Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezzo)

Qui pubblichiamo le nostre registrazioni audio (MP3 o OGG) di pezzi per più di una chitarra di cui una parte è volontariamente omessa, allo scopo di permettere agli altri membri di suonare la parte mancante assieme alla nostra registrazione.
Regole del forum
Qui pubblichiamo le nostre registrazioni audio (MP3 o OGG) di pezzi per più di una chitarra di cui una parte è volontariamente omessa, allo scopo di permettere agli altri membri di suonare la parte mancante assieme alla nostra registrazione.
I file audio che i contributori pubblicano sul forum "Duetti, trii e gruppi virtuali" restano di proprietà dei contributori. Non è possibile pubblicare un insieme che includa i sudetti files in nessun altro posto che i forum Delcamp.
Rocco Abazia

Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezzo)

Messaggio da Rocco Abazia » lun 29 set 2014, 22:39

Mi permetto di inserire questo piccolo, modestissimo,brano da parte di uno studente che ha appena iniziato il D02 del forum :))
Ormai lo avevo creato e mi dispiaceva non inserirlo, ho scoperto da poco i duetti per chitarra sono fantastici.
Il pezzo è costruito in 3 fasi, la 1 chitarra , la 2 chitarra e insieme.

[media]https://youtu.be/zHZapXz9IBk[/media]

Avatar utente
Domenico Sarchione
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 805
Iscritto il: mer 07 ago 2013, 15:13
Località: Atessa (CH)

Re: Gymnopédie 1-due chitarre- Eric Satie (piccolo pezzo)

Messaggio da Domenico Sarchione » mar 30 set 2014, 21:45

Sarebbe carino trovare un altro appassionato di chitarra nella tua zona e magari suonarlo insime.

Paolo Previato
Allievo dei corsi in linea
Messaggi: 887
Iscritto il: dom 01 giu 2014, 20:53
Località: Genova

Re: Gymnopédie 1-due chitarre- Eric Satie (piccolo pezzo)

Messaggio da Paolo Previato » mar 30 set 2014, 21:51

Bravo Rocco :bravo:
Ho ascoltato con interesse.
Ho visto che quando suoni la melodia usi il tocco appoggiato, il corso D01 ha lasciato il segno :okok:
Bella anche la regia.
Non mi resta che farti i complimenti
:bye:
pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra.
Fabrizio De André - Amico Fragile

Rocco Abazia

Re: Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezz

Messaggio da Rocco Abazia » mer 01 ott 2014, 13:50

Grazie per avermi ascoltato :) pensavo che qui nessumo mi avrebbe trovato e invece mi avete scoperto ahahahahahahhahah

@ Domenico : Secondo me, in futuro anche con Paolo, pero' io devo migliorare si puo' fare un pezzo a 3 chitarre di tipo "virtuale" , ossia in collegamento rete si registra tipo una conferenza ma suoniamo e registriamo il pezzo, io l0 visto fare sul farum inglese, mammia mia è fantastico.

@Paolo : Sai paolo ti ricordi quando dicevo che avevo problemi nella registrazione di Kuffner ? Ecco ora ho capito come posso suonare 2 e 3 chitarre, ho notato che l'esercizio di capire quando devi attaccare è molto importante, mi sono reso conto che nel duetto per chitarra devi leggere sia il tuo spartito e sia quello dell''altro per capire quando ci sono le pause, quando devi attaccare. Da qui ho capito chi suona in un orchestra deve essere di una bravura stupefacente.
Mi piacerebbe in futuro, quando diventero' bravino, di fare come dicevo a domenico, un trio "virtuale" secondo me deve essere bellissimo.


Grazie ancora per avermi ascoltato.

Avatar utente
Magic Guitar
Messaggi: 2916
Iscritto il: lun 24 dic 2007, 07:21
Località: Bologna

Re: Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezz

Messaggio da Magic Guitar » mer 01 ott 2014, 14:26

Rocco Abazia ha scritto:
mi sono reso conto che nel duetto per chitarra devi leggere sia il tuo spartito e sia quello dell''altro per capire quando ci sono le pause, quando devi attaccare.
No, non è così. Basta rispettare quello che c'è scritto solo nella tua partitura. T'immagini se in una compagine orchestrale ognuno dovesse andare a guradarsi le parti di tutti gli altri?
Rocco Abazia ha scritto:
Da qui ho capito chi suona in un orchestra deve essere di una bravura stupefacente.
Non è necessario essere dei mostri con una bravura stupefacente. Basta essere dei bravi musicisti e seguire le indicazioni della propria partitura e .... del Direttore. Te lo dico per esperienza dato che suono in un'orchestra di chitarre.

Aggiungo che è un'esperienza molto bella e soprattutto formativa che consiglio a tutti di provare. Se ne hai voglia, qui trovi un assaggio della nostra orchestra composta da un misto di amatori diplomati e non e professionisti. viewtopic.php?f=105&t=30767

:bye:
Ferdinando Bonapace

Rocco Abazia

Re: Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezz

Messaggio da Rocco Abazia » mer 01 ott 2014, 20:03

@Magic Guitar mamma mia il pezzo per orchestra di chitarre è FANTASTICOOO :)
Grazie per avermi chiarito i concetti di lettura solo del proprio spartito perchè io stavo diventando pazzo a leggere entrambi, certo che entrambi dovrebbero avere la stessa misura del tempo, se qualcuno allunga una nota è finita, non so io la vedo una cosa molto complessa.
A proposito volevo farti i miei personali complimenti sulla Ciaccona, lo sentita tempo fa, suonata veramente bene, deve essere un opera difficilissima da suonare.
:bye: sono partito per la tangente per la musica d'insieme :)

Avatar utente
Magic Guitar
Messaggi: 2916
Iscritto il: lun 24 dic 2007, 07:21
Località: Bologna

Re: Satie, Eric - Gymnopédie 1 - due chitarre - (piccolo pezz

Messaggio da Magic Guitar » mer 01 ott 2014, 20:59

Rocco Abazia ha scritto:@Magic Guitar mamma mia il pezzo per orchestra di chitarre è FANTASTICOOO :)
E' un brano facente parte della seconda suite del Peer Gynt di Edvar Grieg composta per compagine orchestrale tradizionale e trascritta per l'occasione dal sottoscritto ad uso e consumo della nostra orchestra.Le due suite sono estratte dall'opera lirica che porta lo stesso nome.
Il difficile di questo brano, oltre che tecnicamente di una certa rilevanza, sono le entrate a tempo delle varie sezioni in tempi diversi. Se noti bene una sezione propone il tema e subito dopo, prima che la frase sia terminata, l'altra subentra come a rispondere. L'altra difficoltà è quella di rendere con le nostre sei corde, l'impressione della tempesta e l'urlo della bufera. Con l'orchestra tradizionale riesce molto bene questo effetto; con le chitarre è molto più difficile.
Rocco Abazia ha scritto: ... certo che entrambi dovrebbero avere la stessa misura del tempo, se qualcuno allunga una nota è finita, non so io la vedo una cosa molto complessa.
Questo è il bello del suonare insieme o ancora di più in un Ensemble. Il tempo è un parametro assolutamente rigoroso ed il Direttore è lì anche per questo. Il movimento della bacchetta ha un suo senso.
Rocco Abazia ha scritto: A proposito volevo farti i miei personali complimenti sulla Ciaccona, lo sentita tempo fa, suonata veramente bene, deve essere un opera difficilissima da suonare.
Grazie. La Ciaccona, è un monumento alla Musica, ed a suonarla presenta grandissime difficoltà per chiunque.

:bye:
Ferdinando Bonapace

Torna a “Duetti, trii e gruppi virtuali”