Mobilità mano destra e arpeggi

Studio: scambio, opinioni e consigli per chitarristi classici. Questa sezione è dedicata agli utenti che desiderano scambiare opinioni, commenti, suggerimenti e informazioni su autori e musiche, tecnica e interpretazione. Materiale didattico per allievi.
Molly
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 21 giu 2017, 09:13
Località: Milano

Mobilità mano destra e arpeggi

Messaggio da Molly » gio 02 nov 2017, 18:33

Ciao a tutti!

Il mio tallone d'Achille sono sempre stati gli arpeggi (e la velocità della destra in generale in realtà). Mi sento sempre rigida nel movimento: soprattutto, l'anulare è sempre leggermente in ritardo...
ma anche solo facendo indice-medio alternato veloce sento che non sono mai davvero fluida.
Provo a fare i movimenti molto lentamente cercando di rilassare ogni dito di volta in volta, ma poi torna sempre quella rigidità della mano che mi impedisce di arrivare oltre una certa velocità, il che mi penalizza soprattutto suonando certi pezzi.
Avete degli esercizi/trucchetti da consigliarmi?
Grazie mille :D

Molly

Danilo Fornasari
Messaggi: 208
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: Mobilità mano destra e arpeggi

Messaggio da Danilo Fornasari » ven 03 nov 2017, 08:49

Ciao Molly, io ti do due consigli prendendo come esempio la quartina PIMA del preludio n.4 di Villa Lobos.
1) cerca sempre di fare l'attacco "semi preparato", ossia suoni il P e prepari l'I e mentre lo suoni prepari il M e subito dopo l'A e subito dopo il P. e cosi via. Mooooooooolto lentamente con il metronomo. Volendo puoi anche, ma solo come alternativa solo di studio, preparare anche tutta la mano in posizione.
2) mentre lo studi, cambia l'accento della prima nota della quartina con le varie combinazioni, ossia Pima, pIma, piMa e pimA. Questo ti darà indipendenza nelle dita della mano destra.
Utilizza queste tecniche sempre per lo studio e vedrai che i risultati verranno.
Ricorda sempre di spostare la mano, quando devi suonare degli arpeggi dalle note acute a quelle gravi, verso di te o al contrario se devono fare l'inverso. La mano deve sempre essere in posizione corretta e le dita non devono "cercare" le note.
Auguri.
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Molly
Messaggi: 7
Iscritto il: mer 21 giu 2017, 09:13
Località: Milano

Re: Mobilità mano destra e arpeggi

Messaggio da Molly » ven 03 nov 2017, 13:07

Grazie Danilo, proverò coi tuoi consigli allora! Tra l'altro il preludio 4 è proprio uno di quei "problematici" :okok:
:merci:

Danilo Fornasari
Messaggi: 208
Iscritto il: gio 26 mag 2016, 10:46

Re: Mobilità mano destra e arpeggi

Messaggio da Danilo Fornasari » ven 03 nov 2017, 14:22

Bene, fammi sapere come procede. :bye: :bye: :bye: :bye:
“Non c'è niente di più bello di una chitarra, eccetto forse due.” F.Chopin

Torna a “Tecnica e interpretazione”