Utilizzo della chitarra flamenco nell' ambito della musica classica

Liuteria per chitarra classica. Come scegliere una chitarra. Il mercato, le applicazioni varie.
lucky13
Messaggi: 73
Iscritto il: gio 03 dic 2015, 11:09

Utilizzo della chitarra flamenco nell' ambito della musica classica

Messaggio da lucky13 » mar 05 dic 2017, 11:32

Pur non essendo un chitarrista flamenco, sono molto affascinato dalla chitarra flamenco e spesso mi chiedo se non sarebbe plausibile l' utilizzo di una chitarra flamenco nell' ambito della musica classica. Ho notato, guardando su internet, che c' è una certa evoluzione nel concetto di quello che dovrebbe essere una chitarra flamenco. Da un lato esiste una chitarra dal suono acido, fortemente percussivo, che personalmente non ritengo adatta alla musica classica, dall' altro alcuni liutai, che spesso costruiscono anche classiche, producono una chitarra che ha un suono argentino, ma delicato, una chitarra con un po' più di presenza nei cantini, con bassi timbricamente leggermente differenti rispetto ad una classica, ma comunque presenti e che pertanto potrebbe essere utilizzata nell' ambito della musica classica, almeno all' interno di certi specifici repertori.
A titolo di esempio vorrei utilizzare le splendide chitarre della liutaia granadina Ana Espinosa, che costruisce sia la classica che la flamenco nella versione blanca e in quella negra.
Ecco la classica : https://youtu.be/PyQlJJGZego
Ecco la negra : https://youtu.be/tWqLj72suWE
Ecco la blanca : https://youtu.be/S5zvFRaJ5xw

Personalmente ho la sensazione che queste flamenco sarebbero utilizzabili in ambito classico e sarebbe interessante sentire ad esempio una sonata di Scarlatti suonata con una di queste. Purtroppo mi sembra che questo tipo di scelta non è praticata normalmente e mi chiedo se cio' avviene perchè sono inadatte o per una sorta di conservatorismo culturale. Per me sarebbe interessante raccogliere testimonianze in proposito o almeno qualche opinione. Sarebbe anche molto bello se esposizioni come l' expo di Roma
volessero valutare l' idea di invitare qualche liutaio come Ana Espinosa, in modo da dare la possibilità di potersi fare un' idea, senza necessariamente recarsi in Spagna.

Torna a “Liutai, luthiers”