (Flat wound) che cambio un paio di volte l'anno.
Idee?

grazie in anticipi per ogni gradito consiglio
ciao
F

Avatar utente
Giacomo Spano
Messaggi: 216
Iscritto il: gio 05 set 2013, 21:32
Località: Tempio Pausania (OT)

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da Giacomo Spano » ven 22 set 2017, 15:29

Non voglio mettere in dubbio la conoscenza del tuo strumento ma sei proprio sicuro che il piezo sia tutt’uno con l’osso e non sia invece una striscia sottilissima tra osso e legno del ponte? Scusami se faccio la domanda ma è il classico caso di un piezo posizionato male o non perfettamente aderente alla superficie dell’osso. Cosa che determina una trasmissione non omogenea delle vibrazioni delle corde al trasduttore e causando quindi un diverso volume di uscita. Nel caso contrario è probabile che il ponticello fosse difettoso dall’acquisto... le corde che usi non sono particolarmente potenti sui bassi, anzi si spengono abbastanza presto e forse aumentano ancor di più l sensazione di sbilanciamento sonoro. Potresto provare modelli diversi e con tensione non troppo alta in modo che la pressione della 3 corda sia inferiore e quindi meno presente...

Avatar utente
Giacomo Spano
Messaggi: 216
Iscritto il: gio 05 set 2013, 21:32
Località: Tempio Pausania (OT)

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da Giacomo Spano » ven 22 set 2017, 15:29

Y

filosio
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 19 set 2017, 12:02

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da filosio » ven 22 set 2017, 16:23

Ciao Giacomo, intanto ti ringrazio per la risposta.
Il piezo in questione credo sia andato fuori produzione per la classica ma ce n'è ancora una versione per chitarra acustica (il modello della L.R. Baggs si chiama LB6). Di seguito sono riuscito a trovare una foto di quello che era stato pensato per la classica (modello LBC).. Immagine


Questa invece una foto dell'istallazione del modello per acustica


Immagine

No so se possa dipendere anche da un eventuale smussatura dell'osso che francamente non ho mai effettuato avendo lasciato l'osso nella sua forma originale.
Mi sono scordato di scrivere che ovviamente tutto il pezzo si incastra perfettamente in una apposita scanalatura del ponticello e in pratica non ha modo di muoversi (non ha alcun gioco). Spero di essere stato più chiaro

Avatar utente
Giacomo Spano
Messaggi: 216
Iscritto il: gio 05 set 2013, 21:32
Località: Tempio Pausania (OT)

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da Giacomo Spano » dom 24 set 2017, 08:04

Chiarissimo. come detto prima, credo che sia un difetto del pickup o molto probabilmente una installazione errata fatta direttamente dal costruttore delle chitarre: mi sembra di aver capito che il modello per la classica del LB86 viene prodotto più lungo per poi essere tagliato su misura in base alle dimensioni del ponticello.

Potresti provare a spiegare il problema direttamente all'assistenza della LR Baggs (tech@lrbaggs.com)

filosio
Messaggi: 7
Iscritto il: mar 19 set 2017, 12:02

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da filosio » dom 01 ott 2017, 15:44

Riporto un aggiornamento al problema : allora ho cambiato corde montando le D'ADDARIO EJ45FF Pro-Arté Carbon Normal Tension. Prima di montarle ho smussato un pò l'osso nella parte in cui le corde vanno ad annodarsi al ponticello cercando di dare un pò più di cuspide all'osso riducendo la superficie su cui incide la corda. Spulciando sul web avevo trovato un piccolo manuale sul piezo LrBaggs in cui dava questa indicazione per l'utilizzo con corde di nylon ). Il fenomeno si è ridotto sensibilmente fino quasi a non percepirlo più. Credo sia anche dipeso dal volume generale delle altre corde in particolare quelle delle frequenza più basse che ora sono più presenti rispetto alle La bella che erano montate precedentemente.
Per ora il suono è molto più equilibrato e piacevole all'ascolto. Sembra un'altra chitarra! :D :D
Grazie per il tuo contributo!
F

Avatar utente
Giacomo Spano
Messaggi: 216
Iscritto il: gio 05 set 2013, 21:32
Località: Tempio Pausania (OT)

Re: Problema amplificazione con piezo

Messaggio da Giacomo Spano » dom 01 ott 2017, 19:52

:okok: :okok: :okok:

se poi vuoi anche un po' di presenza in più sulle frequenze medio alte puoi provare le new cristal o new cristal cantiga della savarez sempre tensione normale...

Torna a “Elettronica per la chitarra”