2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma diverse

Presentazione / autopromozione degli strumenti realizzati dai liutai del forum.
Regole del forum
In questa sezione i liutai professionisti e amatori iscritti al forum e che vi partecipano attivamente, possono presentare i loro prodotti con l'ausilio di foto delle fasi di lavorazione, schemi progettuali e ogni altro elemento utile per illustrare la realizzazione degli strumenti.
Gli annunci di vendita devono essere pubblicati nella sezione di Compravendita, secondo le regole della stessa.
thlen
Messaggi: 123
Iscritto il: mer 21 gen 2009, 23:29
Località: palermo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da thlen » sab 16 giu 2012, 01:05

Fanno letteralmente sballare, sono davvero stupende!

Fabio Rizza

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Fabio Rizza » sab 16 giu 2012, 04:39

Molto belle, complimenti!

Avatar utente
ilMarzio
Messaggi: 495
Iscritto il: sab 07 apr 2012, 12:17
Località: Ischia, Napoli, delta del Rufiji

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da ilMarzio » sab 16 giu 2012, 10:21

Molto belle le finiture Roberto,
personalmente non amo le classiche con tastiera rialzata ma questi sono gusti miei... che nulla tolgono all'evidente qualità del lavoro

Solo una domanda: perchè voler far risalire comunque tutto a Torres?
queste due chitarre mi sembra che in comune con Torres abbiano ormai solo il tipo di ponticello :mrgreen:
dunque perchè sminuire il tuo stesso lavoro?
Ciro Marzio
Liutaio e Progettista Audio
"guitarrero" desde 1983

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » sab 16 giu 2012, 12:18

Grazie per i comlimenti :okok: :discussion:
Per ilMarzio Grazie anche a te. Per risponderti... : Certo hanno ben poco dalle Torres, ma nessuno nasce imparato,non è che, come dici voglio sminuire il mio lavoro , ma ,io prendo spunti da tutti per poi ragionarci sopra, la stessa tavola sospesa mi è stata proposta da un cliente a cui ho cambiato la tavola alla sua chitarra. Era in laboratorio e sul tecnigrafo cera un mio progetto di una chitarra con manico rialzato e tavola e fondo con le quinte,e il cliente mi ha detto , perche non fai come i violini , gli lasci la tastiera alzata. Cosi ho poi fatto, la sua idea mi è piaciuta moltissimo e ,vedo che piace a molti, io ho solo messo la funzionalità della cosa.Colgo qui l'occasione di ringraziare e salutare Pietro che tra l'altro è un partecipante di questo forum.
Probabilmente faccio risalire tutto a Torres solo per una questione di gratitudine nei suoi confronti o meglio anche a Romanillos che ha divulgato la sua storia in libri. Sul computer si può trovare di tutto , nei forum di liuteria ci sono 1500 argomentazioni su tutto eppure ... ti dirò che tutto quello che ho appreso e grazie a Torres . I pochi punti in comune di queste chitarre rispetto alle Torres sono........che la tavola tipo arch top non è scavata ma piegata.... col sistema Torres , dove le catene, piegate a sforzo nella solera tengono la bombatura ..poi la costruzione classica non cambia, quindi manico alla spagnola , peones alla tavola controfasce al fondo, pilastrini per tenere le catene della tavola e del fondo...come una Torres ,la tavola non ha rinforzi nella parte che di solito si trova a contatto con l'ultimo pezzo di tastiera(dal 12° al 19°) . La tavola o meglio ,la sua bombatura ,con la sesta e le sue quinte dovrebbe dare un suono ai bassi molto nasale, invece ha il basso caldo come le Torres, o per lo meno le varie copie che ho fatto (Magari avessi una Torres).........
Ma la comunione più simile alle Torres e di uscire fuori dalle Forme . Usare un rapporto di lavoro molto simile alla seconda epoca per intenderci. Questo è spiegato nel libro
"La chitarra di liuteria" di Stefano Grondona e Luca Waldner a Pag 16 che cito sotto.

:"Gli strumenti della Segunda Epoca, pur nella loro varietà di tipi e forme, sembrano meno orientati alla dimostrazione dei risultati, e più l'espressione consapevole di una condizione di compiutezza: sembra contare più lo "stato" dell'azione costruttiva - stato, verrebbe da dire, quasi mistico - che non una qualsiasi tensione al risultato (il quale a maggior ragione, ed immancabilmente, si rivela in tutta la sua forza). Torres senza dubbio esistè ed operò di là dalle forme, di là dal sentiero culturale appartenente al luogo ed al tempo in cui viveva, di là dai confini Antonio de Torres (c. 1885). materiali e psicologici che il destino gli
offrì a contesto del suo itinerario biografico. Più in generale, il suo apporto all'evoluzione dello strumento rinvia a fatti che vanno ben oltre il mero dato tecnico e materiale. Le tendenze che nel primo Ottocento portarono i migliori costruttori ad adottare sistemi e criteri nuovi, offrirono a Torres già gran parte di quelle innovazioni che sono poi state tante volte, ed erroneamente, ascritte al suo merito. Di fatto, l'originalità e la grandezza del liutaio è nell'adottare questi sistemi, e farli propri al punto da produrre strumenti tanto nuovi ed evoluti quanto lontani da ogni origine tecnica appariscente. Tramite quei sistemi, egli giunse ad enfatizzare al massimo le tensioni più intrinseche alla materia lignea, conosciuta tanto profondamente e lavorata a spessori e pesi ridotti al minimo. Ripensò inoltre in modo radicale la forma della plantilla, la lunghezza e tensione delle corde, e gli elementi che contribuiscono al volume e alla forma della cassa di risonanza. Ma ciò che è più notevole è che il "suono nuovo" del suo strumento ".

Gaspa

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Gaspa » dom 17 giu 2012, 14:49

Complimenti Roberto,Chitarre bellissime :bravo: :bravo: ho avuto la fortuna di provare una tua Chitarra e una tastiera così comoda con dei cantini favolosi non l'avevo mai provata,se mi capita di passare vicino a Cuneo,ti vengo a trovare :ouioui: :bye:

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » dom 17 giu 2012, 21:26

Grazie Giuseppe :wink: Passa pure quando vuoi, mi farebbe piacere conoscerti .Il mio laboratorio è sempre disponibile per chi ama le chitarre :bye:

zen

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da zen » dom 17 giu 2012, 21:59

ma che bellezza! Per me sono opere d'arte, anche solo dal punto di vista estetico e immagino che il suono sarà all'altezza.
:bravo:

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » dom 17 giu 2012, 23:34

:merci: zen . Per me l'opera d’arte è proprio il loro suono :wink:
Adesso tutti contro :chaud: Per me :okok:

Avatar utente
Gabriele Gobbo
Messaggi: 3753
Iscritto il: dom 05 set 2010, 09:47

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Gabriele Gobbo » gio 12 lug 2012, 23:20

Ho avuto proprio oggi il privilegio di poter vedere da vicino e provare queste chitarre. Ne sono rimasto davvero impressionato. Quella in cedro sorprende per il volume di suono che produce senza alcuno sforzo. Pur non essendo affatto un amante delle tavole in cedro, devo ammettere che anche il timbro che ne esce è tutt'altro che banale ... ma quella che mi è parsa davvero al di sopra delle aspettative è stata quella in abete. Al di là della bellezza estetica (comune per altro ad entrambe) che ne fa un oggetto di per sé prezioso, ciò che mi ha colpito è la qualità e quantità di suono che produce. Alla fine il risultato migliore si è ottenuto con corde Savarez new cristal/corum ed anche Roberto (persona di rara ospitalità e disponibilità, che ringrazio per avermi sopportato praticamente per tutto il giorno) alla fine era d'accordo. Un suono che non ho saputo definire altro che “raffinato” per timbrica, versatilità, equilibrio e separazione/definizione dei suoni che si producono simultaneamente. Attacco prontissimo ed inaspettato sustain … il che sembra una contraddizione in termini, e dunque lascia stupiti. Nessuna “nasalità” nel timbro, che invece a volte affligge gli strumenti con la tavola bombata. Degna di nota anche la tastiera, dalla action perfetta, leggerissima e davvero comoda, grazie anche alla leggera bombatura. Ho il pollice della sinistra quasi fuori uso per una tendinite, ma complice il bellissimo strumento che avevo per le mani e la sua comodità, sono riuscito a strimpellare a lungo (straziando le orecchie del malcapitato liutaio). Abbiamo messo questo strumento a paragone di quasi tutti quelli che c'erano lì. Chi ha provato le chitarre di Roberto, sa che non mancano certo di voce o di carattere timbrico, anzi, eppure nessuna mi è risultata all'altezza di questa nuova creatura, il cui suono non potrà che aprirsi ancor più nei prossimi mesi. Un enorme bravo al liutaio, per questo strumento tanto inconsueto nelle fattezze quanto, a mio modesto parere, davvero ben riuscito nella sostanza.
:bye:
Vorrei essere libero, libero come un uomo ... (G. Gaber)

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » ven 13 lug 2012, 16:09

:merci: Gabriele. E stato un piacere conoscerti :wink:
un saluto :bye:

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » mar 23 ott 2012, 11:21

Per chi fosse interessato al progetto: esposizione al concerto di Giorgio Mirto.
Orario dalle 19 alle 22
Ci saranno tre tipologie di chitarra "violoncello" , una forma d'arte che segue il suono :casque:
Fondazione Casa Delfino- corso nizza 2 Cuneo
un saluto :bye:

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4736
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Massimo Di Coste » mar 23 ott 2012, 12:53

Roberto Ceretti ha scritto:Per chi fosse interessato al progetto: esposizione al concerto di Giorgio Mirto.
Orario dalle 19 alle 22
Ci saranno tre tipologie di chitarra "violoncello" , una forma d'arte che segue il suono :casque:
Fondazione Casa Delfino- corso nizza 2 Cuneo
un saluto :bye:
Ciao Roberto, sono contento per tue nuove creature, peccato non poterle vedere ed ascoltare da vicino...Un grande in bocca a lupo e complimenti!!!! :okok: :bye:

p.s. ma delle foto no??? :D
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Avatar utente
Massimo Di Coste
Messaggi: 4736
Iscritto il: mer 21 set 2005, 07:21
Località: Roma

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Massimo Di Coste » mar 23 ott 2012, 21:51

Roberto perchè non ci illustri a parole questo progetto di chitarra di cui parla Gabriele Gobbo??? dai che siamo curiosi... :okok:
Signore dammi il sole nelle fredde giornate d'inverno, l'ombra nei caldi giorni d'estate, e una chitarra.....
(preghiera andalusa)

Avatar utente
Roberto Ceretti
Liutaio
Messaggi: 448
Iscritto il: mar 29 mag 2007, 19:56
Località: barge cuneo

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Roberto Ceretti » dom 03 mar 2013, 12:13

Che crepi sto lupo :twisted: Ciao Max , adesso sto lavorando su due nuovi progetti molto classici ma appena posso,posterò delle foto più dettagliate sulla costruzione un pò insolita di queste chitarre a tavola sospesa. A distanza di tempo questi strumenti si stanno aprendo sempre più. la cosa interessante e che suonano molto dopo il settimo tasto e non ci sono cali di intensità di suono su tutta la tastiera . il suono è pieno e corposo, i bassi sono molto gravi ma hanno una buona polifonia, se si può dire cosi , con l'equilibrio generale nelle esecuzioni. Ma sono strumenti che non perdonano, un pò come usare un ampli valvolare ti da molto ma ti amplifica anche gli errori che ogni tanto si fanno nel eseguire i brani. Un salutone :bye:

Luca Chiappini

Re: 2 chitarre tavola sospesa manico rialzato simili ma dive

Messaggio da Luca Chiappini » dom 03 mar 2013, 13:05

Davvero belle,complimenti.

Torna a “Gli strumenti realizzati dai liutai del forum”