Platero di Castelnuovo Tedesco

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
euzen
Messaggi: 195
Iscritto il: lun 24 mar 2008, 11:26

Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da euzen » mer 09 apr 2008, 19:32

Sono affascinato dalla originalità, dal patos, dalla malinconia dei pezzi di Platero.
Ho ascoltato una versione di Segovia: Ten Pieces from Platero and I .
So che i pezzi sono più di 10 e gli spartiti sono editi dalla Berben.
Chiedo se esiste in Cd la versione completa :merci: :merci: :merci:

carlo sg

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da carlo sg » mer 09 apr 2008, 20:17

A dire il vero sì. Un certo Johann Fostier, in un guitar recital della naxos, ha inciso tutta l' opera. L' esecuzione non mi ha particolarmente entusiasmto, ma questi son gusti!!! :lol:

Ciao,

Carlo

platero

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da platero » gio 10 apr 2008, 12:47

cloppete cloppete :lol:

andreadecu

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da andreadecu » ven 11 apr 2008, 22:43

Ho avuto la fortuna, qualche tempo fa, di assistere ad uno spettacolo di Moni Ovadia che recitava le poesie dell'opera intitolata "Platero" accompagnato alla chitarra da Emanuele Segre. Devo dire che è stato molto interessante e suggestivo. Al centro dell'attenzione c'era il messaggio che dalla poesia arrivava allo spettatore sulle ali della musica.

LUCA.P
Messaggi: 354
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da LUCA.P » ven 01 set 2017, 15:43

Diversi anni fa presi la versione Berben redatta da Angelo girardino ( contiene sette composizioni) a me bastano le sette contenute anche perché le ritrovo nel C.D. di Segovia.
Purtroppo però vista l'esistenza di molte versioni , per non creare confusione Gilardino non ha inserito la diteggiatura ,lasciando al chitarrista le eventuali modifiche dei pezzi. Saggiamente la versione Berben di Gilardino, riportando il testo originale offre ha una base solida. Ciononostante ascoltando le composizioni Suonate da Segovia, ho sempre notato nel suo suono alcune note diverse da come le riporta lo spartito.
Qui nel forum non sono riuscito a trovare niente nella sezione spartiti, volevo fare un confronto ,consapevole del ginepraio di versioni in cui mi sarei cacciato. Qualcuno che l'ha suonata sa darmi la direzione ideale di ricerca ? Ovviamente cercavo quella ufficiale e di sola chitarra di Segovia

Roberto Marcotti
Professore
Messaggi: 104
Iscritto il: mar 16 giu 2015, 16:57
Località: Carmagnola

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da Roberto Marcotti » mar 05 set 2017, 13:54

Ciao, guarda, la musica di Castelnuovo Tedesco necessita quasi sempre di aggiustamenti, proprio perché il compositore non ha mai voluti espressamente conoscere fondo lo strumento per non essere inibito nelle sue idee compositive. Avevo trovato un CD con Alessandro Haber voce recitante (poi perduto). Ne esiste anche uno completo inciso da Clement Riot (voce recitante) e Miguel Angel Romero (chitarra). L'ho acquistato online il che consente anche di scaricare legalmente la versione mp3 una volta completato l'acquisto.
Ciao

LUCA.P
Messaggi: 354
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da LUCA.P » mer 06 set 2017, 13:01

Molte grazie Roberto, non sapevo sta cosa , quindi è possibile che anche la sonata op. 77 omaggio a Boccherini richieda aggiustamenti ? Roberto tu che sei un Maestro, pensi che lo stesso discorso possa valere per alcuni altri musicisti ( pianisti) tipo Albèniz oppure Granados? O nelle loro trascrizioni pubblicate per chitarra è già stato messa a punto l'esatta notazione?.
A proposito di versione con voce recitante del somarello Platero , ho il C.D. che era allegato nella rivista Seicorde di Michelangeli editore.
Angelo Colone alla chitarra e Susanna Marcomeni voce recitante, per quanto sia veramente ben realizzato , di grande qualità esecutiva e bella voce , preferisco la versione senza parlato, perché non distoglie l'attenzione e musicalmente ( non associandola a racconti)spazia alti vertici di fantasie melodiche.

Comunque devo ammettere che la versione recitata devo averla ascoltata solo un paio di volte , senza particolre entusiasmo, avessi ascoltato solo quella, mi sarebbe sfuggita la bellezza intrinseca di queste eccellenti composizioni di Castelnuovo Tedesco.
Un saluto

Roberto Marcotti
Professore
Messaggi: 104
Iscritto il: mar 16 giu 2015, 16:57
Località: Carmagnola

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da Roberto Marcotti » mer 06 set 2017, 13:34

Ciao ti manderò nei prossimi giorni la mia opinione alle tue domande. In questi giorni sono un po' impegnato. Grazie, ciao

LUCA.P
Messaggi: 354
Iscritto il: lun 25 feb 2013, 12:02

Re: Platero di Castelnuovo Tedesco

Messaggio da LUCA.P » sab 25 nov 2017, 23:09

Un saluto,
vorrei chiedere a chi sta studiando i pezzi di - Platero and I - della versione berbèn ( senza notazione e diteggiatura) un confronto ,perché in alcuni pezzi che sto suonando vi sono delle posizioni che mi pare suonino diversamente rispetto al riferimento di come le suonava l' Illustrissimo Andres Segovia ....Chi fosse interessato a una verifica di confronto allo scopo di miglioramento della propria trascrizione come è nel mio intento, scriva qui oppure mi contatti in MP
Questo è il Compat Disc a cui faccio riferimento
I brani a cui sono arrivato sin ora sono il numero 1-2-3-5-6 in futuro se non mollerò tutto proseguirò con il 7 - 9.....Invece non dispongo dello spartito per i brani n 4- 8 -10
per cui questi ultimi ci passo sopra ,,,fra l'altro i pezzi 4- e 9 sono di una velocità che richiedono una bravura di dinamismo che attualmente non possiedo.

Specifico però per chiarezza, che sono un chitarrista dilettante autodidatta che sa leggere la musica solo per trasportarla in tabulati , per l'interpretazione cerco di seguire l'orecchio.
Desidero comunque riportare ,che il lavoro di individuazione e trascrizione dei pezzi senza diteggiatura della Berbèn si è rivelata un esperienza davvero stimolante e istruttiva dal punto di vista didattico dello studio dello strumento.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Torna a “Tecnica e interpretazione”