D05 Lezione di chitarra classica 08

Regole del forum
I corsi di chitarra classica sono gratuiti. Sono rivolti al dilettante isolato che non ha la possibilità di avere un insegnante. Richiedete l'iscrizione al gruppo allievi per entrare a far parte della classe.

PDF, MP3 Video e Lezione : Livello D01 - Livello D02 - Livello D03 - Livello D04 - Livello D05 - Livello D06 - Livello D07 - Livello D08 - Livello D09 - Livello D10 - Livello D11 - Livello D12.

IX I cataloghi complete dei PDF, MP3 e Video del forum.
Avatar utente
Jean-François Delcamp
Amministrator
Messaggi: 4447
Iscritto il: dom 30 mag 2004, 20:49
Località: Brest, Francia

D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Jean-François Delcamp » mar 03 apr 2018, 09:44

Buongiorno a tutti,
per favore assicuratevi di aver scaricato l'ultima versione del volume D05.
Se siete nuovi, leggete questo messaggio per prendere conoscenza delle condizioni per partecipare ai corsi.
Leggete parimenti il messaggio del primo corso, vi troverete consigli sull'impiego del tempo e le metodiche di lavoro che io vi raccomando.




Ora ci accingiamo a prendere in esame uno studio:
- Pag. 154, 155 Francisco Tárrega (1852-1909) Studio in Mi maggiore
In compagnia di Tàrrega, andiamo al tasto XIX per far suonare un Si acuto, misura 29. Per raggiungere più facilmente questa parte della tastiera potete alzare la vostra chitarra regolando il Gitano o il poggiapiede alla sua altezza massima. Il percorso del pollice sotto il manico è il seguente:
1) Il pollice è posto all'inizio sotto la terza corda, all'altezza del medio o dell'anulare.
2) Successivamente, più si sposta la mano verso la buca, più il pollice si avvicina alla prima corda.
3) Si termina verso gli alti mettendo il pollice sul bordo della tastiera, come vi mostro nei piccoli video seguenti.





Oggi, vediamo 4 brani.

- Pag. 47 Johann Sebastian Bach (1685-1750) Preludio BWV 1007
Le prime quattro misure stabiliscono la tonalità. Presentano successivamente Re maggiore, Sol maggiore (su un basso di Re), La maggiore7 (su un basso di Re) e Re maggiore. E 'un susseguirsi di tonica, sottodominante, dominante e tonica. La tensione aumenta dalla misura 1 alla 3, è al massimo nella 3, a causa della presenza dell'intervallo dissonante Re-Do# . Questa crescente tensione può essere espressa con un crescendo. La tensione scompare, alla misura 4, grazie alla risoluzione dell'intervallo dissonante Re-Do# con un intervallo di ottava Re-Re, ben consonante. Seguono modulazioni diverse, in La maggiore a partire dalla misura 5 (Sol #), Mi minore misura 11, Si minore misura 13, Sol maggiore misura 16. A partire dalla misura 23 le scale abbondano e si nota la presenza, al basso, di un pedale di La (dominante), che si risolve in una cadenza perfetta proprio nell'ultima misura del preludio. Questo adattamento per chitarra, come molti altri adattamenti di questa suite, è in Re maggiore. Tonalità che ha il vantaggio di avere la tonica (Re) e la dominante (La) che corrispondono a due corde basse della chitarra. I pochi bassi che ho aggiunto sono tra parentesi.



- Pag. 54 Niccolò Paganini (1782-1840) Sonata N. 4
Questa sonata breve, di cui ammiro la scrittura efficace, comprende un rondo leggero e pieno di vivacità. Notate la presenza del basso albertino ( misure 5, 6, 7, 10, 11, 20, 21, 22, 23, 48 e 50) che consiste nell'arpeggiare gli accordi di accompagnamento a partire dalla nota fondamentale, seguita dalla quinta, la terza ed ancora la quinta. Questo basso albertino è stato particolarmente utilizzato nell'epoca classica (Fernando Sor, Mauro Giuliani). Il ritmo della melodia è scritto senza specificare la durata effettiva delle note. Per esempio, nella misura 5, la melodia è composta da note suonate sulle corde 1 e 2: queste note devono, a mio parere, durare come segue: Re semiminima puntata, Fa, Mi, Re crome. Idem nelle misure 6, 7, 10, 11, 20, 21, 22, 23. Molti autori del periodo classico, per esempio Carulli, spesso scrivono la musica in questo modo, senza precisare la durata effettiva delle note di ciascuna delle voci che formano la polifonia. Questa semplificazione della scrittura consentiva di guadagnare spazio sulla carta e facilitava il lavoro dell'incisore.
http://en.wikipedia.org/wiki/Alberti_bass
http://it.wikipedia.org/wiki/Basso_albertino



- Pag. 112 Zequinha de Abreu (1880-1935) Amando sobre o marzo
Questo valzer lento del compositore brasiliano Zequinha de Abreu è costituito da una melodia il cui ambitus è ampio: dal Re# medio (misura 57) al La acuto (misura 11). L'accompagnamento va suonato pacatamente, con delicatezza, al fine di assecondare la melodia, senza mai coprirla.



Julio Sagreras (1879-1942) Leccione III n ° 4
Ecco un eccellente e bello studio di tremolo. Sagreras ci invita a iniziare utilizzando la diteggiatura più semplice: pimi, poi più complessa: piai. Una volta acquisite queste diteggiature , noi utilizzeremo la diteggiatura fondamentale del tremolo: pami. L'uguaglianza dei suoni e la regolarità delle note ripetute sono essenziali per dare alla melodia la sua continuità. Un lavoro lento, accompagnato da una ricerca della perfezione del dettaglio, è necessario per ottenere questa regolarità. Ogni nota è importante.







Vi chiedo prima di lavorare su questi esercizi e arie per una settimana e quindi pubblicare sul forum le vostre registrazioni:
- page 47 Johann Sebastian Bach (1685-1750) Prelude BWV 1007
- pages 154, 155 Francisco Tàrrega (1852-1909) Estudio en mi mayor

Forza e coraggio!

Vorrei ringraziare Paola che ha offerto il suo aiuto per la traduzione in italiano dei miei corsi.

Jean-François
:( + ♫ = :)


Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 09 apr 2018, 08:29

Cari amici comincio con Bach suite n 1.Ho registrato il pezzo tante volte e credo che ci voglia tanto tempo per suonare Bach come si deve e con maturita'.Per adesso accettate questa registrazione.Ovviamente questo e' un pezzo che continuero' a suonare per maturarlo.Ho cercato di non imitare troppo il maestro perche' suona Bach con maestria e quasi in maniera romantica.Io non ne sono capace e mi sono limitato a suonare le note senza sbagliarne troppe e senza strafare. Un saluto a tutti
PS:l'ANNO SCORSO AVEVO STUDIATO UN PO' QUESTO PEZZO E RISENTENDO LA VECCHIA REGISTRAZIONE HO NOTATO UN NETTO MIGLIORAMENTO ,QUESTO SIGNIFICA CHE CON IL TEMPO BACH SI MATURA DENTRO.Cosa ne pensate e' cosi' o no? Mi fa bene suonare Bach perche' io tendo a non rispettare il tempo e Bach mi obbliga a restare in tempo. E' STATO PER ME MOLTO DIDATTICO PERCHE' BACH E' QUELLO, NON PUOI SCAPPARE ED UN PO' TI INCHIODA. Cosa ne pensate?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 913
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Paolo Previato » lun 09 apr 2018, 08:54

Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.
:bravo: Angelo
Questo preludio mi ha proprio convinto. Devo dire che mediamente hai suonato meglio rispetto ad altre tue performance. Probabilmente lo hai studiato molto e il fatto che ti piaccia suonarlo ha influito. Penso che su un brano così lungo sia impossibile non sbagliare nulla ma nel suo complesso il discorso è fluido e continuo. Continua così che hai fatto un bel passo in avanti. :bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 09 apr 2018, 09:33

Paolo Previato ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:54
Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.
:bravo: Angelo
Questo preludio mi ha proprio convinto. Devo dire che mediamente hai suonato meglio rispetto ad altre tue performance. Probabilmente lo hai studiato molto e il fatto che ti piaccia suonarlo ha influito. Penso che su un brano così lungo sia impossibile non sbagliare nulla ma nel suo complesso il discorso è fluido e continuo. Continua così che hai fatto un bel passo in avanti. :bye:
Grazie Paolo per avermi ascoltato e per la carica che mi dai.Si cerchero' di migliorare ancora, un passo alla volta. : :merci:

Avatar utente
Bernardino Sciarretta
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 1390
Iscritto il: mar 15 gen 2013, 13:25
Località: Ariccia Roma

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Bernardino Sciarretta » lun 09 apr 2018, 18:38

Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.Ho registrato il pezzo tante volte e credo che ci voglia tanto tempo per suonare Bach come si deve e con maturita'.Per adesso accettate questa registrazione.Ovviamente questo e' un pezzo che continuero' a suonare per maturarlo.Ho cercato di non imitare troppo il maestro perche' suona Bach con maestria e quasi in maniera romantica.Io non ne sono capace e mi sono limitato a suonare le note senza sbagliarne troppe e senza strafare. Un saluto a tutti
PS:l'ANNO SCORSO AVEVO STUDIATO UN PO' QUESTO PEZZO E RISENTENDO LA VECCHIA REGISTRAZIONE HO NOTATO UN NETTO MIGLIORAMENTO ,QUESTO SIGNIFICA CHE CON IL TEMPO BACH SI MATURA DENTRO.Cosa ne pensate e' cosi' o no? Mi fa bene suonare Bach perche' io tendo a non rispettare il tempo e Bach mi obbliga a restare in tempo. E' STATO PER ME MOLTO DIDATTICO PERCHE' BACH E' QUELLO, NON PUOI SCAPPARE ED UN PO' TI INCHIODA. Cosa ne pensate?
Bravo Angelo,
niente male continuo e pulito senza grandi errori decisamente ua buna esecuzione... col tempo migliorerà sicuro .. :bye:

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » lun 09 apr 2018, 18:49

Bernardino Sciarretta ha scritto:
lun 09 apr 2018, 18:38
Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.Ho registrato il pezzo tante volte e credo che ci voglia tanto tempo per suonare Bach come si deve e con maturita'.Per adesso accettate questa registrazione.Ovviamente questo e' un pezzo che continuero' a suonare per maturarlo.Ho cercato di non imitare troppo il maestro perche' suona Bach con maestria e quasi in maniera romantica.Io non ne sono capace e mi sono limitato a suonare le note senza sbagliarne troppe e senza strafare. Un saluto a tutti
PS:l'ANNO SCORSO AVEVO STUDIATO UN PO' QUESTO PEZZO E RISENTENDO LA VECCHIA REGISTRAZIONE HO NOTATO UN NETTO MIGLIORAMENTO ,QUESTO SIGNIFICA CHE CON IL TEMPO BACH SI MATURA DENTRO.Cosa ne pensate e' cosi' o no? Mi fa bene suonare Bach perche' io tendo a non rispettare il tempo e Bach mi obbliga a restare in tempo. E' STATO PER ME MOLTO DIDATTICO PERCHE' BACH E' QUELLO, NON PUOI SCAPPARE ED UN PO' TI INCHIODA. Cosa ne pensate?
Bravo Angelo,
niente male continuo e pulito senza grandi errori decisamente ua buna esecuzione... col tempo migliorerà sicuro .. :bye:
Grazie Bernardino per l'ascolto e per le buone parole .Pian pianino cerchiamo di andare avanti.Un caro saluto

Avatar utente
Paolo Barbagli
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 720
Iscritto il: mer 20 gen 2016, 00:22
Località: Riva del Garda

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Paolo Barbagli » lun 09 apr 2018, 22:07

Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.Ho registrato il pezzo tante volte e credo che ci voglia tanto tempo per suonare Bach come si deve e con maturita'.Per adesso accettate questa registrazione.Ovviamente questo e' un pezzo che continuero' a suonare per maturarlo.Ho cercato di non imitare troppo il maestro perche' suona Bach con maestria e quasi in maniera romantica.Io non ne sono capace e mi sono limitato a suonare le note senza sbagliarne troppe e senza strafare. Un saluto a tutti
PS:l'ANNO SCORSO AVEVO STUDIATO UN PO' QUESTO PEZZO E RISENTENDO LA VECCHIA REGISTRAZIONE HO NOTATO UN NETTO MIGLIORAMENTO ,QUESTO SIGNIFICA CHE CON IL TEMPO BACH SI MATURA DENTRO.Cosa ne pensate e' cosi' o no? Mi fa bene suonare Bach perche' io tendo a non rispettare il tempo e Bach mi obbliga a restare in tempo. E' STATO PER ME MOLTO DIDATTICO PERCHE' BACH E' QUELLO, NON PUOI SCAPPARE ED UN PO' TI INCHIODA. Cosa ne pensate?
ok. Continua così. Voto 7-
Chitarra: J. Ramirez R2 1993
Corde: D'Addario
Software: Wave Editor
Registratore: Zoom H5

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 276
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Marco Leonardi » mar 10 apr 2018, 06:20

Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach....
Caro Angelo, complimenti perchè Bach non è facile da respirare e tu invece hai respirato quasi sempre nei punti giusti. Bravo !
D6

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » mar 10 apr 2018, 07:56

Paolo Barbagli ha scritto:
lun 09 apr 2018, 22:07
Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach suite n 1.Ho registrato il pezzo tante volte e credo che ci voglia tanto tempo per suonare Bach come si deve e con maturita'.Per adesso accettate questa registrazione.Ovviamente questo e' un pezzo che continuero' a suonare per maturarlo.Ho cercato di non imitare troppo il maestro perche' suona Bach con maestria e quasi in maniera romantica.Io non ne sono capace e mi sono limitato a suonare le note senza sbagliarne troppe e senza strafare. Un saluto a tutti
PS:l'ANNO SCORSO AVEVO STUDIATO UN PO' QUESTO PEZZO E RISENTENDO LA VECCHIA REGISTRAZIONE HO NOTATO UN NETTO MIGLIORAMENTO ,QUESTO SIGNIFICA CHE CON IL TEMPO BACH SI MATURA DENTRO.Cosa ne pensate e' cosi' o no? Mi fa bene suonare Bach perche' io tendo a non rispettare il tempo e Bach mi obbliga a restare in tempo. E' STATO PER ME MOLTO DIDATTICO PERCHE' BACH E' QUELLO, NON PUOI SCAPPARE ED UN PO' TI INCHIODA. Cosa ne pensate?
ok. Continua così. Voto 7-
Grazie Paolo. Un abbraccio

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » mar 10 apr 2018, 07:58

Marco Leonardi ha scritto:
mar 10 apr 2018, 06:20
Angelo Scuderi ha scritto:
lun 09 apr 2018, 08:29
Cari amici comincio con Bach....
Caro Angelo, complimenti perchè Bach non è facile da respirare e tu invece hai respirato quasi sempre nei punti giusti. Bravo !
Grazie di cuore Marco sei gentile. Un caro saluto.

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 913
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Paolo Previato » mer 11 apr 2018, 16:40

Bach - Prelude BWV 1007

:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Avatar utente
Marco Leonardi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 276
Iscritto il: sab 15 ott 2016, 17:15
Località: Gorgonzola (MI)

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Marco Leonardi » mer 11 apr 2018, 17:06

Paolo, che spettacolo ! Bravissimo non solo nella tecnica ma anche nell'interpretazione. Credo sia una delle tue migliori esecuzioni !
:bravo: issimo !
Marco
D6

Avatar utente
Angelo Scuderi
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 485
Iscritto il: gio 23 giu 2016, 15:30

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Angelo Scuderi » mer 11 apr 2018, 17:20

Paolo Previato ha scritto:
mer 11 apr 2018, 16:40
Bach - Prelude BWV 1007

:bye:
Sei un grande BRAVISSIMO!!!!!!!!!!!!!!!!!

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 913
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: D05 Lezione di chitarra classica 08

Messaggio da Paolo Previato » mer 11 apr 2018, 17:30

Marco Leonardi ha scritto:
mer 11 apr 2018, 17:06
Paolo, che spettacolo ! Bravissimo non solo nella tecnica ma anche nell'interpretazione. Credo sia una delle tue migliori esecuzioni !
:bravo: issimo !
Marco
:merci:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Torna a “Archivio Corsi di chitarra classica in linea”