Analisi armonica brani musicali

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Davide Pirillo » mar 05 set 2017, 12:42

Al netto di una competenza limitata in materia :oops: Ho notato con molta minore frequenza nel "classico" che non nel jazz l'analisi di brani sotto l'aspetto dell'analisi armonica.
Invece avviene il contrario nel "classico" in materia di ricerca di maggiore accuratezza, pulizia, timbro e ricerca della correttezza dell'aspetto tecnico ed espressivo.
Vai su uno dei tanti siti internet di musica jazz ......http://www.jazzitalia.net/lezioni.asp e si trovano una infinità di analisi armoniche di standards che spiegano perchè e come si succedono determinate soluzioni armoniche e loro variazioni e/o sostituzioni ..... genialità ed originalità o standardizzazione di schemi.
Mi chiedo , e soprattutto lo chiedo a voi, perchè, a parte alcune esigenze di chiarimenti in termini di teoria e/o solfeggio nel "classico", se ciò avviene, non è così evidente, a parte il richiamo a testi specifici di armonia, anche se comprendere una struttura di un brano la trovo decisamente interessante.
Vi ringrazio :okok:
Davide
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 180
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Marco Leonardi » mar 05 set 2017, 17:21

Ciao Davide, concordo con te che è interessante comprendere la struttura armonica di un brano. Effettivamente anche io ho notato che nel jazz questo approccio è molto comune e se ne parla continuamente, mentre nella musica classica un pó meno, in particolare in ambito amatoriale. Questo è dovuto al fatto che l'improvvisazione del jazz preveda una conoscenza dell'armonia che permette di scegliere le scale da utilizzare sopra i diversi modelli armonici. Improvvisazione che riguarda anche la sostituzione degli accordi , o modifica degli stessi eliminando la fondamentale che suona il basso (ex comping). Nella musica classica è inutile dire che è importantissimo sapere su che progressione armonica si sta suonando, e come l'armonia evolve nel corso della storia della musica, e nella storia stessa del brano, ma dovendoci attenere alla partitura, a livello amatoriale, è meno sentita l'esigenza della conoscenza in se. È interessante peró fare un esperimento per provare quanto l'improvvisazione possa essere interessante anche nella classica: prova a registrarti su un brano di classica semplice magari del barocco, poi manda la registrazione in loop e prova a suonarci sopra improvvisando, vedrai che il tuo orecchio musicale ti guiderà e alla fine sará molto bello scoprire quanto la distanza tra i due generi non sia poi cosí elevata. Si potrebbe discutere a lungo di armonia alla quale non si da mai abbastanza valore in ambito amatoriale, prediligendo forse un pó troppo l'immediatezza musicale della melodia.
Ciao
Marco
"Essere dipendenti vuol dire essere poveri, essere indipendenti vuol dire accettare di non arricchirsi" - Serge Latouche

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Davide Pirillo » mar 05 set 2017, 21:00

Marco, è un approccio che condivido
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Avatar utente
Filippo De Bellis
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 273
Iscritto il: mer 20 gen 2010, 20:25
Località: Caluso - Torino

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Filippo De Bellis » gio 07 set 2017, 09:52

Sarebbe utile lo studio della evoluzione musicale, con i vari modelli che si sono succeduti nel tempo a partire dalla musica antica, medievale, rinascimentale, barocco, classico, romantico, moderna...?

Ci sono dei testi, o magari siti internet con esempi, a riguardo?

Filippo

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 180
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Marco Leonardi » ven 08 set 2017, 06:23

Ciao Filippo,
alcuni testi scritti per la chitarra classica:

Melody & Harmony For Guitars - John Duarte
Il musicista chitarrista - Raimondo Di Sandro
Jazz and the Classical Guitar - Ken Hatfield

il primo testo risponde in parte alla tua richiesta relativa all'evoluzione musicale sia dal punto di vista melodico che armonico.

Non cito perchè immagino già tu li conosca i classici testi di armonia in uso presso i conservatori (ex. La Motte, Piston, Schönberg, etc.). In effetti si dovrebbe partire da questi testi e poi scendere nello specifico della chitarra. Tra tutti ho trovato molto utile il testo di Schönberg tra i quali spicca: "Funzioni strutturali dell'armonia". C'è infine un libricino che risponde al volo alle domande base: "La grammatica della musica" di O. Károli.

Scusa se sono andato oltre alla tua specifica richiesta ma credo ci siano altri interessati e quindi ho approfittato.

Ciao
Marco
"Essere dipendenti vuol dire essere poveri, essere indipendenti vuol dire accettare di non arricchirsi" - Serge Latouche

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Davide Pirillo » mar 12 set 2017, 13:10

Marco Leonardi ha scritto:
ven 08 set 2017, 06:23
Ciao Filippo,
alcuni testi scritti per la chitarra classica:

Melody & Harmony For Guitars - John Duarte
Il musicista chitarrista - Raimondo Di Sandro
Jazz and the Classical Guitar - Ken Hatfield
gRAZIE :okok:
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Giampiero Carella
Professore
Messaggi: 514
Iscritto il: dom 06 lug 2008, 19:52
Località: Cadorago (Como)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Giampiero Carella » mar 12 set 2017, 18:59

Caro Davide hai pienamente ragione, l'analisi armonica è fondamentale, purtroppo, mi spiace dirlo, ma i chitarristi classici, nella stragrande maggioranza, non hanno grandi competenze armoniche,spesso si limitano alla sola analisi formale, speriamo nelle nuove generazioni! :casque:

Avatar utente
Davide Pirillo
Messaggi: 326
Iscritto il: mar 16 lug 2013, 12:21
Località: Rozzano (MI)

Re: Analisi armonica brani musicali

Messaggio da Davide Pirillo » dom 14 gen 2018, 02:17

Gira gira ...... se qualcuno è interessato ...... nel forum Delcamp inglese vi è uno spazio ad hoc per questo argomento con analisi armonica dei brani ...... non molto ma comunque interessante
http://www.classicalguitardelcamp.com/v ... .php?f=128
Nullum Magnum Ingenium Mixtura Dementia
Non c'è mai grande ingegno senza una vena di pazzia

Torna a “Tecnica e interpretazione”