D05 Lezione di chitarra classica 07

Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Jean-François Delcamp
Amministrator
Messaggi: 4447
Iscritto il: dom 30 mag 2004, 20:49
Località: Brest, Francia

D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Jean-François Delcamp » mer 07 mar 2018, 08:49

Buongiorno a tutti,
per favore assicuratevi di aver scaricato l'ultima versione del volume D05.
Se siete nuovi, leggete questo messaggio per prendere conoscenza delle condizioni per partecipare ai corsi.
Leggete parimenti il messaggio del primo corso, vi troverete consigli sull'impiego del tempo e le metodiche di lavoro che io vi raccomando.




Ora ci accingiamo a lavorare su uno studio:
- Pag. 156, 157 Mangoré Agustín Barrios (1885-1944) Estudio del ligado
Impegnatevi per ottenere un volume uguale quale che sia il modo di produzione della nota, cioè che la nota sia prodotta pizzicando, martellando ( legato ascendente, hammer on) o strappando (legato discendente, pull off). Di queste tre modalità di produzione del suono è la nota prodotta martellando, che richiede la maggior energia. In un primo tempo accentuate con forza le note battute, mentre suonerete con dolcezza le note pizzicate e tirate.




Oggi vediamo 5 pezzi.
- Pag. 5 Mudarra Alonso (1510-1580) Gallarda
Vi raccomando di staccare leggermente i tempi 2 e 3 e poi di suonare con pienezza il tempo 1, questo allo scopo di ben evidenziare gli appoggi sui primi tempi, cioè tutte le minime puntate.
Questa danza si conclude con emiolie alle misure 22 e 23. Nelle misure 22 e 23 i punti di appoggio cambiano, si collocano su tutte le minime.



- Pag. 34 Gaspar Sanz (1640-1710) Pavanas Por La D, Con Partidas Al Aire Español
All'epoca di Gaspar Sanz, i chitarristi europei segnano gli accordi con un sistema in cui le lettere dell'alfabeto simboleggiano le posizioni delle dita sul manico della chitarra. Queste posizioni delle dita servono a produrre gli accordi usuali. Questo sistema è chiamato "alfabeto italiano" : http://www.guitareclassiquedelcamp.com/ ... liano.html . In questo sistema, l'accordo di La minore è rappresentato dalla lettera D. Da qui il titolo di queste pavane in La minore.'
Alla misura 16 noterete la presenza di una doppia croce o # al di sopra del pentagramma. Questo simbolo indica all'interprete che deve far vibrare la nota o le note che si trovano sotto questo simbolo.
Nell'ultima parte, Gaspar Sanz utilizza in abbondanza i campanelli, per dare un effetto di risonanza lunga alle note delle scale, un po' ad imitazione dell'arpa. Ho indicato una diteggiatura che consenta di riprodurre questo effetto di arpa nelle scale.




- Pag. 82 Napoleon Coste (1806-1883) Studio 1 opus 38
Mentre il basso è sempre presente sui tempi forti, la voce acuta si colloca sulle parti deboli dei tempi. Lavorate sui membri delle frasi, ogni membro di frase inizia con un levare sul secondo tempo e termina sul primo tempo. La "carrure" di questo studio è di 4 misure. Napoléon Coste rompe la carrure fra le misure 24 e 30, poi alla fine dalla 38 alla 43.



- Pag. 89 Francisco Tárrega (1852-1909) Lagrima
Qui siamo di fronte ad un capolavoro del repertorio della chitarra classica. Questo preludio in tonalità di Mi, suona meravigliosamente bene. Tàrrega, come sempre, utilizza splendidamente le possibilità della chitarra. La sola difficoltà tecnica seria riguarda le misure 5 e 6. In queste misure, i barré richiedono una forza muscolare lunga da acquisire, io suggerisco anche una seconda diteggiatura senza barré, meno complicata. Fate risaltare la melodia alla voce superiore pizzicando più forte, o appoggiando, la prima corda. Misura 9, l'appoggiatura breve (la piccola nota) si produce facendo rapidamente scorrere ( glissando) il secondo dito dal Sol al Do. Questo Do della piccola nota è seguito, subito dopo, dallo stesso Do, suonato in pizzicato o appoggiato, come vi mostro nel piccolo video seguente.




Julio Sagreras (1879-1942) Lecciones III n ° 6
Per ottenere un suono uguale nelle legature triple, bisogna concentrarsi sul legato ascendente, che richiede energia e concentrazione, il legato tirato successivo è facile da fare. Lavorate lentamente queste legature, accentuando il volume delle note prodotte dai legati ascendenti, come vi mostro nel piccolo estratto video che segue.






Vi chiedo prima di lavorare su questi esercizi e arie per una settimana e quindi pubblicare sul forum le vostre registrazioni:
- Pag. 89 Francisco Tàrrega (1852-1909) Làgrima
Julio Sagreras (1879-1942) Leccione III n°6

Forza e coraggio!

Vorrei ringraziare Paola che ha offerto il suo aiuto per la traduzione in italiano dei miei corsi.

Jean-François
:( + ♫ = :)


Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » dom 11 mar 2018, 10:35

Cari amici vi invio il mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 276
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Marco Leonardi » dom 11 mar 2018, 19:12

Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il ilb mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
Ciao Angelo, la prima parte é fluida e si sente una certa padronanza. La seconda parte ti sfugge un pó nel ritmo che hai la tendenza ad accellerare. Prova a respirare a pieni polmoni tra le frasi. Nel complesso bene !
Marco :bye:
D6

Avatar utente
Paolo Barbagli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 720
Iscritto il: mer 20 gen 2016, 00:22
Località: Riva del Garda

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Paolo Barbagli » dom 11 mar 2018, 23:31

Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
Bravo Angelo, si sente che è un pezzo che ti piace. Voto 7+ ( è migliorabile la seconda parte, che è anche la più difficile)
Chitarra: J. Ramirez R2 1993
Corde: D'Addario
Software: Wave Editor
Registratore: Zoom H5

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 12 mar 2018, 09:59

Marco Leonardi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 19:12
Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il ilb mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
Ciao Angelo, la prima parte é fluida e si sente una certa padronanza. La seconda parte ti sfugge un pó nel ritmo che hai la tendenza ad accellerare. Prova a respirare a pieni polmoni tra le frasi. Nel complesso bene !
Marco :bye:
Grazie Marco ci proverò un abbraccio

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 12 mar 2018, 10:01

Paolo Barbagli ha scritto:
dom 11 mar 2018, 23:31
Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
Bravo Angelo, si sente che è un pezzo che ti piace. Voto 7+ ( è migliorabile la seconda parte, che è anche la più difficile)
È vero mi piace molto. Grazie Paolo a presto

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 913
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Paolo Previato » lun 12 mar 2018, 10:33

Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
:bravo: Angelo
Hai suonato bene anche nelle battute più difficili. A tale proposito vorrei chiederti se nelle battute 5 e 6 hai tenuto il barre' oppure no. Sto studiando il brano e mi piacerebbe sapere come risolvete quel passaggio piuttosto complicato.
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 409
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Jesús Morote » lun 12 mar 2018, 12:00

Complimenti Angelo. Ma l'audio non consente di vedere la diteggiatura utilizzata. Peccato!

Ci sono molte possibilità di diteggiatura per questo brano. Io utilizzo quella di Ganga e Carfagni, che ha importanti differenze con questa di Delcamp. Ma anche ho fatto delle modifiche personali in certi passaggi per una ragione o per l'altra, e sarebbe molto interessante poter commentare le diverse opzioni che ognuno sceglie e i vantaggi e gli svantaggi di ogni possibilità di diteggiatura.

In queste battute 5 e 6 che commenta Paolo, io faccio il barrè. La causa è non fare il Si della battuta 5 al vuoto nella corda 2ª, rompendo la omogeneità sonora del basso nella 4ª corda, cosa che non mi piace. Anche faccio il Si della battuta 7 (e il prossimo La#) nella 4ª corda, per la stessa ragione.

:discussion:
Ultima modifica di Jesús Morote il lun 12 mar 2018, 13:23, modificato 1 volta in totale.
Allievo D06

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 357
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » lun 12 mar 2018, 12:14

Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
...sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni...
Angelo, mi vuoi far imbarazzare? :) Eravamo una decina e tu lo citi come il corso di Bravini e compagni... :lol:
Effettivamente questo è un bel brano, che suonavo già da tempo e che avevo registrato qualche mese prima, non sapendo poi di ritrovarlo tra i pezzi da studiare per il corso.
A questo punto potreste andare a risentirlo e magari anche mettere qualche pollice verso...
https://www.youtube.com/watch?v=vyX9cy6PbsU
e per rispondere anche a Paolo, sì, quelle battute le ho sempre fatte col barrè, non è poi così complicato.

A proposito Angelo, come è stato già commentato, buona la prima parte, la seconda è migliorabile, specie nella cantabilità delle frasi melodiche.
Scusate l'intrusione, me ne vado subito.
:bye: :bye:

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 913
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Paolo Previato » lun 12 mar 2018, 13:41

Jesús Morote ha scritto:
lun 12 mar 2018, 12:00


In queste battute 5 e 6 che commenta Paolo, io faccio il barrè. La causa è non fare il Si della battuta 5 al vuoto nella corda 2ª, rompendo la omogeneità sonora del basso nella 4ª corda, cosa che non mi piace. Anche faccio il Si della battuta 7 (e il prossimo La#) nella 4ª corda, per la stessa ragione.
Sono d'accordo con te. Ho visto che anche Anche Claudio ha fatto il barrè.
Claudio Bravini ha scritto:
lun 12 mar 2018, 12:14


Angelo, mi vuoi far imbarazzare? :) Eravamo una decina e tu lo citi come il corso di Bravini e compagni... :lol:
Effettivamente questo è un bel brano, che suonavo già da tempo e che avevo registrato qualche mese prima, non sapendo poi di ritrovarlo tra i pezzi da studiare per il corso.
A questo punto potreste andare a risentirlo e magari anche mettere qualche pollice verso...
https://www.youtube.com/watch?v=vyX9cy6PbsU
e per rispondere anche a Paolo, sì, quelle battute le ho sempre fatte col barrè, non è poi così complicato.

A proposito Angelo, come è stato già commentato, buona la prima parte, la seconda è migliorabile, specie nella cantabilità delle frasi melodiche.
Scusate l'intrusione, me ne vado subito.
:bye: :bye:
Come ho scritto sopra sul barrè mi hai convinto. :okok:
Caspita ho visto che hai avuto 2256 visite al video di Lagrima e tutti pollici in su :bravo:
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Jesús Morote
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 409
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 09:49
Località: Maiorca - Spagna

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Jesús Morote » lun 12 mar 2018, 14:23

Claudio Bravini ha scritto:
lun 12 mar 2018, 12:14
A questo punto potreste andare a risentirlo e magari anche mettere qualche pollice verso...
Non ti darò un pollice verso, ma è molto disturbante il rumore delle dita spostandosi sulle corde metalliche...

:lol:
Allievo D06

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 357
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » lun 12 mar 2018, 18:13

Jesús Morote ha scritto:
lun 12 mar 2018, 14:23
Claudio Bravini ha scritto:
lun 12 mar 2018, 12:14
A questo punto potreste andare a risentirlo e magari anche mettere qualche pollice verso...
Non ti darò un pollice verso, ma è molto disturbante il rumore delle dita spostandosi sulle corde metalliche...
:lol:
Verissimo, Jesus, l'ho risentito per l'occasione, per questo motivo (credo già di avertelo detto) ora uso solo corde "polished wound basses", insomma con i bassi lisci, in genere le La Bella professional 413P o le 500P , ormai è più di un anno.
Infatti negli ultimi video credo questo rumore sia molto minore.
:bye:

Avatar utente
Claudio Bravini
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 357
Iscritto il: gio 07 apr 2016, 22:12
Località: Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Claudio Bravini » lun 12 mar 2018, 18:14

Paolo Previato ha scritto:
lun 12 mar 2018, 13:41
Caspita ho visto che hai avuto 2256 visite al video di Lagrima e tutti pollici in su :bravo:
:bye:
Tutti parenti... :wink:

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 07

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 12 mar 2018, 21:39

Paolo Previato ha scritto:
lun 12 mar 2018, 10:33
Angelo Scuderi ha scritto:
dom 11 mar 2018, 10:35
Cari amici vi invio il mio tarrega che avevo gia' studiato l'anno scorso ,sbirciando nel quinto corso di Bravini e compagni.Il pezzo e' magnifico e richiede molto approfondimento e maturita'di suono.Io certamente continuero' a suonarlo per assimilarlo ,maturarlo e renderlo sempre piu' espressivo.Un saluto a tutti
:bravo: Angelo
Hai suonato bene anche nelle battute più difficili. A tale proposito vorrei chiederti se nelle battute 5 e 6 hai tenuto il barre' oppure no. Sto studiando il brano e mi piacerebbe sapere come risolvete quel passaggio piuttosto complicato.
:bye:
A
Grazie Paolo si ho tenuto il barre'. Un abbraccio

Torna a “Archivio Corsi di chitarra classica in linea”